17/10/2011, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Kerala, arrestato pastore evangelico Usa. Partecipava a un festival di preghiera

di Nirmala Carvalho
William Lee ha violato le norme del visto turistico, che vietano di partecipare a eventi religiosi. Rischia l’espulsione. Sajan K George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic): “La polizia ha agito per compiacere le forze ultranazionaliste indù nel Paese. Solo i cristiani subiscono un simile trattamento”.
Mumbai (AsiaNews) – “La polizia morale, la violenza etnica e l’arresto selettivo dei cristiani evangelici testimoniano con chiarezza il fallimento delle istituzioni secolari in India”. Lo afferma ad AsiaNews Sajan K George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), in merito all’arresto del pastore evangelico americano William Lee, colpevole di aver partecipato a un evento religioso, violando così le norme del visto turistico. Dopo una caccia all’uomo durata 48 ore, la polizia del Kerala ha prelevato Lee nel suo albergo, la notte del 14 ottobre scorso.

William Lee era in India con un visto turistico per partecipare al Musical Splash 2011, un festival musicale di preghiera tenutosi nello stadio internazionale di Jawaharlal a Kaloor (Kochi). L’evangelico rischia l’espulsione, ma per il suo avvocato egli non ha violato alcuna legge indiana.

“Da sempre – afferma Sajan K George – centinaia di turisti in India partecipano a vari eventi religiosi e pubblici. Nessuno di loro è mai stato toccato e possono andare dove vogliono, senza alcuna restrizione. Lee aveva solo partecipato a un festival musicale organizzato dalla Faith Leaders Church of Lord, di Tiruvalla”.

Secondo il presidente del Gcic, diverse fonti “indicano che la polizia ha dato la caccia a Lee come se fosse un terrorista, per compiacere le forze ultranazionaliste del Paese”.

“Chi entra con visto turistico – spiega Sajan George – ha il divieto di condurre qualunque pratica religiosa. Ma, allora, queste norme si applicano solo alle preghiere cristiane? I Baha’i e altre forme di religiosità pubbliche sono esenti dall’applicazione di tale normativa?”.
 
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Kerala: espulso il pastore evangelico Usa William Lee
19/10/2011
Bangalore, il predicatore evangelico Benny Hinn cancella la sua visita
15/01/2014
Nuovo attacco contro una chiesa del Karnataka. È il quarto in quattro giorni
16/12/2009
Karnataka, radicali indù attaccano una chiesa pentecostale: otto feriti, due gravi
24/11/2014
In Karnataka c'è più pace per i cristiani
06/06/2013


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”