02/12/2005, 00.00
KAZAKISTAN
Invia ad un amico

Il 4 dicembre il Kazakistan vota un nuovo presidente

Nonostante  alcuni "residui" della ex-dittatura sovietica,  il Kazakistan si propone in Asia Centrale come modello di  democrazia e di libertà religiosa.

Astana (AsiaNews/Agenzie) – Le elezioni presidenziali del 4 dicembre sono viste da molti come un'ulteriore dimostrazione del cammino del paese verso una migliore democrazia e modernità. E con ogni probabilità sarà rieletto il presidente attuale, Nursultan Nazarbayev.

A differenza degli altri paesi dell'Asia centrale, il Kazakistan non ha presidenti repressivi e un'economia che va a rilento. L'economia kazaka cresce del 9% all'anno e il Paese è ormai uno dei maggiori esportatori di gas e petrolio. Dal Kazakistan parte anche il nuovo oleodotto diretto in Cina. Georgia, Ucraina, Uzbekistan e Kirghizistan sono ancora nel torpore post-sovietico: elite corrotte, divario fra ricchi e poveri e sistemi elettorali mal funzionanti che causano a ogni elezione forti proteste della popolazione.

Ad ogni modo gli standard internazionali di giustizia non sono mai stati raggiunti in Kazakistan. Oppositori e osservatori internazionali hanno definito "truccate" le elezioni parlamentari dell'anno scorso. E nessuno dimentica che il potere è ben saldo nelle mani della famiglia di Nazerbayev da ben 14 anni, con moglie e figli in ruoli strategici.

Alcuni esperti prevedono comunque proteste popolari per le prossime elezioni. Sui risultati pesano due elementi: da una parte tutti i media sono nelle mani del governo, che sostiene il partito dell'attuale presidente, molto noto e stimato; dall'altra l'opposizione non è molto conosciuta. Per le prossime elezioni sono 5 i  candidati che lottano per la presidenza.

Il principale rivale di Nazarbayev è Zharmakhan Tuyakbai. In proposito, Dosym Satpayev, un analista della situazione, dice che l'opposizione "non ha leader carismatici. Poi ha un accesso limitato ai media e ha meno soldi del presidente il quale invece può contare sulla burocrazia statale che sostiene la sua campagna".

Il Kazakistan si discosta dagli altri paesi dell'Asia centrale anche per una maggiore libertà religiosa e per una lotta decisa contro il fondamentalismo islamico. Tutti ricordano il grande impatto avuto da Giovanni Paolo II in visita al paese, poche settimane dopo l'attacco alle Torri Gemelle di New York.

Murat Telibekov direttore del comitato musulmano per i diritti umani in Asia Centrale afferma: "Non è possibile una vera libertà senza tenere presente la libertà religiosa: la religione fornisce le linee guida sui valori che formano politica, cultura e tradizioni di una nazione".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La giunta birmana cancella il voto nelle aree dominate da minoranze etniche
18/09/2010
Elezioni, partito del presidente prende tutti i seggi
20/08/2007
I kazaki approvano la Costituzione di Tokaev
07/06/2022
Nur-Sultan, la ‘festa’ di Nazarbaev e dei suoi parenti
03/12/2021 08:54
Il presidente Nazarbayev fissa per il 3 aprile la sua rielezione
04/02/2011


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”