15/01/2008, 00.00
IRAQ - ITALIA
Invia ad un amico

Vescovi irakeni chiedono sostegno al governo italiano

Mons. Rabban al-Qas e mons. Louis Sako si incontrano con Gianni Vernetti, sottosegretario agli Esteri. Dal governo del Kurdistan la richiesta di frenare gli attacchi aerei turchi.

Arbil (AsiaNews) – I vescovi di Arbil e di Kirkuk hanno chiesto al governo italiano un aiuto per garantire la sicurezza della popolazione irakena, compresi i cristiani. Ad un incontro con Gianni Vernetti, sottosegretario agli Affari Esteri, in visita di amicizia in Iraq, il vescovo di Arbil, mons. Rabban al Qas ha potuto presentare tutta l’opera della Chiesa caldea in Kurdistan. Mons. Rabban è presidente di una scuola che ospita 500 studenti cristiani e musulmani. Alla domanda di Vernetti su “che cosa l’Italia può fare per i cristiani in Iraq?”, il vescovo ha risposto che i problemi dei cristiani sono anche quelli di tutta la popolazione irakena, e cioè la sicurezza. All’incontro con il sottosegretario italiano agli Esteri era presente anche mons. Louis Sako, vescovo di Kirkuk.

In precedenza Vernetti, accompagnato dall’ambasciatore italiano in Iraq, ha potuto parlare con le autorità del Kurdistan, in particolare con il presidente Massoud Barzani, del quale è amic da molto tempo. Questi hanno domandato all’Italia di fare pressioni sulla Turchia perché fermi le incursioni aree e i bombardamenti nel Kurdistan irakeno.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mons. Warduni: dal Sinodo caldeo “unità e dialogo” per il futuro dei cristiani e dell’Iraq
03/10/2017 09:44
Rami, profugo a Erbil: "Non possiamo fuggire, il futuro dei cristiani è in Iraq"
09/01/2015
P. Samir: Come Gesù nel deserto, in quarantena per guarire dal male (II)
01/04/2020 09:21
P. Samir: dall’Italia all’Iraq, il coronavirus nuova guerra globale (I)
31/03/2020 13:56
Giovani in Kurdistan si preparano al Natale
10/12/2007


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”