25/06/2022, 12.08
SRI LANKA
Invia ad un amico

Sri Lanka, decima vittima fra gli autisti in coda ai distributori

di Melani Manel Perera

Un camionista di 63 anni è deceduto al quinto giorno di attesa per il rifornimento. Una madre ha gettato il figlio di cinque anni nel fiume Kelani e ha tentato il suicidio. Crescono i prezzi dei generi alimentari e mancano i farmaci. L’opposizione paventa il pericolo di una guerra civile in un clima di conflitto crescente. 

Colombo (AsiaNews) - Un’altra vittima, la decima, fra le persone in fila giornate intere al distributore, nella vana attesa di poter rifornire di carburante il proprio veicolo. E il rischio sempre più concreto che il malcontento generale e diffuso nel Paese, causato dalla crisi economica, assuma una deriva sempre più violenta, tale da innescare conflitti di piazza. Lo Sri Lanka vive una situazione drammatica e non si vedono, almeno per ora, prospettive di cambiamento all’orizzonte. 

Fonti della polizia riferiscono che il 22 giugno scorso un camionista 63enne, in attesa da cinque giorni di fare rifornimento ad Anguruwatota, nella Western province, è morto all’interno del proprio mezzo. Si tratta della vittima numero 10 fra le centinaia di migliaia di persone in coda ai distributori, in una nazione piagata dai debiti e alle prese con la peggiore crisi economia dalla proclamazione dell’indipendenza. 

Le persone decedute avevano un’età fra i 43 e gli 84 anni; la maggioranza dei decessi è dovuta ad arresto cardiocircolatorio. La scorsa settimana è morto di infarto un 53enne in fila ad una stazione di benzina della capitale. Sempre la scorsa settimana una madre disperata per la situazione economica familiare ha gettato il figlio di cinque anni nel fiume Kelani (a Colombo) e ha tentato il suicidio. Il bambino è morto, mentre la madre è sopravvissuta. 

Lo Sri Lanka, con una popolazione di 22 milioni di abitanti e un debito estero di quasi 50 miliardi di euro, sta fronteggiando una grave carenza di carburante, l’escalation dei prezzi dei prodotti alimentari e una carenza di farmaci. A questo si unisce l’incapacità della Banca centrale di aprire canali di credito per favorire l’importazione di carburante. 

In un’ottica di risparmio, il ministero della Pubblica amministrazione ha dichiarato il venerdì festivo per i prossimi tre mesi; la norma vale anche per le scuole, per alleggerire il peso dei trasporti in un settore in cui sono operativi solo il 20% dei mezzi a causa della mancanza di carburante. La tensione è elevata e una parte della classe dirigente non esclude il pericolo di scontri e violenze. Vasudeva Nanayakkara, leader del Democratic Left Front, prospetta il rischio di una guerra civile in un clima di conflitto crescente. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Tensioni sociali sconvolgono Henan, Sichuan, Shaanxi e Mongolia Interna
03/11/2004
Pescatori srilankesi in piazza contro il caro-carburante: famiglie alla fame
24/08/2022 10:01
Colombo pronta ad aderire al sistema russo di pagamenti
20/09/2022 11:05
Colombo: la crisi economica colpisce i lavoratori autonomi
28/06/2022 11:10
Colombo discute con Mosca la fornitura di carburante a basso prezzo
06/06/2022 12:34


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”