12/02/2008, 00.00
SRI LANKA
Invia ad un amico

Sri Lanka: le famiglie dei pescatori scomparsi sono ancora in ginocchio

di Melani Manel Perera
Le famiglie dei pescatori dispersi nel 1999 faticano a vivere dignitosamente e lanciano un nuovo appello al governo a cui chiedono aiuti economici.
Matara (AsiaNews) – Dopo quasi 10 anni dalla scomparsa dei pescatori nelle regioni del Nord Est dello Sri Lanka a causa della guerra civile,  ben pochi certificati di morte sono stati rilasciati e molte famiglie aspettano ancora i risarcimenti dal governo.
 
L’Associazione dei genitori, mogli e figli dei pescatori scomparsi ha organizzato una conferenza stampa il 7 febbraio a Matara e le 75 donne che vi hanno preso parte hanno nuovamente chiesto al governo di sostenerle economicamente.
 
Senza più mariti e padri la vita di molte famiglie è diventata precaria e il futuro di molti bambini è a rischio. Le vedove riescono a stento a provvedere per i beni primari mentre spesso i figli sono costretti a rinunciare ad un’educazione.
 
Alle voci disilluse delle mogli degli scomparsi fanno eco quelle dei figli che rimpiangono i loro padri ed esprimono il desiderio di farsi strada nel mondo e studiare.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Kerala, la Chiesa guida una marcia per i pescatori dispersi dal ciclone Ockhi
12/12/2017 12:32
Sri Lanka: l’interminabile ingiustizia verso le vedove di guerra
28/07/2015
Mannar, il dramma di 2 mila vedove senza mezzi per sopravvivere
14/11/2009
Sri Lanka, la Chiesa "può e deve fare di più per la pace. Seguendo le orme del Maestro"
02/08/2014
Accordo “di pace” fra i pescatori di India e Sri Lanka
02/09/2010


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”