29/10/2010, 00.00
INDONESIA
Invia ad un amico

Central Java: il Merapi riprende a eruttare, non vi sono vittime

Le esplosioni sono riprese questa mattina con una nube ardente alta 3 km. Sale a 35 il bilancio delle vittime della prima eruzione avvenuta lo scorso 27 ottobre.

Jakarta (AsiaNews/Agenzie) – Con una nuova nube di lapilli e cenere alta 3 km è ripresa questa mattina l’eruzione del monte Merapi (Central Java). Grazie ai piani di evacuazione messi in atto nei giorni scorsi non vi sono vittime e in queste ore i soccorsi hanno messo in salvo alcuni contadini che, trasgredendo al divieto, erano tornati al lavoro nei propri campi.

Il vulcano si è risvegliato lo scorso 27 ottobre. Al momento sono 35 le persone morte per asfissia o bruciate dalle nubi ardenti. Restano invece nei campi profughi i 40mila abitanti residenti nei villaggi alle pendici del vulcano. A Yogyakarta e nelle altre città a poca distanza dall’eruzione la cenere ha coperto interni quartieri e resta alta l’allerta per il rischio di intossicazione.   

Il Merapi è alto 2.968 metri ed è considerato uno dei vulcano esplosivi più attivi al mondo. La sua ultima eruzione risale al 2006 e ha ucciso due persone. L’esplosione più devastante è avvenuta nel 1930 e ha fatto oltre 1500 morti.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Central Java: centinaia di migliaia in fuga per l’eruzione del Monte Merapi
08/11/2010
Nuovo disastro naturale in Indonesia: l’eruzione del Merapi fa 25 morti
27/10/2010
Cenere e lapilli, terza eruzione per il Monte Merapi
30/10/2010
Java centrale, panico per un'eruzione "inaspettata" del vulcano Merapi
18/11/2013
Central Java, premiato il sacerdote che ha ridato speranza agli sfollati del Merapi
06/07/2011


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”