23 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/03/2017, 12.00

    COREA - VATICANO

    Al via il processo di beatificazione del vescovo di Pyongang e altri 213 martiri

    Pietro Kim

    È un processo “nazionale” e non “diocesano”. Due gruppi: i martiri coreani uccisi fra il 1785 e il 1879 e quelli della Corea moderna, uccisi fra il 1901 e sotto la persecuzione comunista nel periodo della guerra di Corea (1950-1953). Nel primo gruppo vi è Giovanni Battista Yi Byeok, ucciso per la fede insieme a tutta la sua famiglia. Nel secondo oltre al vescovo di Pyongyang, forse morto in qualche campo di concentramento, vi è mons. Patrick James Byrne, missionario Maryknoll, deportato al Nord e morto di stenti. Mons. Lazzaro You: Per i nostri fedeli essi sono già santi.

    Seoul (AsiaNews) - La commissione speciale dei vescovi coreani per le cause dei santi ha reso noto di aver iniziato il processo nazionale che porterà alla beatificazione – e poi alla canonizzazione - di due gruppi di martiri: quella del servo di Dio Giovanni Battista Yi Byeok e dei suoi 132 compagni e quella del servo di Dio mons. Francesco Borgia Hong Yong-ho, primo vescovo di Pyongyang e i suoi 80 compagni.

    La commissione ha ottenuto dal Vaticano che il processo fosse “nazionale” e non “diocesano”, dato che i martiri presi in esame appartengono a diverse diocesi del Paese.

    Il primo gruppo è costituito da martiri della fede uccisi fra il 1785 e il 1879, durante la dinastia Joseon. Fra di essi spicca il nome di Giovanni Battista Yi Byeok (1754-1785), proveniente da una famiglia di dignitari di corte, convertito al cattolicesimo e poi divenuto uno dei primi evangelizzatori della Corea. Nel gruppo sono presenti anche tutti i membri della sua famiglia, condannata a causa della fede. Un altro di cui si vuole verificare il martirio è Tommaso Kim Pem-ou, morto in esilio. È invece certo il martirio di Alessio Hwang Sa-yeong (1775-1801) che, secondo gli ultimi studi dovrebbe essere avvenuto con il lingchi: braccia e gambe legate a quattro animali differenti lasciati andare nelle diverse direzioni fino a squartare il corpo del torturato.

    Tutti i 133 membri di questo gruppo sono dei laici, a conferma dell’importanza del laicato nella nascita e nella diffusione della Chiesa coreana degli inizi.

    Il secondo gruppo abbraccia martiri del periodo moderno della Corea: alcuni sono stati uccisi durante il massacro di Jeju (1901); altri sotto la persecuzione comunista dopo la guerra coreana e la divisione fra Nord e Sud (1950-1953). Fra gli 81 del secondo gruppo vi è pure Giuseppe Kim Sun-young. Egli era stato inviato in Cina come missionario nel 1930, durante il periodo del dominio giapponese in Corea. In seguito egli non è potuto ritornare in patria ed è stato arrestato e condannato dai comunisti cinesi a 15 anni di prigione. Nel 1972 è stato lasciato libero ed è morto di stenti. In questo gruppo vi sono due vescovi, 48 sacerdoti, tre seminaristi, sette suore e 21 laici. Fra essi si staglia la personalità di mons. Francesco Borgia Hong Yong-ho (1906-?), il primo vescovo di Pyongyang, considerato “disperso” fino al 2013 anche dal Vaticano e con ogni probabilità morto in qualche campo di concentramento del Nord (foto 1: l'ultima sua foto insieme ai suoi sacerdoti). Nel gruppo, fra i missionari stranieri vi è la figura del delegato apostolico di Corea, mons. Patrick James Byrne (1888-1950). Missionario Maryknoll statunitense e vescovo, fu rapito dai nordcoreani a Seoul e portato al nord con marce forzate. È morto durante la deportazione.

    È la prima volta che il tribunale per la causa dei santi esamina i casi di testimoni della fede nell’epoca moderna. In passato la Chiesa coreana si era concentrata soprattutto sul periodo degli inizi dell’evangelizzazione in Corea.

    Mons. Lazzaro You Heung-sik, vescovo di Daejeon e presidente della commissione, dice ad AsiaNews che “ci vorranno almeno 10 anni per giungere alla beatificazione e alla canonizzazione, ma per i nostri fedeli, queste persone sono già sante”. Egli ha affermato che nel processo è importante pure “la preghiera dei fedeli e il loro desiderio di seguire lo spirito dei martiri”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/08/2015 COREA
    Chiesa coreana: allo studio la beatificazione del vescovo di Pyongyang e compagni, martiri di Kim Il-sung
    La Conferenza episcopale ha annunciato che a fine novembre inizierà l’ispezione preliminare per determinare se mons. Francesco Borgia Hong Yong-ho e i suoi 80 compagni possano essere qualificati come martiri. Imprigionato nel 1949, mons. Hong è sparito da allora. Nel gruppo anche mons. Byrne, missionario Maryknoll costretto alla “marcia della morte” dai soldati del regime nordcoreano.

    30/05/2017 11:25:00 COREA DEL SUD
    Moon Jae-in incontra l’inviato del Papa e autorizza gli aiuti umanitari al Nord

    Il presidente sudcoreano ha incontrato l'arcivescovo Hyginus Kim Hee-joong latore di un suo messaggio a Papa Francesco. La nuova amministrazione ha autorizzato alcune organizzazioni civili e religiose a preparare degli aiuti che saranno inviati al Nord. Circostanza confermata dalle fonti di AsiaNews



    22/09/2006 COREA DEL SUD – COREA DEL NORD
    Card. Cheong: "Preghiamo affinché l'eucarestia possa tornare in Corea del Nord"

    Il porporato ha invitato i fedeli coreani a seguire l'esempio dei martiri e vivere una vita basata sui valori eucaristici. Grande dispiacere per la parte nord del confine, dove i fedeli non ricevono il grande dono della comunione.



    29/12/2005 COREA DEL NORD – COREA DEL SUD
    Dopo 60 anni si potrà telefonare tra le 2 Coree

    La linea è stata realizzata in collaborazione dai 2 Stati e collegherà la Corea del sud al complesso industriale di Kaesong.



    22/05/2017 09:02:00 COREA
    Per Seoul i missili di Kim non arrivano neanche a Guam

    L'obiettivo indicato è l'isola nel Pacifico che serve da base militare Usa per le operazioni in Asia. Si trova a 3500 chilometri di distanza dalla Corea del Nord. La Corea del Sud esprime cautela anche sulla capacità di rientro dall'atmosfera dei missili nordcoreani. Ma Kim Jong-un ha diffuso le fotografie della Terra scattate dal missile testato domenica per dimostrare di essere in possesso di questa tecnologia necessaria per i missili intercontinentali 





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®