18 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/02/2015, 00.00

    INDIA

    Varanasi, leader spirituali: Diversità religiosa, fondamento di pace e dialogo

    Nirmala Carvalho

    Per i 50 anni della dichiarazione conciliare "Nostra Aetate" personalità cristiane, musulmane, indù, buddiste e giainiste si sono incontrate nella città sacra indiana. Mons. Machado: "È necessario e possibile partecipare al dialogo rispettando le differenze tra credo, e per questo diventare più aperti gli uni verso gli altri". Vescovo di Pune: "Impariamo a convivere in pace".

    Mumbai (AsiaNews) - Si è concluso oggi a Varanasi un raduno interreligioso di leader spirituali cristiani, musulmani, indù, buddisti e giainisti, organizzato per "celebrare la diversità religiosa per promuovere un mondo di pace e amore". Occasione dell'incontro (14-16 febbraio) è stata la celebrazione del 50mo anniversario della promulgazione della dichiarazione conciliare Nostra Aetate (28 ottobre 1965). Presente in qualità di presidente dell'Ufficio per il dialogo interreligioso per la Conferenza episcopale indiana (Cbci) e dell'Ufficio per gli Affari ecumenici e interreligiosi della Federazione delle Conferenze episcopali asiatiche (Fabc), mons. Felix Machado dichiara ad AsiaNews: "Lo scopo e l'obiettivo del nostro dialogo a Varanasi è diffondere un messaggio di pace, che è il 'bene primario dell'umanità'".

    Alla tre giorni ha partecipato una delegazione vaticana composta da tre membri del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso, tra cui mons. Thomas Dabre, vescovo di Pune (Maharashtra). Sempre in rappresentanza della comunità cristiana, oltre a mons. Machado erano presenti mons. Albert D'Souza, arcivescovo di Agra e segretario generale della Cbci e mons. Peter Parapallil, vescovo di Jhansi e presidente della Commissione per il dialogo interreligioso del Consiglio regionale dei vescovi di Agra (Arbc). Anche mons. Salvatore Pennacchio, Nunzio apostolico in India, ha partecipato al raduno.

    La scelta di riunirsi a Varanasi ha un significato preciso. "Essa - sottolinea mons. Machado, che è vescovo di Vasai - è una città sacra dove persone di tutte le religioni vivono in armonia. Credenti indù e buddisti, i nostri fratelli musulmani e anche una considerevole comunità giainista: tutti coesistono con reciproca tolleranza, da generazioni".

    "L'Asia - spiega il presule - continua a riflettere la diversità religiosa del pianeta. Il dialogo interreligioso non è qualcosa di nuovo che appartiene alla Chiesa, ma è parte della fede cristiana. Stiamo commemorando il giubileo d'oro della Nostra Aetate, nella quale si afferma che la Chiesa 'esorta i suoi figli affinché, con prudenza e carità, per mezzo del dialogo e della collaborazione con i seguaci delle altre religioni, [...] riconoscano, conservino e facciano progredire i valori spirituali, morali e socio-culturali che si trovano in essi".

    "L'esperienza dell'umanità condivisa e della comunione dell'umanità - prosegue - costituiscono il fondamento teologico di base del dialogo interreligioso. È necessario e possibile partecipare al dialogo rispettando le differenze tra credo, e per questo diventare più aperti gli uni verso gli altri".

    Parlando con AsiaNews, mons. Dabre dichiara: "Le differenze possono condurre a esperienze bellissime. Tuttavia, anche se celebriamo la diversità, dobbiamo guardarci da chi dice che il relativismo è, a sua volta, eclettismo e sincretismo. Al contrario, dobbiamo riconoscere le nostre differenze e imparare a convivere con esse".

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/11/2009 INDIA
    In 15mila all'incontro dei Khrist Bhaktas, gli indù affascinati da Cristo
    Tre giorni di preghiera a riflessione a Varanasi. Partecipano anche leader cristiani, indù, buddisti, sikh e musulmani.

    18/03/2017 11:50:00 INDIA
    Orissa, 3mila fedeli al ritiro di Quaresima per il rinnovamento dello spirito

    Gli esercizi spirituali si sono svolti nella cattedrale di Nostra Signora del Santissimo Rosario a Cuttack. I partecipanti hanno riscoperto “il valore della preghiera e della grazia di Dio”. Il ritiro è stato guidato da p. Anil Dev, responsabile di un ashram dedicato alla Vergine a Varanasi. Il centro è un esempio di convivenza tra cristiani e indù.



    07/10/2011 NEPAL
    Gli indù festeggiano la Tika insieme a cattolici, protestanti e buddisti
    La festa è la più importante delle celebrazioni per il Dashain. L’invito rientra nei rapporti di dialogo interreligioso fra indù e minoranze. Musulmani chiedono giustizia per l’omicidio del loro leader Damodar Sharma avvenuto il 26 settembre.

    09/12/2013 NEPAL
    Nepal: Cristiani, indù, buddisti e musulmani si preparano insieme al Natale
    Per le strade della capitale la popolazione ha già addobbato case e negozi. Fra le immagini più vendute vi sono quelle di Gesù e della Vergine. Giovani volontari indù e cattolici decorano la cattedrale dell'Assunzione di Kathmandu. L'ex hotel del monarca indù organizza un party natalizio per diplomatici e vip con a tema l'armonia fra le fedi.

    14/04/2015 BANGLADESH
    Musulmani, indù e cristiani celebrano in pace il Nuovo anno bengalese
    La ricorrenza è festa nazionale in Bangladesh. Introdotta dall’imperatore mogul Akbar per festeggiare la riscossione delle tasse, la celebrazione non ha connotazione religiosa. Quest’anno è dedicato alla memoria dei blogger uccisi dai radicali islamici.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®