28/02/2014, 00.00
COREA
Invia ad un amico

Corea, respinta la richiesta di scarcerazione per il missionario cristiano arrestato al Nord

Il governo di Pyongyang non ha motivato la decisione. Kim Jeong-wook, cristiano battista, è stato fermato nell'ottobre 2013: in una conferenza stampa organizzata dal regime ha chiesto "pietà" per lui e ha ammesso i suoi "crimini" contro il Nord.

Seoul (AsiaNews) - Il governo della Corea del Nord ha respinto la richiesta di rilascio del missionario cristiano Kim Jeong-wook, arrestato nell'ottobre del 2013 e apparso ieri per la prima volta in una conferenza stampa organizzata dal regime. Nel corso della conferenza, Kim ha "ammesso i suoi crimini" contro Pyongyang e ha chiesto alle autorità staliniste di avere "pietà di lui". Subito dopo la trasmissione il governo di Seoul ha chiesto al Nord di rilasciarlo: oggi è arrivata la risposta negativa.

Il ministero sudcoreano per l'Unificazione, che gestisce i rapporti con Pyongyang, ha chiarito di "non aver ricevuto" una motivazione per il rifiuto. Kim, missionario battista, ha dichiarato ieri di "aver cercato di creare una rete di chiese domestiche in Corea del Nord con il sostegno dei servizi segreti del Sud", che da parte loro hanno negato ogni coinvolgimento.

Kim, 50 anni, è stato fermato il giorno stesso in cui è entrato in Corea del Nord attraverso il confine con la Cina. Secondo gli agenti del regime stalinista, aveva con sé Bibbie e "altro materiale religioso cristiano". Subito dopo il suo fermo Pyongyang aveva annunciato di aver catturato "una spia", ma da allora non aveva più menzionato il nome del missionario. Oltre a lui sono ancora nelle mani del governo John Short, missionario australiano 75enne, e Kenneth Bae, cittadino americano condannato a 15 anni per "attività sovversive".

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pyongyang, arrestati i "complici" del missionario sudcoreano: rischiano la fucilazione
05/03/2014
Pyongyang condanna all’ergastolo un missionario cristiano canadese
16/12/2015
Pyongyang: missionario cristiano del Sud "confessa i suoi crimini" in tv
27/02/2014
Cristiano condannato a morte, politici Usa scrivono all’Onu
14/07/2007
Pyongyang libera il missionario australiano John Short: Atto umanitario, ha confessato
03/03/2014


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”