24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 04/03/2017, 11.48

    HONG KONG - CINA

    Un Ufficio affari religiosi per Hong Kong? La diocesi protesta; la candidata Carrie Lam lo cancella, dopo averlo suggerito

    Victoria Ma

    La proposta era contenuta nel programma elettorale di Carrie Lam, cattolica, candidata a capo dell’esecutivo. Timori di cattolici e protestanti per un possibile controllo sulle religioni. Il messaggio del card. Tong a Carrie Lam. La diocesi: Hong Kong non è come la Cina, dove il governo è ateo. A Hong Kong vi sono canali di comunicazione liberi fra religioni e governo. John Tsang, cattolico, anch’egli candidato a capo dell’esecutivo: Un ufficio inutile.

    Hong Kong (AsiaNews) – La diocesi di Hong Kong ha espresso la sua “risoluta opposizione” alla proposta di Carrie Lam (v. foto 1), candidata al posto di capo dell’esecutivo, sulla possibilità di varare un “Ufficio affari religiosi” per coordinare le politiche religiose del territorio.

    La proposta di Lam, contenuta nella sua piattaforma elettorale, ha scatenato opposizioni e timori fra gruppi protestanti e cattolici di Hong Kong, che vedono in essa un tentativo di controllo sulle religioni come avviene in Cina popolare.

    Ieri la diocesi ha diffuso una dichiarazione chiedendo con urgenza a Lam, anch’essa cattolica, di togliere questi punti dal suo programma elettorale dato che quest’idea “causerà senz’altro le preoccupazioni dei cristiani locali che temono per la libertò religiosa ad Hong Kong”. La diocesi fa notare che la Basic Law (la mini-costituzione del territorio) garantisce la piena libertà religiosa.

    Due giorni fa, il card. John Tong (foto 2), vescovo del territorio, ha scritto a Carrie Lam esprimendole la “decisa opposizione della diocesi per un possibile varo di un ‘ufficio affari religiosi’” o istituzione simile ad Hong Kong. In risposta alle preoccupazioni del crd. Tong, Carrie Lam ha detto di essere “dispiaciuta” che la sua idea “abbia prodotto fraintendimenti e incomprensioni”. Per evitare “ogni inutile incomprensione nella società e fra le comunità religiose”, ella afferma che se verrà eletta come capo dell’esecutivo, “non contemplerà tale idea nel suo governo”.

    Nella dichiarazione della diocesi, si fa notare che i rappresentanti del governo di Hong Kong “hanno canali sufficienti per contattare le religioni in modo diretto, senza alcun bisogno di ‘uffici affari religiosi’ o altri dipartimenti”.

    Il suggerimento di varare un “ufficio affari religiosi” può con molta facilità generare nella gente l’impressione che il governo locale voglia “dirigere e controllare” le religioni”, creando “inutili confusioni e conflitti nella società”.

    Nella dichiarazione si ricorda che al tempo della stesura della Basic Law, nell’aprile 1986, qualcuno aveva suggerito di includere qualche punto sulla “politica religiosa”, ma essa non è stata accettata dagli estensori rappresentanti del settore religioso di Hong Kong.

    La diocesi fa notare poi la differenza fra la Cina popolare e Hong Kong: la Cina è guidata da un governo comunista e ateo, i cui rappresentanti possono coinvolgere “uffici per gli affari religiosi” o altri dipartimenti simili per comprendere meglio le organizzazioni religiose, ma tali uffici non sono necessari ad Hong Kong dato che i canali di comunicazione fra il governo e le religioni vi sono e sono sufficienti.

    Un altro candidato a capo dell’esecutivo, John Tsang (foto 3), anch’egli cattolico, ha dichiarato di non essere d’accordo sul costituire un “Ufficio affari religiosi” per coordinare le materie religiose ad Hong Kong, dato che ogni religione ha le sue proprie tradizioni e punti di vista.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/04/2017 14:48:00 HONG KONG
    Il nuovo capo dell’esecutivo incontra il card. Tong

    Forse un incontro riparatore dopo la “gaffe” della proposta di un Ufficio affari religiosi per il territorio. La Lam ha ricordato di essere stata educata in una scuola cattolica e di seguire il motto “fare la verità nella carità”. Presente anche il vescovo coadiutore mons. Michael Young e il vicario episcopale Dominic Chan.



    29/03/2017 12:01:00 HONG KONG
    Elezioni per il governatorato di Hong Kong, l’analisi di Chit Wai John Mok

    Carrie Lam Cheng Yuet-Ngor è stata eletta prossimo governatore con 777 voti. Le ingerenze del governo cinese nella consultazione elettorale: “Pechino è intervenuta senza riserve nelle ‘elezioni’. Non ci sarà nessun ritorno alla pratica originale del principio ‘un Paese, due sistemi’”.



    30/03/2017 11:30:00 HONG KONG – CINA
    Il Card. Tong a Carrie Lam: La Chiesa per la piena democrazia e la libertà religiosa di Hong Kong

    In una lettera alla “candidata di Pechino”, il vescovo di Hong Kong promette un rapporto franco e diretto con il nuovo esecutivo come “un amico che dà uno schietto monito” al potere.



    29/04/2015 HONG KONG – CINA
    Hong Kong, la riforma elettorale di Pechino convince solo il 47% della popolazione
    Un sondaggio condotto da tre università del Territorio mostra che meno della metà degli abitanti appoggia la proposta “ispirata” da Pechino. La Segretaria dell’esecutivo Carrie Lam aveva parlato di un margine favorevole pari al 60%. Continua il braccio di ferro con i democratici, pronti a porre il veto sulla riforma che non concede vera democrazia.

    28/03/2017 11:37:00 HONG KONG – CINA
    Carrie Lam in visita agli uffici di Pechino ad Hong Kong

    Visita “di cortesia”, non ”di gratitudine”  per averla sostenuta nelle elezioni. La promessa di mantenere saldo il principio “una nazione, due sistemi”. “Preoccupante” l’influenza di Pechino.





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®