26 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/06/2016, 11.03

    IRAN - STATI UNITI

    Teheran: Arabia Saudita e Usa sostengono il terrorismo di Stato, di certo non l'Iran



    Il Dipartimento di Stato americano indica di nuovo la Repubblica islamica quale principale nazione al mondo filo-terrorista. Replica di Teheran, che rivendica il proprio ruolo nella lotta a gruppi jihadisti in Iraq, Siria. E rilancia la solidarietà al popolo palestinese che vive “in condizioni di occupazione” da parte di Israele con il consenso americano. 

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) - Teheran respinge al mittente le accuse di “terrorismo” lanciate dagli Stati Uniti, sottolineando che la Repubblica islamica sostiene “la lotta legittima di nazioni che vivono in condizioni di occupazione”. La posizione ufficiale del governo è stata espressa dal ministero degli Esteri, critico verso la decisione del Dipartimento di Stato americano di inserire anche per quest’anno il Paese nella “lista nera” dei sostenitori a vario titolo del terrorismo e di movimenti estremisti. Al contrario, secondo l’Iran sono alcuni alleati Usa come l’Arabia Saudita “i veri colpevoli”. 

    In risposta alla decisione americana Hossein Jaberi Ansari, portavoce del ministero iraniano degli Esteri, ha dichiarato all’agenzia Irna che “la lotta legittima di nazioni che vivono in condizioni di occupazione […] non può essere un esempio di terrorismo”. Di contro, secondo il funzionario di Teheran sono da condannare “le interferenze dell’esercito Usa” e il “sostegno” con effetti “distruttivi” di “gruppi terroristi in Iraq, Afghanistan, Siria, Libia e Yemen”. 

    Come avvenuto a più riprese anche in passato, il rapporto del Dipartimento di Stato americano indica l’Iran quale principale “nazione al mondo sostenitrice del terrorismo”. Per gli esperti Usa Teheran alimenta i conflitti in Siria e Iraq, ed è legata all’opposizione sciita (violenta) in Bahrain. 

    Di contro, il governo iraniano ha ricordato in queste ore il suo ruolo a favore del governo irakeno contro lo Stato islamico (SI). E ancora, la vicinanza al governo di Damasco impegnato nella lotta ai gruppi jihadisti e ribelli filo-islamici, alcuni dei quali vicini all’Arabia Saudita, alleato di Washington nella regione. 

    “Mentre gli alleati Usa nella regione sostengono a vario titolo Daesh [acronimo arabo per lo SI] - ha aggiunto Hossein Jaberi Ansari - e altri gruppi terroristi, la Repubblica islamica dell’Iran è in prima linea nella lotta contro il terrorismo in Iraq e in Siria”. 

    E ancora, il legame fra Washington e Israele a dispetto della decennale occupazione della Palestina fanno proprio degli Stati Uniti “il più grande sponsor del terrorismo di Stato”. 

    Dopo anni di embargo, l’Iran ha ottenuto un parziale alleggerimento delle sanzioni economiche dell’Occidente, in cambio dell’accordo sul controverso programma atomico [per usi civili secondo Teheran, per produrre la bomba secondo altri Paesi fra cui Israele]. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno mantenuto in vigore tutta una serie di sanzioni per il programma di missili balistici di Teheran, oltre che per il sostegno [armato] a movimenti sciiti in Medio oriente. Tra questi Hezbollah in Libano, il governo di Damasco in Siria e gli Houthi in Yemen. 

    Le banche europee, che hanno delle filiali in territorio americano, si sono mostrate timide e non hanno ancora promosso appieno una ripresa degli affari e dei rapporti commerciali con Teheran, nel timore di procedimenti giudiziari oltre-oceano. Anche di recente Washington ha bloccato l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Ostacoli che, di fatto, favoriscono la fazione fondamentalista interna in Iran e mettono in crisi il programma di riforme del presidente moderato Hassan Rouhani.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/05/2017 08:48:00 A.SAUDITA-IRAN
    Zarif: Trump ‘succhia’ i soldi dell’Arabia saudita

    È la prima reazione di Teheran al discorso tenuto dal presidente Usa a Riyadh, davanti a 35 capi di Stato. Per Trump e re Salman l’Iran “sostiene, arma e addestra terroristi, milizie”. Fra Usa e sauditi firmati contratti per circa 400miliardi di dollari in forniture di armi e sicurezza.



    04/02/2013 IRAN
    Iran e Usa aperti a dialoghi bilaterali. Scontenti Israele e sauditi
    Joe Biden, vicepresidente Usa, è pronto a negoziati diretti, se gli ayatollah sono "seri". Il ministro iraniano degli esteri accetta, se le intenzioni di Washington sono "autentiche". Il 25 febbraio in Kazakistan riprendono i colloqui P5+1 sul programma nucleare. Israele e Arabia saudita vedono bene l'opzione militare contro Teheran e criticano la mollezza Usa. L'eliminazione di Assad è il primo passo per attaccare l'Iran.

    29/08/2012 A.SAUDITA - USA
    L'Arabia saudita è il miglior cliente nell'acquisto di armi
    Grazie alle armi acquistate da Riyadh, nel 2011 gli Stati Uniti hanno triplicato le vendite. Il Medio oriente si conferma la migliore piazza per il mercato delle armi. L'Arabia saudita ha acquistato 84 aerei da combattimento e decine di elicotteri militari. Gli Emirati hanno acquistato scudi missilistici ed elicotteri. I timori per un attacco dall'Iran e il sostegno alla rivolta in Siria.

    21/04/2016 08:50:00 YEMEN-ARABIA SAUDITA
    Kuwait, al via i dialoghi di pace yemeniti

    Dovevano avere luogo quattro giorni fa. Sono stati rimandati per la rottura della tregua. I dialoghi sono sponsorizzati dall’Onu. In oltre un anno di conflitto vi sono stati 6400 morti e quasi 3 milioni di sfollati. La presenza di Al Qaeda e Daesh “alleati” della coalizione saudita. Le suore di Madre Teresa e il rapimento di p. Tom Uzhunnalil.



    30/05/2009 IRAN
    Impiccati 3 uomini per l’attacco alla moschea di Zahedan. Sospetti sugli Usa
    I 3 condannati a morte erano stati arrestati giorni prima dell’attentato per aver introdotto esplosivo in Iran. L’esecuzione è avvenuta a pochi passi dalla moschea. Ahmadinejad frena le tensioni fra sunniti e sciiti e accusa “complotti stranieri”. Khamenei punta il dito contro gli Stati Uniti. Accuse anche ad Israele. Le condoglianze di Ban Ki-moon



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®