16 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/12/2017, 12.21

    CINA-VATICANO

    Wenzhou, una campagna di preghiere per mons. Shao Zhumin, ancora detenuto

    Li Yuan

    Il vescovo, riconosciuto dal Vaticano, ma non da governo, è da sette mesi nelle mani della polizia. È in convalescenza per un’operazione, ma controllato dalla sicurezza, a 2500 km di distanza dalla sua diocesi. Per essere riconosciuto dal governo deve firmare l’adesione a una Chiesa indipendente (dalla Santa Sede); l’auto-nomina e l’auto-ordinazione dei vescovi; concelebrare con un vescovo illecito; ubbidire ai nuovi regolamenti. I fedeli pregheranno e digiuneranno il 18 di ogni mese.

    Wenzhou (AsiaNews) – La diocesi di Wenzhou (Zhejiang) ha iniziato da ieri una campagna di preghiere mensili per il suo vescovo, mons. Pietro Shao Zhumin, ancora oggi agli arresti domiciliari a Xining (Qinghai), a quasi 2500 km di distanza.

    Il vescovo, riconosciuto dalla Santa Sede, ma non dal governo, è stato portato via dalla sua diocesi per la quarta volta, dopo essere succeduto a mons. Vincenzo Zhu Weifang come vescovo ordinario nella diocesi, lo scorso settembre 2016.

    L’ultimo suo periodo di detenzione è cominciato il 18 maggio scorso. L’11 settembre è stato visto all’ospedale Tongren di Pechino, per essere sottoposto a una chirurgia all’orecchio. In quell’occasione egli ha inviato un messaggio sul suo account su Wechat chiedendo ai suoi fedeli di pregare per lui, ma non di visitarlo.

    Una settimana prima del 19mo Congresso del partito comunista cinese, lo scorso ottobre, mons. Shao è stato portato via da Pechino a Xining e, secondo fonti di Wenzhou, da allora vive in casa di una famiglia cattolica.

    Un fedele di Wenzhou, Paulus, ha commentato ad AsiaNews: “Non gli permettono di ritornare in diocesi Siccome ha bisogno di alcuni mesi di convalescenza, la diocesi ha negoziato con le autorità di lasciare che mons. Shao potesse vivere nella casa di una famiglia di Wenzhou [trasferita a Xining – ndr] per ricevere le cure necessarie. Intanto, alcuni poliziotti della sicurezza e rappresentanti dell’Ufficio affari religiosi di Wenzhou sono anche loro a Xining per controllarlo”.

    Una fonte di AsiaNews a Wenzhou ha dichiarato che gli inizi di dicembre, i rappresentanti degli affari religiosi hanno chiesto a mons. Shao di firmare un foglio per sottoscrivere le quattro condizioni per ricevere il riconoscimento dal governo. Esse comprendono il suo sostegno al principio di una Chiesa indipendente; il sostegno all’auto-nomina e all’auto-ordinazione [dei vescovi]; la concelebrazione con un vescovo illecito, non riconosciuto dal Vaticano; il sottostare ai nuovi regolamenti religiosi che saranno varati a febbraio prossimo.

    “E’ come tornare indietro agli anni ‘80” ha commentato la fonte “ e il vescovo non lo ha firmato”. E aggiunge: “Mons. Shao è via ormai da sette mesi. Le prospettive per una sua liberazione non sembrano buone. Tutti in diocesi siamo preoccupati e per questo abbiamo iniziato questo mese di preghiera, all’inizio del nuovo anno liturgico”.

    “Pregare è il dovere di ogni cattolico e questa campagna di preghiera è volontaria. Non facciamo pressione sulle autorità, ma speriamo solo che attraverso la nostra preghiera e il digiuno il nostro vescovo possa ritornare a casa sano e salvo”.

    Ieri sera, tutte le parrocchie della comunità sotterranea di Wenzhou hanno tenuto delle veglie di preghiera in vari luoghi e hanno mantenuto un giorno di digiuno. Il servizio di preghiera si terrà il 18 di ogni mese con l’adorazione del Santissimo e la messa.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/06/2017 15:56:00 CINA-VATICANO
    Ancora scomparso mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo di Wenzhou, non riconosciuto dal governo

    Il vescovo sarebbe arrivato all’aeroporto di Wenzhou, ma non è stato portato a casa sua. Mons. Shao è stato prelevato da persone del governo e scortato in luogo sconosciuto. I suoi sacerdoti non lo hanno visto a casa. Cifre aggiornate della comunità di Wenzhou: 130mila cattolici.



    04/01/2018 08:42:00 CINA-VATICANO
    Mons. Pietro Shao Zhumin di Wenzhou è libero dopo 7 mesi

    Da ieri non è più sotto custodia della polizia di sicurezza. Da Xining, dove era, andrà a Pechino per cure e poi ritornerà nella sua diocesi. La sua liberazione – si ipotizza – frutto delle pressioni internazionali e della campagna di preghiere e digiuni lanciata dalla sua comunità. Non ha firmato alcuna adesione all’Associazione patriottica.



    26/06/2017 08:09:00 CINA-VATICANO
    Gli ultimi 10 anni della Chiesa in Cina: dalla Lettera di Benedetto XVI al silenzio sull’arresto di mons. Shao Zhumin

    Il silenzio sulla persecuzione dei cattolici cinesi e dei loro vescovi a Wenzhou e a Shanghai. Gli organismi che Benedetto XVI non accettava (Associazione patriottica e Conferenza episcopale cinese) perché “incompatibili con la dottrina cattolica”, ora gestiscono la Chiesa. I dialoghi fra Cina e Vaticano devono mettere in chiaro e non in segreto la sorte dei vescovi sotterranei. Un bilancio da parte di un cattolico cinese del nordest, mentre in Vaticano si celebra un nuovo raduno dei dialoghi Cina-Santa Sede.



    26/06/2017 13:00:00 VATICANO-CINA
    ‘Grave preoccupazione’ della Santa Sede per mons. Shao Zhumin, sequestrato dalla polizia da oltre un mese

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) sarebbe sottoposto a lavaggio di cervello per farlo aderire all’Associazione patriottica. Mons. Shao appartiene alla comunità sotterranea. È la prima volta in tre anni - da quando sono ripresi di dialoghi Cina-Santa Sede - che la Sala Stampa si esprime su un vescovo arrestato. Il dolore dei fedeli per il troppo silenzio. Per mons. Shao aveva parlato anche l’ambasciatore tedesco a Pechino, Michael Clauss. L’invito a pregare per mons. Shao e per “il cammino della Chiesa in Cina”.



    17/06/2017 12:33:00 CINA-VATICANO
    Wenzhou: mons. Shao è tornato in diocesi scortato dalla pubblica sicurezza

    Il vescovo è riconosciuto dalla Santa Sede, ma non dal governo. E’ stato sequestrato per 27 giorni. Avrebbe partecipato a un “seminario religioso” per convincerlo ad entrare nell’Associazione patriottica e per costringere il Vaticano a nominare subito un vescovo coadiutore appartenente alla comunità ufficiale.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®