17/01/2014, 00.00
BANGLADESH
Invia ad un amico

Bangladesh, arrestati reporter filo-islamisti

di Sumon Corraya
I giornalisti avrebbero scritto un articolo falso, in cui si accusa il governo di aver lasciato entrare i militari indiani nel Paese per contenere le violenze. Gli arrestati lavorano per il quotidiano bengalese Inqilab, che sostiene in modo aperto il partito fondamentalista islamico.

Dhaka (AsiaNews) - La polizia del Bangladesh ha arrestato quattro giornalisti pro-islamisti, per aver pubblicato un articolo falso sul governo e sulle recenti elezioni generali. Nell'articolo si affermava che le forze armate indiane avrebbero aiutato Dhaka a contenere la violenza scatenatasi nei giorni del voto. "Queste persone - ha dichiarato Monirul Islam, portavoce della polizia di Dhaka - hanno pubblicato una notizia sensazionale che va contro la sovranità del Paese, pur sapendo che era falsa e infondata".

I giornalisti arrestati - Rabiullah Rabi, Rafiq Mohammad, Aitikur Rahman e Afzal Bari - lavorano tutti per l'Inqilab, quotidiano in lingua bengalese fondato dal noto criminale di guerra Maulana Abdul Mannan. Il comitato direttivo della testata sostiene in modo aperto il Jamaat-e-Islami, il più grande partito fondamentalista islamico del Paese, responsabile di gravi atti di violenza da oltre un anno.

La polizia ha messo i sigilli alla sede tipografica del quotidiano e ai computer utilizzati dai redattori. Oggi l'Inqilab ha interrotto l'edizione cartacea, mentre nella versione online è apparso un messaggio di "scuse" per aver pubblicato un articolo falso.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Dhaka, Covid-19 e giornalisti: quasi 700 infetti, 27 vittime e un migliaio disoccupati
06/08/2020 11:50
Istanbul, interferenze del governatore nell’elezione del nuovo patriarca armeno
20/03/2017 11:26
Diocesi indonesiane in preghiera per Benedetto XVI e il futuro Papa
05/03/2013
Cairo: scelti i tre candidati per la successione di Shenouda III
30/10/2012
A maggio l'Egitto sceglierà il suo nuovo presidente
01/03/2012


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”