25 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/03/2017, 11.48

    HONG KONG - CINA

    Un Ufficio affari religiosi per Hong Kong? La diocesi protesta; la candidata Carrie Lam lo cancella, dopo averlo suggerito

    Victoria Ma

    La proposta era contenuta nel programma elettorale di Carrie Lam, cattolica, candidata a capo dell’esecutivo. Timori di cattolici e protestanti per un possibile controllo sulle religioni. Il messaggio del card. Tong a Carrie Lam. La diocesi: Hong Kong non è come la Cina, dove il governo è ateo. A Hong Kong vi sono canali di comunicazione liberi fra religioni e governo. John Tsang, cattolico, anch’egli candidato a capo dell’esecutivo: Un ufficio inutile.

    Hong Kong (AsiaNews) – La diocesi di Hong Kong ha espresso la sua “risoluta opposizione” alla proposta di Carrie Lam (v. foto 1), candidata al posto di capo dell’esecutivo, sulla possibilità di varare un “Ufficio affari religiosi” per coordinare le politiche religiose del territorio.

    La proposta di Lam, contenuta nella sua piattaforma elettorale, ha scatenato opposizioni e timori fra gruppi protestanti e cattolici di Hong Kong, che vedono in essa un tentativo di controllo sulle religioni come avviene in Cina popolare.

    Ieri la diocesi ha diffuso una dichiarazione chiedendo con urgenza a Lam, anch’essa cattolica, di togliere questi punti dal suo programma elettorale dato che quest’idea “causerà senz’altro le preoccupazioni dei cristiani locali che temono per la libertò religiosa ad Hong Kong”. La diocesi fa notare che la Basic Law (la mini-costituzione del territorio) garantisce la piena libertà religiosa.

    Due giorni fa, il card. John Tong (foto 2), vescovo del territorio, ha scritto a Carrie Lam esprimendole la “decisa opposizione della diocesi per un possibile varo di un ‘ufficio affari religiosi’” o istituzione simile ad Hong Kong. In risposta alle preoccupazioni del crd. Tong, Carrie Lam ha detto di essere “dispiaciuta” che la sua idea “abbia prodotto fraintendimenti e incomprensioni”. Per evitare “ogni inutile incomprensione nella società e fra le comunità religiose”, ella afferma che se verrà eletta come capo dell’esecutivo, “non contemplerà tale idea nel suo governo”.

    Nella dichiarazione della diocesi, si fa notare che i rappresentanti del governo di Hong Kong “hanno canali sufficienti per contattare le religioni in modo diretto, senza alcun bisogno di ‘uffici affari religiosi’ o altri dipartimenti”.

    Il suggerimento di varare un “ufficio affari religiosi” può con molta facilità generare nella gente l’impressione che il governo locale voglia “dirigere e controllare” le religioni”, creando “inutili confusioni e conflitti nella società”.

    Nella dichiarazione si ricorda che al tempo della stesura della Basic Law, nell’aprile 1986, qualcuno aveva suggerito di includere qualche punto sulla “politica religiosa”, ma essa non è stata accettata dagli estensori rappresentanti del settore religioso di Hong Kong.

    La diocesi fa notare poi la differenza fra la Cina popolare e Hong Kong: la Cina è guidata da un governo comunista e ateo, i cui rappresentanti possono coinvolgere “uffici per gli affari religiosi” o altri dipartimenti simili per comprendere meglio le organizzazioni religiose, ma tali uffici non sono necessari ad Hong Kong dato che i canali di comunicazione fra il governo e le religioni vi sono e sono sufficienti.

    Un altro candidato a capo dell’esecutivo, John Tsang (foto 3), anch’egli cattolico, ha dichiarato di non essere d’accordo sul costituire un “Ufficio affari religiosi” per coordinare le materie religiose ad Hong Kong, dato che ogni religione ha le sue proprie tradizioni e punti di vista.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/04/2015 HONG KONG – CINA
    Hong Kong, la riforma elettorale di Pechino convince solo il 47% della popolazione
    Un sondaggio condotto da tre università del Territorio mostra che meno della metà degli abitanti appoggia la proposta “ispirata” da Pechino. La Segretaria dell’esecutivo Carrie Lam aveva parlato di un margine favorevole pari al 60%. Continua il braccio di ferro con i democratici, pronti a porre il veto sulla riforma che non concede vera democrazia.

    21/03/2017 13:20:00 HONG KONG
    Elezioni ad Hong Kong: il 26 marzo la Commissione elettorale sceglierà il prossimo governatore

    A scegliere tra i tre candidati un’élite di 1.194 persone in una città di 7,3 milioni di abitanti. I favoriti sono Carrie Lam, sostenuta da Pechino, e John Tsang, candidato democratico. Il timore della polizia per eventuali disordini: pronto un piano di evacuazione per le autorità. La Commissione di Giustizia e pace si oppone al sistema di selezione: la legge elettorale è un’illusione di democrazia. “Il governo cinese mantiene il controllo del risultato e protegge gli interessi dei gruppi privilegiati”.



    26/03/2007 HONG KONG – CINA
    Grazie a Pechino, Donald Tsang di nuovo Capo dell’Esecutivo
    Con 649 voti a favore su 795 disponibili, il burocrate scelto da Pechino si è aggiudicato per i prossimi cinque anni la guida del Territorio. Lo sfidante, il democratico Leong, annuncia la sua ricandidatura per il 2012, mentre manifestanti urlano “vergogna” al neo-eletto ed al ristretto sistema che lo ha scelto.

    27/10/2010 HONG KONG – CINA
    Una nuova traduzione della Bibbia in cinese, fra censura e unità
    La Società biblica di Hong Kong, dopo 91 anni, presenta un’edizione aggiornata del testo sacro. Alla stesura hanno partecipato leader cristiani di tutte le confessioni e i membri dell’Ufficio Affari religiosi della Cina continentale. Per aggiornare le espressioni arcaiche del testo è stata però tenuta in conto anche la censura governativa.

    22/04/2015 HONG KONG – CINA
    Hong Kong, il governo chiude le porte al suffragio universale
    L’esecutivo del Territorio presenta al Consiglio Legislativo la proposta di riforma elettorale, identica a quella dell’Assemblea nazionale del Popolo di Pechino. Il voto sarà a maggio: servono almeno quattro deputati democratici per farla passare. Per ora il fronte dell’opposizione si dichiara unito: “Metteremo il veto”. Se il decreto non viene approvato, tutto rimane com’è.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®