20 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/06/2016, 11.03

    IRAN - STATI UNITI

    Teheran: Arabia Saudita e Usa sostengono il terrorismo di Stato, di certo non l'Iran



    Il Dipartimento di Stato americano indica di nuovo la Repubblica islamica quale principale nazione al mondo filo-terrorista. Replica di Teheran, che rivendica il proprio ruolo nella lotta a gruppi jihadisti in Iraq, Siria. E rilancia la solidarietà al popolo palestinese che vive “in condizioni di occupazione” da parte di Israele con il consenso americano. 

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) - Teheran respinge al mittente le accuse di “terrorismo” lanciate dagli Stati Uniti, sottolineando che la Repubblica islamica sostiene “la lotta legittima di nazioni che vivono in condizioni di occupazione”. La posizione ufficiale del governo è stata espressa dal ministero degli Esteri, critico verso la decisione del Dipartimento di Stato americano di inserire anche per quest’anno il Paese nella “lista nera” dei sostenitori a vario titolo del terrorismo e di movimenti estremisti. Al contrario, secondo l’Iran sono alcuni alleati Usa come l’Arabia Saudita “i veri colpevoli”. 

    In risposta alla decisione americana Hossein Jaberi Ansari, portavoce del ministero iraniano degli Esteri, ha dichiarato all’agenzia Irna che “la lotta legittima di nazioni che vivono in condizioni di occupazione […] non può essere un esempio di terrorismo”. Di contro, secondo il funzionario di Teheran sono da condannare “le interferenze dell’esercito Usa” e il “sostegno” con effetti “distruttivi” di “gruppi terroristi in Iraq, Afghanistan, Siria, Libia e Yemen”. 

    Come avvenuto a più riprese anche in passato, il rapporto del Dipartimento di Stato americano indica l’Iran quale principale “nazione al mondo sostenitrice del terrorismo”. Per gli esperti Usa Teheran alimenta i conflitti in Siria e Iraq, ed è legata all’opposizione sciita (violenta) in Bahrain. 

    Di contro, il governo iraniano ha ricordato in queste ore il suo ruolo a favore del governo irakeno contro lo Stato islamico (SI). E ancora, la vicinanza al governo di Damasco impegnato nella lotta ai gruppi jihadisti e ribelli filo-islamici, alcuni dei quali vicini all’Arabia Saudita, alleato di Washington nella regione. 

    “Mentre gli alleati Usa nella regione sostengono a vario titolo Daesh [acronimo arabo per lo SI] - ha aggiunto Hossein Jaberi Ansari - e altri gruppi terroristi, la Repubblica islamica dell’Iran è in prima linea nella lotta contro il terrorismo in Iraq e in Siria”. 

    E ancora, il legame fra Washington e Israele a dispetto della decennale occupazione della Palestina fanno proprio degli Stati Uniti “il più grande sponsor del terrorismo di Stato”. 

    Dopo anni di embargo, l’Iran ha ottenuto un parziale alleggerimento delle sanzioni economiche dell’Occidente, in cambio dell’accordo sul controverso programma atomico [per usi civili secondo Teheran, per produrre la bomba secondo altri Paesi fra cui Israele]. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno mantenuto in vigore tutta una serie di sanzioni per il programma di missili balistici di Teheran, oltre che per il sostegno [armato] a movimenti sciiti in Medio oriente. Tra questi Hezbollah in Libano, il governo di Damasco in Siria e gli Houthi in Yemen. 

    Le banche europee, che hanno delle filiali in territorio americano, si sono mostrate timide e non hanno ancora promosso appieno una ripresa degli affari e dei rapporti commerciali con Teheran, nel timore di procedimenti giudiziari oltre-oceano. Anche di recente Washington ha bloccato l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Ostacoli che, di fatto, favoriscono la fazione fondamentalista interna in Iran e mettono in crisi il programma di riforme del presidente moderato Hassan Rouhani.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/05/2017 09:05:00 MEDIO ORIENTE - STATI UNITI
    Conflitto siriano: da Washington nuove armi ai ribelli in lotta contro Assad (e l’Iran)

    La politica a due facce degli Usa con le milizie sciite filo-iraniane: alleati in Iraq, nemici in Siria. Gli scontri fra ribelli e combattenti sciiti si concentrano nel sud-est del Paese. L’obiettivo è creare una via di rifornimento che collega Siria e Iraq. I problemi per la regione mediorientale e gli ostacoli al processo di riforme intrapreso a Teheran. 

     



    22/05/2017 08:48:00 A.SAUDITA-IRAN
    Zarif: Trump ‘succhia’ i soldi dell’Arabia saudita

    È la prima reazione di Teheran al discorso tenuto dal presidente Usa a Riyadh, davanti a 35 capi di Stato. Per Trump e re Salman l’Iran “sostiene, arma e addestra terroristi, milizie”. Fra Usa e sauditi firmati contratti per circa 400miliardi di dollari in forniture di armi e sicurezza.



    17/08/2017 08:58:00 ARABIA SAUDITA - QATAR
    Riyadh apre la frontiera col Qatar per lasciar entrare i pellegrini dell'hajj

    Re Salman ordina la riapertura dell’area di confine di Salwa. Un gesto di cortesia verso la popolazione e i fedeli musulmani, ma restano le profonde divisioni fra i due Paesi. Il Bahrain accusa il Qatar di aver fomentato le rivolte anti-governative del passato. E mostra contatti fra l’ex premier di Doha e l’ex leader dell’opposizione interna.  

     



    04/02/2013 IRAN
    Iran e Usa aperti a dialoghi bilaterali. Scontenti Israele e sauditi
    Joe Biden, vicepresidente Usa, è pronto a negoziati diretti, se gli ayatollah sono "seri". Il ministro iraniano degli esteri accetta, se le intenzioni di Washington sono "autentiche". Il 25 febbraio in Kazakistan riprendono i colloqui P5+1 sul programma nucleare. Israele e Arabia saudita vedono bene l'opzione militare contro Teheran e criticano la mollezza Usa. L'eliminazione di Assad è il primo passo per attaccare l'Iran.

    29/08/2012 A.SAUDITA - USA
    L'Arabia saudita è il miglior cliente nell'acquisto di armi
    Grazie alle armi acquistate da Riyadh, nel 2011 gli Stati Uniti hanno triplicato le vendite. Il Medio oriente si conferma la migliore piazza per il mercato delle armi. L'Arabia saudita ha acquistato 84 aerei da combattimento e decine di elicotteri militari. Gli Emirati hanno acquistato scudi missilistici ed elicotteri. I timori per un attacco dall'Iran e il sostegno alla rivolta in Siria.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®