03/01/2015, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Tragedia di Shanghai, il governo censura i media nazionali e stranieri

Necessario il permesso del Dipartimento per la propaganda per intervistare feriti e familiari delle vittime. Vietato pubblicare foto di persone che piangono. Le autorità temono di essere accusate per l'incidente sul Bund, che ha causato la morte di 36 persone.

Shanghai (AsiaNews/Agenzie) - Le autorità di Shanghai hanno imposto una rigida censura ai media locali, per il timore di essere accusate della tragedia del Bund, avvenuta la notte del 31 dicembre scorso. Fonti locali citate dal South China Morning Post, quotidiano in lingua inglese di Hong Kong, parlano di controlli "duri e senza precedenti", con funzionari governativi e di polizia preoccupati di perdere il posto, dopo l'incidente che ha causato la morte di almeno 36 persone.

Le vittime e i loro parenti sono tenuti sotto stretto controllo da parte della polizia. I media nazionali e stranieri, intervenuti sul posto per seguire la vicenda, hanno ricevuto l'ordine di chiedere il permesso al Dipartimento locale per la propaganda per parlare con i feriti.

Il Dipartimento per la propaganda a Shanghai ha diffuso diversi avvisi agli operatori dei media negli ultimi due giorni, istruendoli su varie questioni: dall'estensione della copertura all'uso di foto, fino a protocolli precisi per effettuare interviste.

Un giornalista, anonimo per motivi di sicurezza, ha dichiarato: "Sembra ridicolo che i giornali locali abbiamo l'ordine di non utilizzare fotografie che mostrano le persone piangere per le vittime". Secondo le fonti del South China Morning Post, questa strategia adottata dalle autorità cinesi punta a sminuire in modo graduale quanto accaduto, facendolo risultare un semplice incidente.

In un primo momento i social media avevano suggerito che l'incidente fosse stato causato dal lancio di dollari (falsi) sulla folla, che per prenderli avrebbe scatenato una ressa. Tuttavia, la polizia di Shanghai ha rigettato questa versione, sostenendo che solo pochi si sarebbero mossi per prendere le banconote.

La polizia di Huangpu ha ammesso di aver sottostimato il numero di persone che si sarebbe riunito sul Bund, dispiegando così un numero inferiore di agenti di quanti invece sarebbero stati necessari. Secondo una fonte interna alle forze dell'ordine "molte teste cadranno".

Almeno 49 persone sono rimaste ferite della calca creatasi poco prima della mezzanotte. Di queste, 19 sono in condizioni gravi. Tra i ricoverati ci sono anche un malaysiano e un taiwanese. Anche una delle vittime è di nazionalità taiwanese. Secondo l'agenzia statale Xinhua, la maggior parte dei morti e dei feriti sono ragazzi e giovani intorno ai 20 anni, inclusi studenti del college. 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Tragedia di Shanghai, i familiari delle vittime al governo: fateci seppellire i nostri morti
05/01/2015
Errori di calcolo della polizia di Shanghai nella tragedia del Bund
02/01/2015
Aichi: uomo morto in detenzione, polizia giapponese accusata di abuso di potere
21/12/2022 09:37
Il bluff della democrazia: candidati indipendenti fermati dalla polizia
04/11/2016 15:15
Per la prima volta il tribunale dà ragione ai contadini contro la polizia
08/01/2007


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”