14/03/2012, 00.00
AFGHANISTAN
Invia ad un amico

Afghanistan: i talebani preparano nuovi attentati. I timori dei cristiani

L'uccisione di 16 civili afghani da parte di un militare Usa aumenta la tensione nel Paese. Il risentimento verso l'occidente è sempre più forte. Leon Panetta visita in Afghanistan per ricucire i rapporti fra Stati uniti e governo Karzai.

Kabul (AsiaNews) - I cristiani dell'Afghanistan raccontano il clima di tensione dopo l'uccisione di 16 civili compiuta da un militare statunitense a Kandhahar. Il fatto segue di poche settimane il rogo dei Corano -  lo scorso 20 febbraio nella base militare di  Bagram - che ha scatenato violente proteste in tutto l'Afghanistan costate più di 40 morti . Fonti di AsiaNews affermano che i fatti di Kandhahar sono inquietanti ed esasperano la popolazione che in10 anni di guerra ha subito le incursioni dell'esercito internazionale e le violenze dei talebani.

"Il risentimento verso l'occidente e verso i cristiani è sempre più forte - affermano le fonti - anche se non si registrano minacce dirette a persone. A Kabul e nelle principali città afghane gli stranieri escono il meno possibile dalle ambasciate e dagli uffici diplomatici".

In questi giorni i media internazionali hanno diffuso diverse immagini delle proteste che ritraggono afghani che bruciano croci ed altri simboli cristiani. Secondo le fonti l'occidente è da sempre identificato con il cristianesimo. "Purtroppo - affermano - per un atto sconsiderato di un folle a farne le spese possono essere i fedeli". Tuttavia la popolazione ha ancora rispetto per gli stranieri e riconosce l'operato delle migliaia di volontari, fra cui molti cattolici, che da 10 anni lavorano nei campi dell'educazione, dell'assistenza sanitaria e dell'economia.  "A fomentare questo clima di odio - continuano - sono gli estremisti islamici che influenzano l'opinione pubblica composta soprattutto di persone ignoranti e analfabete".   

Gli errori commessi dai militari statunitensi hanno rafforzato in questi mesi i talebani che sfruttano il dissenso popolare verso l'occupazione per acquistare più potere e riprendere il controllo del Paese. L'intelligence internazionale studia da mesi le mosse degli estremisti, che continuano a minacciare vendetta contro le forze occupanti.  Nei prossimi mesi, si prevedono una serie di potenti attentati contro obiettivi stranieri nella capitale e in altre città, che metteranno a rischio la missione  degli eserciti internazionali in Afghanistan.

Per contenere le ricadute del massacro di 16 civili afghani e del rogo dei Corano, Leon Panetta segretario Usa alla difesa, è arrivato oggi a sorpresa per una visita di due giorni in Afghanistan. Egli incontrerà domani il presidente Amid Karzai e le più importanti cariche del Paese. (S.C.)

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Petraeus: “Il rogo del Corano è inutile e pericoloso”
07/09/2010
Tutto l'Afghanistan protesta contro il rogo del Corano; otto morti e decine di feriti
23/02/2012
Ancora violenze per il rogo dei Corano. Nove morti in attentato suicida a Jalalabad
27/02/2012
Bagram: scontri e proteste per il rogo dei corani nella base Usa. Situazione tranquilla a Kabul
22/02/2012
Dopo il massacro di Kandahar, l’esercito Usa teme nuove rappresaglie talebane
12/03/2012


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”