23 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/09/2016, 12.29

    VIETNAM

    Vescovi vietnamiti: La nuova legge sulle religioni, tra novità positive e vecchie ingerenze



    In un documento ufficiale scritto dal Comitato permanente, la Conferenza episcopale dà un giudizio sul progetto legislativo proposto da Hanoi. Lo Stato intende riconoscere le organizzazioni religiose come personalità giuridiche, e il loro diritto di fondare scuole. Rimangono ancora troppe le restrizioni nelle attività religiose e le richieste delle autorità. Il governo tace sulla possibilità di costruire nuove chiese.

     

    Hanoi (AsiaNews/EdA) – Con la nuova legge sulle religioni la Chiesa cattolica sarà riconosciuta come personalità giuridica e potrà aprire istituti educativi; allo stesso tempo però lo Stato non prevede la possibilità di costruire nuove chiese e mantiene l'obbligo dei permessi soffocanti per svolgere le attività religiose. Sono queste, in sintesi, le questioni esposte dal Comitato permanente della Conferenza episcopale vietnamita, che con una lunga lettera ha risposto all’Assemblea nazionale del Partito comunista e alla nuova stesura della legge sulle fedi e le religioni presentata dal governo il 17 agosto scorso. Hanoi aveva chiesto ai vertici delle religioni di inviare un documento con le proprie osservazioni. I primi cattolici a rispondere erano stati i fedeli della diocesi di Bach Ninh, che la settimana scorsa avevano sottolineato i limiti della nuova bozza.

    Fin dalla sua presentazione nell’aprile 2015, il progetto ha sollevato le proteste dei vertici delle principali istituzioni religiose. La legge è infatti piena di condizionamenti sulla registrazione dei luoghi di culto, sul personale, sulle attività, sui programmi, tanto da rendere impossibile ogni azione.

    Nel nuovo testo, firmato da mons. Nguyen Van Kham, vice-segretario della Conferenza episcopale, i vescovi apprezzano “il fatto che l’Assemblea nazionale cerchi il parere delle organizzazioni religiose, questo è un punto importante che mostra un atteggiamento rispettoso dei legislatori nei confronti delle organizzazioni e delle persone coinvolte dalla legge”.

    Nonostante questo, i firmatari lamentano il tempo troppo breve (dal 18 al 31 agosto) concesso dalle autorità alle organizzazioni religiose per preparare la documentazione di risposta.

    La lettera inizia con l’elenco delle novità positive che differenziano la nuova bozza rispetto alle versioni precedenti. In primo luogo, “il riconoscimento delle organizzazioni religiose e delle istituzioni che da esse dipendono come persone giuridiche (e non più commerciali)”. In secondo luogo, la sostituzione della parola “registrazione” con “comunicazione” o “proposta” delle attività del soggetto religioso, in modo da attenuare il ruolo dispotico dello Stato. Però, notano i vescovi, “non basta cambiare una parola ma bisogna sostituire un modo di vedere e di fare […]. La libertà religiosa è un diritto umano fondamentale e non una grazia accordata dallo Stato”.

    Inoltre, il nuovo progetto di legge “sottolinea il diritto alla denuncia e all’accusa su fatti riguardanti la fede e la religione”. Il quarto aspetto positivo, continuano i vescovi, è il diritto riconosciuto alle organizzazioni religiose “di fondare istituti educativi conformi al sistema educativo nazionale”. In questo modo “si dà l’opportunità alle comunità religiose di dare il proprio contributo nel campo dell’istruzione e della sanità, nell’interesse della società intera”.

    Una volta elencati i punti positivi, il documento dei vescovi espone una serie di proposte di modifica a diversi articoli, volte a garantire maggiori libertà e diritti per le organizzazioni religiose. Un punto cruciale riguarda la richiesta che lo Stato fa alle comunità di registrare e comunicare le proprie attività con largo anticipo: “Lo Stato ha questo diritto – spiegano i vescovi – però esso deve anche garantire una risposta scritta in tempi brevi e, in caso di rifiuto, è necessario che le autorità spieghino nel dettaglio le ragioni del diniego e che le organizzazioni possano fare ricorso”.

    In conclusione del messaggio, i vescovi espongono una questione non presa in esame dalla nuova legge: “Alla sezione 57 – scrivono – si parla del restauro degli edifici di culto […], tuttavia il progetto non dice nulla circa la costruzione di nuove strutture religiose”. Venendo incontro alle esigenze della popolazione, “proponiamo che dove ci siano 50 o 100 persone della stessa fede, lì sia consentito costruire un nuovo luogo di culto”.  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/08/2015 VIETNAM
    Caodaisti e cattolici: La nuova legge sulle religioni è contro i diritti umani. Ma Hanoi rimane sorda
    La bozza della nuova legge non riconosce lo statuto delle religioni e il diritto alla libertà religiosa. Il governo guarda le religioni con sospetto e aggiunge vincoli e controlli che rendono impossibili le attività religiose. Caodaisti, religiosi, vescovi hanno criticato in pubblico la bozza, ma l’Assemblea nazionale è impermeabile a critiche e suggerimenti.

    24/11/2004 VIETNAM
    Ancora violenze contro i credenti, ma per il governo "c'è libertà religiosa"
    Minacciata la moglie del pastore protestante incarcerato. Hanoi critica la denuncia del Papa sulle persecuzioni anti-religiose in Asia: "In Vietnam la libertà religiosa è assicurata dalla legge".

    08/06/2017 12:46:00 VIETNAM
    Vescovi vietnamiti: ‘Spaventati’ dalla nuova legge sulle religioni

    La nuova Legge sul credo e la religione sarà in vigore dal primo gennaio 2018. Le ambiguità e le contraddizioni contenute nella norma alimentano il “meccanismo del chiedere e concedere”.  Le interferenze negli affari interni delle comunità religiose e gli stretti controlli sulle loro attività. “Inadeguate le opinioni del governo sulla religione”. Il governo chiede di lavorare per la crescita del Paese; i vescovi: “Distinguere in modo chiaro il concetto di nazione da quello di regime”.



    01/09/2016 13:11:00 VIETNAM
    Cattolici di Bach Ninh: troppi errori nella nuova legge sulle religioni

    La diocesi ha inviato una lettera al Consiglio permanente della Conferenza episcopale commentando la nuova stesura della legge proposta dal governo. Rimangono le difficoltà al riconoscimento delle organizzazioni religiose, il poco rispetto dei diritti civili dei leader confessionali e i termini vaghi della burocrazia.

     



    08/11/2016 13:03:00 VIETNAM
    Attivisti vietnamiti: La nuova legge sulle religioni causerà conflitti sociali

    Esperti mettono in luce alcuni passaggi della bozza di legge sulle fedi, che metterebbero a rischio la libertà religiosa in Vietnam. Se il parlamento la approverà, “accadranno conflitti all’interno della società”. Troppi gli articoli ambigui e poco chiari.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®