21 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/07/2017, 12.10

    IRAN - FRANCIA

    Total, accordo multi-miliardario con l’Iran a dispetto delle sanzioni Usa



    È la prima azienda a firmare un accordo così importante con l’Iran da più di 10 anni. Un investimento 4,8 miliardi di dollari. La posizione ostile Usa rallenta la normalizzazione dei rapporti economici del Paese, ma l’Europa guarda con interesse a futuri accordi. Zarif: impegno per l’accordo nucleare “a dispetto della sconsiderata ostilità Usa”.

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) –  Total, il gigante francese dell’industria energetica, ha firmato ieri un accordo multi-miliardario con l’Iran, a dispetto delle sanzioni e delle minacce americane. È la prima azienda europea energetica a stringere un accordo di questa portata in più di 10 anni, e la più grande dimostrazione di fiducia verso la Repubblica islamica dall’alleggerimento parziale delle sanzioni nel 2015.

    La compagnia francese investirà 880 milioni di euro nel giacimento di gas South Pars come partner di un consorzio che include compagnie cinesi e iraniane.

    L’amministratore delegato di Total, Patrick Pouyanne, e il ministro iraniano per il petrolio, Namadar Zanganeh, hanno firmato un accordo per 20 anni, durante i quali il consorzio verserà 4,8 miliardi di dollari per il progetto “fase 11” di sviluppo del South Pars.

    La Total avrà il 50.1% della quota del progetto contro il 30% della China National Petroleum Corporation (Cnpc) e il 19.9% dell’iraniana Petropars. L’obiettivo è avviare l’immissione di gas nella rete nazionale iraniana nel 2021, ed arrivare a 50,9 milioni di metri cubi di gas al giorno.

    Le aziende europee guardano con profondo interesse all’Iran, secondo Paese al mondo per riserve di gas naturale e quarto per il petrolio. Tuttavia, la posizione ostile degli Usa rende difficile la normalizzazione dei rapporti economici dell’Iran con il resto del mondo: marchi e banche internazionali sono restie a impegnarsi con Teheran per timore di ripercussioni da parte di Washington. La Shell e la compagnia russa Gazprom hanno firmato solo accordi preliminari. Proprio per non contravvenire alle misure americane, la Total ha designato un responsabile che verifichi la conformità dei contratti alle regole Usa.

    Lo scorso giugno, il senato Usa ha approvato una legge che impone nuove sanzioni all’Iran, accusandolo di sostenere “atti terroristici internazionali”. La legge deve essere ancora esaminata e adottata dalla Camera dei rappresentanti. Inoltre, non è chiaro se l’amministrazione del presidente Donald Trump deciderà di ritirare gli Stati Uniti dall’accordo nucleare con l’Iran.

    Tuttavia, è probabile che un tentativo di Trump di cancellare l’accordo incontri l’opposizione di altri Paesi firmatari come Regno Unito, Francia, Germania, Cina e Russia. Lo scorso mese, Il ministro iraniano degli esteri Javad Zarif ha incontrato i leader dell’Unione europea, commentando con un tweet il loro impegno per il mantenimento dell’accordo nucleare “a dispetto della sconsiderata ostilità Usa”.

    La Total ha una storia di legami con l’Iran, avendo guidato le fasi due e tre dello sviluppo del South Pars negli anni Novanta. Il marchio aveva firmato per sviluppare la fase 11 già nel 2009, ma era stata costretta ad abbandonare il progetto nel 2012, quando la Francia si era aggiunta ai partner dell’Unione europea nelle sanzioni guidate dagli Usa.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/11/2014 IRAN - USA
    Vienna, l'accordo sul nucleare iraniano "entro giugno 2015"
    Il gruppo del 5+1 conclude la tranche di colloqui in corso con Teheran con un prolungamento: la soluzione politica "arriverà entro marzo" mentre per i dettagli tecnici bisognerà aspettare l'estate. Nel frattempo, l'Iran potrà accedere ai conti esteri congelati come sanzione per il programma atomico.

    18/01/2016 12:36:00 IRAN
    L’ottimismo di Teheran più forte delle nuove sanzioni

    Gli Usa hanno varato sanzioni per gruppi legati ai test missilistici. Ma Obama esalta i “progressi storici” compiuti dall’Iran. A Teheran la borsa risponde bene; il rial ha aumentato il suo valore; i giornali economici vanno a ruba. I timori per le prossime elezioni del Consiglio degli esperti e del parlamento.



    29/04/2016 09:05:00 IRAN-USA
    Teheran chiede aiuto all’Onu per i fondi iraniani congelati negli Usa, gestiti dalla Corte suprema

    Una lettera di Javad Zarif a Ban Ki-moon, ricorda le ingiustizie subite dal popolo iraniano a causa della politica Usa. Critiche alla Corte suprema che permette lo sblocco di fondi congelati per ricompensare le vittime del terrorismo a Beirut.



    14/12/2016 08:52:00 IRAN - STATI UNITI
    Teheran, progetti di navi nucleari contro la durata dell'embargo Usa

    Il presidente iraniano Rouhani vuole sviluppare progetti di imbarcazioni a propulsione atomica. Una risposta alla decisione del Congresso statunitense di prolungare le misure punitive contro Teheran. Per gli esperti si tratta di una minaccia poco credibile: sforzo troppo costoso, privo di reali benefici strategici. 

     



    07/08/2015 IRAN
    L’accordo sul nucleare iraniano fa precipitare il prezzo del petrolio
    La firma ha fatto calare il prezzo del barile a meno di 50 dollari. Teheran è in grado di aumentare di 500mila barili la propria produzione giornaliera, a partire dalla rimozione delle sanzioni internazionali. Gli Stati Uniti minimizzano, Roma e Parigi cercano accordi preventivi. Il crollo dell’economia cinese e il ruolo dell’estate.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®