28 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/01/2014, 00.00

    VIETNAM

    Saigon: contro i cattolici minacce e pressioni delle autorità per i terreni contesi

    HT

    Al centro della controversia la parrocchia di Thủ Thiêm e gli edifici usati da un gruppo di religiose. I vertici del Distretto 2 intendono impossessarsi dell’area, nonostante la presenza centenaria della comunità cristiana, in violazione ai diritti e alla Costituzione. I fedeli accusano l’amministrazione di Ho Chi Minh City di “coprire gli abusi” e affossare “tradizioni storiche e culturali”.

    Ho Chi Minh City (AsiaNews) - Le autorità del Distretto numero 2 di Ho Chi Minh City vogliono espropriare terreni e proprietà dell'arcidiocesi di Saigon, cacciando due istituti religiosi centenari per dar vita a un progetto di "Nuova urbanizzazione". Al centro della contesa la parrocchia di Thủ Thiêm, al servizio della comunità da oltre 150 anni, e gli edifici occupati dalle religiose della congregazione Amanti del Sacro Cuore (fra cui una cappella molto frequentata) sempre a Thủ Thiêm, presenti nell'area da 173 anni. Già a dicembre il distretto locale del Comitato popolare comunista aveva emesso un'ordinanza di sequestro, la numero 4825/UBND; ora intende imprimere un'accelerata all'operazione ed espropriare i cattolici del suolo e dei relativi annessi. 

    Per i vertici della comunità cattolica il sequestro va contro le leggi statali e costituisce una "violazione palese alla libertà religiosa". Le autorità del distretto non possono disporre di liquidazioni ed espropri di terreni, per questo la direttiva dei vertici comunisti della zona rappresenta un "colpo di mano" attuato mediante "persuasione, coercizione e minacce" contro due istituti religiosi. 

    Negli ultimi tempi i membri del Distretto 2 hanno prima cercato di approfittare di un periodo di malattia del card card. Jean Baptist Phạm Minh Mẫn per negoziare la vendita dei beni, mettendo pressioni sul porporato perché desse il via libera all'operazione. Per i terreni e annessi della parrocchia di Thủ Thiêm, circa 4mila metri quadrati, avrebbero offerto circa 750mila dollari; poco più di un milione e 300mila, invece, per gli oltre due ettari appartenenti alla congregazione femminile.

    In un secondo momento hanno attuato vere e proprie minacce e coercizioni nei confronti di un sacerdote (J.B. Lê Đăng Liêm), mentre si trovava in condizioni fisiche precarie in un letto di ospedale. Tuttavia, il parroco di Thủ Thiêm non si è piegato e ha risposto loro che era "pronto al martirio per la parrocchia e la Chiesa del Vietnam". 

    Un fedele della parrocchia di Thủ Thiêm spiega ad AsiaNews che l'amministrazione di Ho Chi Minh City ha "coperto gli abusi commessi dai vertici del Distretto 2" e che questi, come sempre accade quando si tratta di soldi e affari, non esitano a perpetrare ogni forma di abusi e violazioni dei diritti. Gli fa eco un altro parrocchiano, secondo cui "le autorità cittadine reputano più importante il denaro delle tradizioni storiche e culturali". I progetti di urbanizzazione, avvertono i cittadini, distruggeranno l'ambiente, inquineranno ancor più l'area e recheranno maggiori danni alla popolazione, in particolare le nuove generazioni. 

    Negli ultimi anni la Chiesa vietnamita e la comunità cattolica si sono più volte scontrate con le autorità per vicende legate al possesso dei terreni e degli edifici, la maggior parte dei quali dal grande valore storico e artistico. Del resto l'annosa questione delle proprietà (terriere e non) nel Paese è fonte di ripetuti abusi ed espropri forzati verso singoli e comunità; una pratica che non viola solo il diritto e la Costituzione, ma rappresenta anche un freno notevole allo sviluppo economico della nazione. E l'allarme non viene solo dai vertici ecclesiastici, ma dagli stessi esperti della Banca mondiale, secondo cui il fenomeno può innescare "rivolte sociali". 

    Oggi in Vietnam, a fronte di una popolazione di circa 87 milioni di persone, i buddisti sono il 48%; i cattolici poco più del 7%, seguiti dai sincretisti al 5,6%; infine, vi è un 20% circa che si dichiara ateo. Pur essendo una minoranza (sebbene significativa), la comunità cristiana è attiva in particolare nei settori dell'educazione, sanità e sociale. Di contro, la libertà religiosa è in costante diminuzione: l'introduzione del Decreto 92 ha imposto, di fatto, maggiori controlli e restrizioni alla pratica del culto, che è sempre più vincolata ai dettami e alle direttive del governo e del Partito unico comunista.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/11/2015 VIETNAM
    Saigon, edifici cattolici nel mirino dei comunisti. Suore in campo contro l’esproprio
    Tre strutture appartenenti alla Congregazione delle Amanti della Santa Croce di Thủ Thiêm sono contese dall’amministrazione locale. Secondo l’accordo fra governo e cattolici, gli edifici devono ospitare scuole; il distretto vuole modificare la destinazione d’uso. I vertici della Chiesa locale e i fedeli accanto alle religiose nella loro battaglia.

    20/12/2013 VIETNAM
    Banca mondiale e Chiesa vietnamita contro gli espropri forzati: un freno allo sviluppo
    Le tensioni sociali che derivano dalle dispute sulle terre allontanano gli investitori stranieri e ridimensionano la crescita. Previsto l’indice di sviluppo più basso dal 1999 a oggi. In tre anni oltre 700mila dispute, a rischio decine di progetti infrastrutturali. Conferenza episcopale: servono modifiche costituzionali a tutela della proprietà. Funzionaria Onu a sostegno dei cattolici di Con Dau.

    12/04/2013 VIETNAM
    Vietnam, condannato un funzionario per l’esproprio alla “famiglia coraggio”
    La corte di Tien Lang ha inflitto 30 mesi di prigione a Nguyen Van Khanh, vice-presidente del distretto, per distruzione di proprietà. È uno dei rari casi di incriminazione verso le autorità locali colpevoli di abusi. Tuttavia, secondo la moglie di Van Vuon egli è solo un capro espiatorio e i veri responsabili sono rimasti impuniti.

    05/04/2013 VIETNAM
    Hanoi: cinque anni a Peter Doan Van Vuon, eroe della lotta contro gli espropri forzati
    La condanna per la “famiglia coraggio” è arrivata, ma è inferiore alle previsioni. Per i familiari maschi pene da due a cinque anni, sospesa l’esecutività della sentenza per le donne. Riconosciuto il “danno all’ordine sociale”. Tuttavia, i giudici non avrebbero infierito per evitare di alimentare tensioni sociali.

    04/04/2013 VIETNAM
    Vescovi vietnamiti a difesa della famiglia che ha lottato contro gli espropri forzati
    È in corso il processo a carico di Peter Doan Van Vuon, accusato di “omicidio” per aver difeso la propria attività commerciale da un esproprio forzato. Due prelati lanciano una petizione, in cui sottolineano che l’uomo e i familiari sono innocenti e vittime degli abusi perpetrati dalle autorità locali. La loro storia esempio di coraggio per molti vietnamiti.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®