24 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/03/2016, 08.52

    YEMEN - ARABIA SAUDITA

    Yemen, raid saudita colpisce un mercato: 41 civili uccisi, 35 feriti



    Teatro dell’attacco la cittadina di Mustabaa, nella provincia settentrionale di Hajja, roccaforte dei ribelli Houthi. Fonti locali riferiscono che il bilancio “è destinato ad aumentare”. Un sito vicino ai ribelli parla di 65 morti e 55 feriti, tutti civili. Le strutture mediche della zona vicine al collasso. In un anno di conflitto la coalizione saudita ha colpito più volte obiettivi civili. 

    Sanaa (AsiaNews/Agenzie) - È di almeno 41 civili uccisi il bilancio di un raid aereo della coalizione a guida saudita in Yemen, che ieri ha colpito un mercato cittadino nella provincia settentrionale di Hajja, considerata una roccaforte dei ribelli Houthi. Secondo una fonte dell’ospedale locale, sotto la responsabilità di Medici senza frontiere (Msf), la struttura avrebbe ricevuto nelle scorse ore i corpi di 41 persone prive di vita; a queste si aggiungono altri 35 feriti, alcuni dei quali in modo grave. 

    Un funzionario della sanità yemenita della provincia di Hajja conferma che fra le vittime vi sono numerosi civili, alcuni dei quali sono bambini. E aggiunge: il bilancio “è destinato ad aumentare” nelle prossime ore. 

    Fonti locali e leader tribali della zona spiegano che gli aerei della coalizione saudita hanno colpito a più riprese il mercato della cittadina di Mustabaa e non potevano non sapere che sarebbero rimasti coinvolti anche civili. 

    Il sito web sabanews.net, vicino ai ribelli Houthi, riferisce che i caccia hanno centrato il mercato e un ristorante, causando 65 morti e 55 feriti, tutti civili. Nella zona scarseggiano medicine e operatori sanitari. 

    In oltre un anno di guerra la coalizione saudita ha colpito a più riprese obiettivi civili, causando morti e feriti. Di recente ong e attivisti internazionali hanno accusato l’alleanza di usare bombe a grappolo fornite dagli Stati Uniti. Un comitato indipendente ha aggiunto che la coalizione ha compiuto 119 in violazione al diritto umanitario internazionale, auspicando al contempo un’inchiesta per punire i responsabili. 

    Dal gennaio dello scorso anno la nazione del Golfo è teatro di un sanguinoso conflitto interno che vede opposte la leadership sunnita, sostenuta dall’Arabia Saudita, e i ribelli sciiti Houthi, vicini all’Iran. Nel mese di marzo, i sauditi a capo di una coalizione hanno lanciato raid aerei contro i ribelli nel tentativo di liberare la capitale Sana’a e riconsegnare il Paese al presidente (prima in esilio, poi rientrato) Abdu Rabu Mansour Hadi. 

    Per l’Arabia Saudita gli Houthi, alleati alle forze fedeli all’ex presidente Ali Abdullah Saleh, sono sostenute sul piano militare dall’Iran; un’accusa che Teheran respinge. Nel Paese sono inoltre attivi gruppi estremisti legati ad al Qaeda e milizie jihadiste legate allo Stato islamico, che hanno contribuito ad aumentare la spirale di violenza e terrore.

    Secondo fonti dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) nella guerra sono morte più di 6.200 persone; per le Nazioni Unite vi è il forte rischio di “catastrofe umanitaria” in Yemen. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/08/2016 08:53:00 YEMEN
    Yemen: dopo i bombardamenti sauditi, evacuati sei ospedali nel nord

    Medici senza frontiere richiama il personale di sei strutture, situate nei territori controllati dai ribelli Houthi. Msf: decisione difficile, ma si è “persa la fiducia” nella capacità della coalizione araba di scongiurare vittime civili. Dall’inizio dei raid sauditi colpite quattro strutture della Ong. 



    12/04/2016 08:43:00 YEMEN - ONU
    Tiene la fragile tregua Onu in Yemen. Speranze di pace dai colloqui in Kuwait

    Secondo un portavoce delle Nazioni Unite il cessate il fuoco “sembra funzionare in gran parte”, anche se vi sono state “alcune sacche di violenza”. Diplomatico Onu: prospettiva “più significativa” per i colloqui fra le parti. Al centro delle trattative il ritiro di milizie e gruppi armati e ripristino delle istituzioni statali. 



    11/04/2016 08:56:00 YEMEN
    Yemen, coalizione saudita e ribelli Houthi "intendono rispettare” la tregua Onu

    Entra in vigore oggi il cessate il fuoco fra le parti, mediato dalle Nazioni Unite. Entro fine mese in Kuwait inizieranno i colloqui di pace. Ieri 20 morti negli scontri a fuoco. Nel conflitto sono morte oltre 6.200 persone, almeno due milioni gli sfollati. Rischio “catastrofe umanitaria” nel Paese. 



    16/08/2016 08:56:00 YEMEN - ARABIA SAUDITA
    Yemen, raid saudita colpisce un ospedale: 11 vittime, almeno 19 feriti

    L’attacco ha devastato una struttura di Msf nella città di Abs, nella provincia di Hajjab. Fra le vittime vi sono anche membri dello staff dell’Ong internazionale. Un raid che segue giornate di intensi bombardamenti nell’area contro i ribelli Houthi. In precedenza un attacco contro una scuola coranica di Haydan ha ucciso 10 bambini. 



    10/08/2016 08:53:00 YEMEN - ARABIA SAUDITA
    Sana’a: nuovi raid sauditi contro i ribelli, colpita un’azienda alimentare

    Fonti ospedaliere parlano di 14 vittime. Per il direttore della fabbrica i morti sono 16, tutti operai, e altri 10 sono rimasti feriti. È il primo raid aereo della coalizione araba in tre mesi e segue la sospensione dei colloqui di pace. Il negoziatore Onu prosegue le consultazioni in vista di nuovi incontri. 

     





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®