03/04/2009, 00.00
IRAQ
Invia ad un amico

Baghdad esclude due aziende sud-coreane dallo sfruttamento dei giacimenti

Le compagnie avevano firmato contratti con il governo regionale curdo. Secondo il Ministero del petrolio i contratti sono “contrari alla legge irakena”. Giacimenti di Kirkuk al centro della contesa fra governo centrale e curdi.
Baghdad (AsiaNews/Agenzie) – Il governo irakeno ha escluso due aziende sud-coreane dalle concessioni per lo sfruttamento del petrolio. Hussein al Shahristani, Ministro irakeno del petrolio, ha spiegato che alla base della decisione vi è il contratto petrolifero firmato nel 2008 fra il governo della regione curda (Krg) e due compagnie sud-coreane.
 
Nel giugno 2008 il Krg ha sottoscritto un accordo del valore di alcuni miliardi di dollari con la compagnia di Stato sud-coreana Korea National Oil Corp (Knoc) e la SK Energy: esso prevedeva la concessione di otto giacimenti petroliferi – 7,2 miliardi di barili la produzione stimata – per un investimento di 2,2 miliardi di dollari Usa nello sviluppo delle infrastrutture nella regione.
 
“La firma di questo contratto è contraria alla legge irakena e alla Costituzione” ha dichiarato Shahristani, per questo motivo “le due compagnie [sud-coreane] sono state escluse dalla gara di appalti”. Il Ministro del petrolio aggiunge che “se cancelleranno gli accordi” esse potranno partecipare “alla prossima gara di appalto”.
 
Nell’aprile 2008 il governo aveva aperto le porte a 35 compagnie straniere – su un totale di 120 che ne avevano fatto richiesta – per lo sfruttamento di gas e petrolio nei suoi ricchi giacimenti, terzi al mondo per vastità. Per essere sviluppati e portare al massimo la produzione di greggio, essi hanno bisogno di miliardi di dollari di investimenti, dopo anni di embargo e a causa dei danni della guerra.
 
La situazione appare più complicata a Kirkuk, nel nord dell’Iraq, dove i pozzi petroliferi sono al centro di una contesa fra il governo regionale curdo e Baghdad. “In Iraq il vero problema non riguarda più la sicurezza – rivelano fonti di AsiaNews nel Paese – ma il rapporto fra il governo centrale e i curdi. Kirkuk è al centro di una contesa che vede coinvolti arabi, turcomanni e curdi, ciascuno dei quali vuole mantenere il controllo delle risorse. È una questione estremamente delicata ed è destinata a peggiorare in futuro, con il ritiro delle truppe americane”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Tra Kurdistan e Seoul, nuovi contratti petroliferi
25/06/2008
Un ufficio unico per la cooperazione economica fra le Coree
30/09/2005
Seoul: nel 2005 accolti quasi 1400 rifugiati dal Nord
24/01/2006
Il boom economico del Kurdistan minacciato dalle bombe del terrorismo
07/05/2005
Nord Corea, prete cattolico gestirà un centro sociale a Pyongyang
10/11/2008


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”