20 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/02/2018, 12.32

    INDIA

    Suore indiane ‘le uniche che combattono il traffico di esseri umani’

    Nirmala Carvalho

    L’organizzazione Amrat raduna più di 100 suore in tutto il Paese. Fondata nel 2009, ha creato una rete di collaborazione tra gruppi civili e sociali. Ieri si celebrava la Giornata mondiale di preghiera e riflessione contro la Tratta. In India almeno 18 milioni di persone vivono in condizioni di schiavitù.

    Mumbai (AsiaNews) – “La verità è che in India le uniche che lavorano all’interno della Chiesa per combattere il traffico di esseri umani sono le suore”. Lo afferma ad AsiaNews Luke de Pulford, direttore della Arise Foundation, Ong londinese che collabora con Amrat (Asian Movement Of Women Religious Against Human Trafficking). Egli interviene sul tema della Giornata mondiale di preghiera e riflessione contro la Tratta, che si è svolta ieri in occasione della memoria liturgica di santa Giuseppina Bakhita, la schiava sudanese divenuta santa. “Sono le suore – aggiunge – la principale arma della Chiesa contro questo male. Esse vivono insieme ai poveri per impedire che cadano nelle mani dei trafficanti. Spesso mettono a rischio la propria vita per denunciare le operazioni del crimine organizzato nelle aree in cui tali sforzi sono più pericolosi. La loro voce deve essere udita forte e chiaro”.

    Nel novembre scorso a Bangalore si è svolta la convention annuale di Amrat, che ha radunato 105 suore da tutto il Paese. Fondata nel 2009 da sr. Jyoti SB, vuole proteggere e promuovere la dignità umana delle persone vulnerabili. L’organizzazione si impegna a indentificare e riunire altre associazioni e istituzioni per creare un network di contrasto al traffico di esseri umani.

    De Pulford sostiene che “l’India offre un modello esemplare di come le religiose siano riuscite a creare una rete per il recupero e il reinserimento di migliaia di scampati a situazioni di sfruttamento e schiavitù”. Il lavoro delle suore, aggiunge, “ha qualcosa di miracoloso. Danno la loro vita per coloro che soffrono e spesso sono sovrastate da chi ha bisogno di aiuto. Lavorano per amore della persona che hanno di fronte. Non ci guadagnano nulla. Cooperare insieme con esse è per Arise un grande privilegio”. L’attivista aggiunge che all’incontro di novembre “una suora che lavora nel nord-est dell’India ha descritto la fuga di migliaia di bambini attraverso il poroso confine con il Nepal. Poi si rammaricava del fatto che non avesse abbastanza risorse per dare loro una casa, un pasto caldo e tutta la dedizione di cui ha bisogno una persona vittima di tale sofferenza e sfruttamento”.

    Amrat sostiene l’immigrazione sicura e raccoglie dati sul traffico umano, che servono anche allo Stato per contrastare il fenomeno. Organizza campagne di consapevolezza del rischio della tratta e iniziative per la prevenzione nelle scuole e nei luoghi d’intervento.

    In termini di numeri, ricorda de Pulford, “l’India è il Paese che si trova nella situazione peggiore a livello mondiale. Leggi recenti hanno portato a grandi progressi nel campo della prevenzione dello sfruttamento sessuale e lavorativo, ma manca ancora l’applicazione. Secondo le ultime stime dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo), almeno 18 milioni di indiani vivono in condizioni di schiavitù. Intanto i processi giudiziari sono rari e le agenzie di collocamento sfruttano i lavoratori in tutto il Paese e rimangono per lo più non soggette a regolamentazione”. Poi conclude: “Mentre è giunto il tempo di riflettere su questo moderno male, è anche ora di celebrare chi con devozione gratuita lavora per eliminarlo”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/02/2018 14:35:00 FILIPPINE
    Manila, la Giornata contro la tratta di esseri umani

    In tutto il mondo ogni anno 40 milioni di persone sono vittime del fenomeno. Circa 150mila di essi sono cittadini filippini. La comunità cattolica lavora a stretto contatto con le agenzie governative. Mons. Ruperto Cruz Santos: “Educazione, divulgazione e programmi politici sono le priorità”.



    08/02/2017 15:25:00 INDIA
    Suora indiana: Negli occhi dei bambini usati come schiavi, un pianto per la vita

    Oggi si celebra la terza Giornata mondiale di preghiera, riflessione e azione contro la tratta. È stata istituita da papa Francesco nel giorno della memoria liturgica di santa Giuseppina Bakhita. Suor Gracy fa parte del Movimento asiatico delle religiose contro il traffico di esseri umani. In tutto il mondo iniziative per contrastare la riduzione in schiavitù.



    25/06/2014 THAILANDIA
    Traffico di esseri umani, la Thailandia di nuovo fra i peggiori Paesi al mondo
    Il Rapporto 2014 del Dipartimento di Stato Usa declassa il Paese asiatico, che lo scorso anno invece aveva mostrato miglioramenti. Per il documento gli sforzi mostrati da Bangkok sono stati "insufficienti" data l'entità del problema e il coinvolgimento di civili corrotti e ufficiali dell'esercito "conniventi".

    30/07/2017 12:25:00 VATICANO
    Papa: L’impegno di tutti contro la schiavitù moderna della tratta di persone. Il tesoro e la perla

    All’Angelus papa Francesco fa recitare un’Ave Maria “perché sostenga le vittime della tratta e converta i cuori dei trafficanti”. Alla tratta di esseri umani, “piaga aberrante”, sembra che il mondo si stia abituando: “questo è brutto, crudele, criminale!”. Le parabole del tesoro e della perla preziosa. La ricerca “è la condizione essenziale per trovare”. Quando il tesoro e la perla sono stati scoperti, occorre anche “sacrificio, distacchi e rinunce”. La gioia del contadino e del mercante delle parabole “è la gioia di ognuno di noi quando scopriamo la vicinanza e la presenza consolante di Gesù nella nostra vita”.



    04/02/2015 INDIA - NUOVI SCHIAVI
    India, storia di Prema e Reema: dal sogno di una nuova vita all'incubo della prostituzione
    Una testimonianza dell'Asian Movement of Women Religious Against Human Trafficking (Amrat), che rappresenta l'impegno congiunto degli ordini religiosi femminili in Asia meridionale. L'India conta quasi 15 milioni di schiavi: nel 2013 i nuovi casi sono stati 4.566. Le prime vittime sono bambini e ragazze.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®