31/10/2005, 00.00
India – Pakistan
Invia ad un amico

Kashmir, aperto il confine indo-pakistano

Dopo 58 anni la Linea di Controllo potrà essere attraversata in entrambi i sensi anche dai civili. La decisione presa dopo gli attentati di Delhi.

Islamabad (AsiaNews/Agenzie) – Con una mossa senza precedenti i governi di India e Pakistan hanno deciso ieri di aprire in 5 punti la Linea di Controllo, il confine de facto che li separa nella regione del Kashmir. La decisione è stata presa per migliorare l'invio bilaterale di aiuti e per consentire alle famiglie divise dal confine, ma colpite dallo stesso terremoto, di riunirsi.

L'accordo è stato siglato dopo gli attentati che sabato notte a New Delhi hanno ucciso 61 persone e che sono stati subito condannati dal governo pakistano. Khalid Mahmood, analista dell'Istituto per gli studi regionali di Islamabad, dice: "Vi è stata paura. Era divenuto una pratica comune accusare il Pakistan per gesti come questi, ma questa volta non lo ha fatto nessuno".

Attraversare la Linea di Controllo è stato proibito per 58 anni. All'inizio del 2005 i 2 governi si erano accordati per un servizio bimestrale di trasporti attraverso il confine con degli autobus. La Linea sarà invece aperta dal 7 novembre ed i materiali potranno essere inviati in entrambi i sensi. I civili potranno attraversare il confine a piedi e la priorità sarà data alle famiglie divise.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Delhi teme l'infiltrazione di militanti islamici dal Pakistan
24/10/2005
Kashmir, dopo 60 anni India e Pakistan riaprono la via del commercio
21/10/2008
Fuga di un disertore nordcoreano. È il quarto quest’anno
21/12/2017 08:40
Pakistan: vaccini per i bambini sopravvissuti al terremoto
19/11/2005
Kashmir, cristiani discriminati ogni giorno, fra i primi ad aiutare le vittime del terremoto
10/11/2005


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”