21/12/2010, 00.00
THAILANDIA
Invia ad un amico

Bangkok, il governo decreta la fine dello stato di emergenza

Il provvedimento era in vigore dal 7 aprile 2010, in seguito alla protesta delle Camice rosse. Il primo Ministro e il leader delle Camice rosse si sono incontrati per discutere della liberazione degli oltre cento arrestati durante gli scontri, e di possibili elezioni nei primi mesi del 2011.

Bangkok (AsiaNews/Agenzie) – Il governo thailandese ha deciso oggi di decretare la fine dello stato di emergenza deciso il 7 aprile 2010 in seguito alle manifestazioni di piazza del movimento delle Camice rosse. “Il governo ha valutato la situazione attuale e ha visto che il movimento di protesta è diventato molto più pacifico, legalitario e largamente simbolico” ha detto il portavoce governativo Supachai Jaisamut.

Lo stato di emergenza era stato imposto a Bangkok e nelle province circostanti quando le Camice rosse, dopo aver occupato il centro commerciale della capitale sfociarono intorno al Parlamento. Lo stato di emergenza fu applicato anche in altre province, punti di forza delle Camice rosse nel tentativo di controllare il movimento di protesta che fu infine stroncato dai militari a maggio. Nel corso degli scontri 91 persone persero al vita, e 1800 furono ferite. Si è trattato degli episodi di violenza politica più duri nel Paese in epoca moderna. La fine dello stato di emergenza andrà in vigore domani, 22 dicembre.

Se il governo dovesse assistere a un ritorno di violenze, potrebbe fare ricorso a una legge di sicurezza meno severa, già in vigore, l’Internal Security Act, che permette alle autorità di imporre misure come coprifuoco e proibizione di raduni. Lo stato di emergenza è stato criticato molto duramente dai gruppi per i diritti umani e dall’opposizione. La sua fine avviene dopo che il primo Ministro Abhisit Vejjajiva si è incontrato il 17 dicembre con il leader delle Camice rosse, Thida Thavornseth. I due hanno discusso della possibilità  di liberare su cauzione I leaders del movimento, e altri 100 arrestati, in prigione da maggio. Il primo Ministro ha detto che se la situazione torna alla normalità, si potrebbero tenere elezioni nei primi mesi del 2011.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Bangkok, troppe ombre nel processo alle “camicie rosse”
17/08/2010
Muore il generale delle “camicie rosse”. Cresce la tensione in altre province
17/05/2010
Thaksin: le accuse di terrorismo del governo thai sono di natura politica
27/05/2010
Bangkok, migliaia in preghiera per la pace nel Paese
26/05/2010
Abhisit rilancia la “road map” per la pace. Fallito il modello di democrazia thai
21/05/2010


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”