23 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/08/2017, 12.55

    KAZAKHSTAN

    A processo prete ortodosso: ha pregato con bambini in un campo estivo in montagna



    Ufficiali e funzionari hanno ispezionato il campo e cercato di interrogare i bambini. È la prima volta che un membro del clero ortodosso deve rispondere per una violazione della legge sulle “Attività e associazioni religiose”.

    Astana (AsiaNews/Fergana) – Un sacerdote ortodosso è stato accusato di aver violato la legge sulle “Attività e associazioni religiose” avendo fatto incontri di carattere religioso in luoghi non registrati. Il 14 agosto, Vladimir Vorontsov, rettore della parrocchia della chiesa della Natività della Santissima Madre di Dio, si è presentato alla prima udienza nel villaggio di Merke (regione Žambyl, nel sud del Paese).

    Una fonte anonima aveva riferito alla polizia che Vorontsov, insieme a dei bambini e alcuni genitori del gruppo della scuola domenicale, stava tenendo degli incontri di preghiera in un campo ricreativo in montagna. Il 2 agosto, rappresentanti dell’amministrazione locale, la polizia e dei membri del Comitato nazionale di sicurezza (Knb) hanno invaso il campo per un’ispezione.

    In un primo momento, il sacerdote è stato accusato di estremismo, detenzione illegale di minori e contrabbando di letteratura religiosa. Gli ufficiali hanno cercato di interrogare i bambini, e solo una telefonata al vicecapo dell’amministrazione regionale li ha convinti a ridurre gli sforzi e andarsene, permettendo ai partecipanti di continuare la loro vacanza.

    Due giorni dopo, Vorontsov ha ricevuto la notifica per la violazione amministrativa e il 6 agosto è stato convocato a corte per aver tenuto incontri religiosi in luoghi inappropriati. Secondo la legge kazaka, tutti i riti devono essere celebrati in luoghi di culto. In base ad essa, le minoranze religiose (protestanti, seguaci di Krishna o gruppi separati di musulmani) sono in modo sistematico sottoposte a multe e arresti amministrativi per aver pregato all’interno di condomini. È la prima volta che una simile misura viene applicata a un rappresentante della Chiesa ortodossa, seconda comunità in Kazakhstan per numero di fedeli.

    Il 10 agosto membri del clero ortodosso sono stati convocati dall’amministrazione regionale per gli affari religiosi per discutere del caso. “La conversazione si è tenuta con toni accesi,” ha scritto Vorontsov stesso. “Il signor Omarov [capo del dipartimento, ndr] ci ha trattato come subordinati colpevoli. L’amministrazione per gli affari religiosi non ha fatto nulla per risolvere questa situazione, per riconciliarsi”.

    In un’intervista con Esquire.kz, Vorontsov ha sostenuto che alle autorità non piace che egli abbia intrapreso iniziative come la scuola domenicale e si sia opposto all’abbattimento di alcuni alberi antichi. Tuttavia, per Vorontsov non si tratta di “oppressione su base nazionale e religiosa”, ma di una sbagliata interpretazione della normativa: “Mi affido ancora alle leggi del mio Paese.”

    I cristiani ortodossi sono la seconda comunità religiosa del Paese dopo i musulmani della scuola hanafita. Dei 3.464 edifici religiosi registrati nella Repubblica, 2.550 sono moschee, 294 chiese ortodosse e 198 cattoliche. Di recente il Kazakhstan ha rafforzato i controlli sulle religioni per ostacolare l’insorgere del radicalismo.  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/08/2017 09:41:00 KAZAKHSTAN
    Assolto il prete ortodosso accusato di aver pregato in montagna

    Il suo caso aveva avuto grande risonanza mediatica in Kazakhstan e Russia. Per lui non c’è “persecuzione religiosa contro i cristiani ortodossi”. È il primo prete ortodosso coinvolto in un caso riguardante la Legge sulla religione. Diversi i verdetti che riguardano le minoranze religiose, fra cui i protestanti.



    22/06/2017 11:52:00 CINA
    Cristiani protestanti imprigionati: devono confessare di appartenere a un ‘culto malvagio’

    La comunità Fengle a Jiangmen è una chiesa domestica, ma il governo vuole sconfessarla come “culto malvagio”. In un raid sequestrate bibbie e arrestati e interrogati alcuni membri. “Il Partito comunista cinese è il più grande culto malvagio”.



    27/09/2016 12:57:00 CINA - VATICANO
    Sacerdoti e fedeli in Cina criticano i nuovi Regolamenti sulle attività religiose

    Il 7 ottobre i Regolamenti verranno messi in atto. Le critiche mostrano la contraddizione fra l’enfasi della Costituzione, che afferma esserci in Cina la libertà religiosa e i Regolamenti che sono una serie di limiti posti alla sua espressione. L’opera del Consiglio di Stato sulle religioni è “illegale”. Si domanda una legge che riconosca il diritto anche alle chiese domestiche (sotterranee) e a tutte le religioni, non solo alle 5 riconosciute dal governo di Pechino.



    23/09/2016 09:42:00 CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.



    21/02/2017 12:27:00 RUSSIA
    Migliaia in processione per il ritorno della chiesa di S. Isacco al Patriarcato di Mosca

    L’edificio era stato sequestrato nel 1917 e usato come museo. Portavoce del Patriarca Kirill: La chiesa “dovrebbe essere anzitutto un luogo di preghiera”. Gli oppositori: Dando la gestione alla Chiesa si rischia un “selvaggio provincialismo”. Putin sarebbe fra gli oppositori. Kirill: Un segno di riconciliazione.





    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®