13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/11/2011, 00.00

    SIRIA

    Sanzioni della Lega araba per fermare le uccisioni di civili in Siria



    La decisione, senza precedenti, blocca tutti i rapporti economici tra Damasco e i Paesi aderenti all’organizzazione. Non si fermano gli scontri: uccisi di 31 civili e 12 uomini delle forze di sicurezza. Il regime organizza manifestazioni a proprio favore. La Russia annuncia che un gruppo di sue navi da guerra in primavera sarà nel porto di Tartus.
    Beirut (AsiaNews) – Sospensione di tutte le transazioni con il governo e la banca centrale di Damasco, sospensione dei voli da e per la Siria, divieto di ingresso nei Paesi arabi per i funzionari pubblici, congelamento delle collaborazioni economiche. Sono le sanzioni contro il regime di Bashar al-Assad decise ieri dai ministri degli esteri della Lega Araba, approvate con 19 voti a favore, un astenuto (l’Iraq) e due voti contrari (Libano e Yemen).

    L’annuncio è arrivato contemporaneamente all’ennesimo bilancio di quella che appare sempre più divenire una guerra civile e che parla di 31 civili e 12 uomini delle forze di sicurezza caduti negli scontri di ieri.

    La decisione della Lega araba, la prima del genere mai presa dall’organizzazione panaraba, minaccia di avere ripercussioni pesanti su Damasco, visto che, secondo l’Ufficio siriano di statistica, il 52,3% delle esportazioni siriane sono dirette verso i Paesi arabi, dai quali proviene il 16,4% delle importazioni.

    Le sanzioni, a quanto dichiarato dal primo ministro del Qatar, Hamad bin Jassim al-Thani, mirano a convincere Damasco a “fermare l’uccisione di civili”, a “firmare il protocollo d’intesa” con la stessa organizzazione per la una soluzione pacifica della situazione e a “tentare di prevenire ogni intervento straniero”. E saranno “riconsiderate” se la Siria aderirà alle richieste della Lega, ha precisato il segretario generale dell’organizzazione, Nabil Elaraby,

    Opposta la lettura data dalle autorità siriane: il ministro degli esteri Walid Muallem afferma che la Lega araba vuole “internazionalizzare la crisi” e quello dell’economia Nidal al-Shaar che “saranno danneggiate tutte le parti”, mentre l’agenzia ufficiale SANA riferisce di “decine di migliaia di siriani (nella foto) che si sono riuniti nelle piazza di Damasco, Tartous, Lattakia e Hasaka per condannare la decisione del Consiglio dei ministri della Lega araba” e che “hanno espresso il loro sostegno alle posizioni e al programma di riforme sotto la leadership del presidente Bashar al-Assad”.

    Che potrebbe trovare un sostegno dalla notizia, data oggi dall’Izvestia, che in gruppo navale russo, comprendente la portaerei Admiral Kuznetsov, sarà nel porto siriano di Tartus, nella primavere dell’anno prossimo.

    Di segno opposto dichiarazioni dei ministri degli Esteri francese, Alain Juppé, per il quale Assad ha “i giorni contati”, del turco Ahmet Davutoglu, per il quale Ankara armonizzerà la sua politica con quella della Lega araba e del giordano Nasser Judeh che ha dichiarato che il suo Paese ha accolto 100 soldati e poliziotti siriani che hanno disertato. (PD)
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/11/2011 SIRIA
    Il “giorno più sanguinoso”: 70 morti, anche un ragazzo che si rifiuta di sfilare per Assad
    La Lega araba si prepara a inviare 500 osservatori a Damasco: la decisione, che sarà presa domani, sottoposta alla garanzia siriana sulla sicurezza della delegazione. Il Ministro degli esteri siriano “molto pericolosa” la decisione della Lega araba di sospendere il suo Paese, chiede una riunione urgente dell’organizzazione, rinnova le accuse contro gli Usa e loda Cina e Russia che si oppongono a sanzioni contro Damasco.

    18/01/2012 SIRIA
    Siria: accordo regime-ribelli per cessare il fuoco a Zabadani. Obama: Assad se ne vada
    Una tregua sarebbe stata concordata con i responsabili della città, vicina al confine con il Libano, centro della resistenza al regime. Il 22 gli osservatori della Lega araba consegnano il loro rapporto. Damasco è disponibile a una proroga di un mese della missione. Obama incontra Abdullah di Giordania e chiede al presidente siriano di farsi da parte.

    28/02/2008 GIORDANIA-SIRIA-LIBANO
    Amman potrebbe unirsi al boicottaggio contro il vertice di Damasco
    L’ipotesi emersa dopo un incontro del re di Giordania con quello saudita. La minaccia mira a spingere la Siria a rendere possibile l’elezione del presidente libanese.

    17/11/2011 SIRIA
    Ultimatum della Lega araba a Damasco: pace in tre giorni, o sanzioni
    I ministri degli Esteri riuniti a Rabat hanno dato tre giorni di tempo ad Assad per porre fine alla repressione armata e permettere l’ingresso di osservatori nel Paese, e chiedono una “soluzione della crisi senza alcun intervento straniero”. La Francia e il Marocco richiamano gli ambasciatori dopo gli attacchi alle ambasciate.

    16/11/2011 SIRIA
    Siria sempre più isolata, Turchia e Arabia Saudita per un intervento stile Libia
    Ankara minaccia i tagli alle forniture di energia elettrica e annuncia la fine tragica di Assad. In corso a Rabat il vertice della Lega Araba, per espellere la Siria. Giunti a Damasco i 500 osservatori della Lega, incaricati di verificare la situazione dei civili. Ribelli armati assaltano una base militare ad Harasta.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®