16 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 07/03/2017, 12.00

    COREA - VATICANO

    Al via il processo di beatificazione del vescovo di Pyongang e altri 213 martiri

    Pietro Kim

    È un processo “nazionale” e non “diocesano”. Due gruppi: i martiri coreani uccisi fra il 1785 e il 1879 e quelli della Corea moderna, uccisi fra il 1901 e sotto la persecuzione comunista nel periodo della guerra di Corea (1950-1953). Nel primo gruppo vi è Giovanni Battista Yi Byeok, ucciso per la fede insieme a tutta la sua famiglia. Nel secondo oltre al vescovo di Pyongyang, forse morto in qualche campo di concentramento, vi è mons. Patrick James Byrne, missionario Maryknoll, deportato al Nord e morto di stenti. Mons. Lazzaro You: Per i nostri fedeli essi sono già santi.

    Seoul (AsiaNews) - La commissione speciale dei vescovi coreani per le cause dei santi ha reso noto di aver iniziato il processo nazionale che porterà alla beatificazione – e poi alla canonizzazione - di due gruppi di martiri: quella del servo di Dio Giovanni Battista Yi Byeok e dei suoi 132 compagni e quella del servo di Dio mons. Francesco Borgia Hong Yong-ho, primo vescovo di Pyongyang e i suoi 80 compagni.

    La commissione ha ottenuto dal Vaticano che il processo fosse “nazionale” e non “diocesano”, dato che i martiri presi in esame appartengono a diverse diocesi del Paese.

    Il primo gruppo è costituito da martiri della fede uccisi fra il 1785 e il 1879, durante la dinastia Joseon. Fra di essi spicca il nome di Giovanni Battista Yi Byeok (1754-1785), proveniente da una famiglia di dignitari di corte, convertito al cattolicesimo e poi divenuto uno dei primi evangelizzatori della Corea. Nel gruppo sono presenti anche tutti i membri della sua famiglia, condannata a causa della fede. Un altro di cui si vuole verificare il martirio è Tommaso Kim Pem-ou, morto in esilio. È invece certo il martirio di Alessio Hwang Sa-yeong (1775-1801) che, secondo gli ultimi studi dovrebbe essere avvenuto con il lingchi: braccia e gambe legate a quattro animali differenti lasciati andare nelle diverse direzioni fino a squartare il corpo del torturato.

    Tutti i 133 membri di questo gruppo sono dei laici, a conferma dell’importanza del laicato nella nascita e nella diffusione della Chiesa coreana degli inizi.

    Il secondo gruppo abbraccia martiri del periodo moderno della Corea: alcuni sono stati uccisi durante il massacro di Jeju (1901); altri sotto la persecuzione comunista dopo la guerra coreana e la divisione fra Nord e Sud (1950-1953). Fra gli 81 del secondo gruppo vi è pure Giuseppe Kim Sun-young. Egli era stato inviato in Cina come missionario nel 1930, durante il periodo del dominio giapponese in Corea. In seguito egli non è potuto ritornare in patria ed è stato arrestato e condannato dai comunisti cinesi a 15 anni di prigione. Nel 1972 è stato lasciato libero ed è morto di stenti. In questo gruppo vi sono due vescovi, 48 sacerdoti, tre seminaristi, sette suore e 21 laici. Fra essi si staglia la personalità di mons. Francesco Borgia Hong Yong-ho (1906-?), il primo vescovo di Pyongyang, considerato “disperso” fino al 2013 anche dal Vaticano e con ogni probabilità morto in qualche campo di concentramento del Nord (foto 1: l'ultima sua foto insieme ai suoi sacerdoti). Nel gruppo, fra i missionari stranieri vi è la figura del delegato apostolico di Corea, mons. Patrick James Byrne (1888-1950). Missionario Maryknoll statunitense e vescovo, fu rapito dai nordcoreani a Seoul e portato al nord con marce forzate. È morto durante la deportazione.

    È la prima volta che il tribunale per la causa dei santi esamina i casi di testimoni della fede nell’epoca moderna. In passato la Chiesa coreana si era concentrata soprattutto sul periodo degli inizi dell’evangelizzazione in Corea.

    Mons. Lazzaro You Heung-sik, vescovo di Daejeon e presidente della commissione, dice ad AsiaNews che “ci vorranno almeno 10 anni per giungere alla beatificazione e alla canonizzazione, ma per i nostri fedeli, queste persone sono già sante”. Egli ha affermato che nel processo è importante pure “la preghiera dei fedeli e il loro desiderio di seguire lo spirito dei martiri”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/08/2015 COREA
    Chiesa coreana: allo studio la beatificazione del vescovo di Pyongyang e compagni, martiri di Kim Il-sung
    La Conferenza episcopale ha annunciato che a fine novembre inizierà l’ispezione preliminare per determinare se mons. Francesco Borgia Hong Yong-ho e i suoi 80 compagni possano essere qualificati come martiri. Imprigionato nel 1949, mons. Hong è sparito da allora. Nel gruppo anche mons. Byrne, missionario Maryknoll costretto alla “marcia della morte” dai soldati del regime nordcoreano.

    30/05/2017 11:25:00 COREA DEL SUD
    Moon Jae-in incontra l’inviato del Papa e autorizza gli aiuti umanitari al Nord

    Il presidente sudcoreano ha incontrato l'arcivescovo Hyginus Kim Hee-joong latore di un suo messaggio a Papa Francesco. La nuova amministrazione ha autorizzato alcune organizzazioni civili e religiose a preparare degli aiuti che saranno inviati al Nord. Circostanza confermata dalle fonti di AsiaNews



    22/09/2006 COREA DEL SUD – COREA DEL NORD
    Card. Cheong: "Preghiamo affinché l'eucarestia possa tornare in Corea del Nord"

    Il porporato ha invitato i fedeli coreani a seguire l'esempio dei martiri e vivere una vita basata sui valori eucaristici. Grande dispiacere per la parte nord del confine, dove i fedeli non ricevono il grande dono della comunione.



    10/08/2017 11:30:00 COREA - USA
    L’alta tensione tra Usa e Corea del Nord dà una spinta al progetto del Thaad

    Stop di Seoul all’indagine  sulle conseguenze ambientali del sistema avanzato di difesa missilistico americano. I vertici dell’esercito sudcoreano avevano già tenuto nascosta al presidente Moon Jae-in la consegna da parte degli Stati Uniti di quattro nuovi componenti dello scudo Thaad. Gli uffici presidenziali di Seoul non credono che le reciproche minacce tra Kim e Trump si tradurranno in un conflitto reale, ma servono a scopi affaristici. 



    04/10/2017 12:59:00 COREA
    Seoul si appella a Pyongyang: permettete alle ‘famiglie separate’ di ritrovarsi

    Spezzate dalla guerra del 1950-53, stanno perdendo la speranza di rivedersi prima di morire. Dal 2000 si sono tenuti 20 incontri, l’ultimo nel 2015. La Sudcorea continua a tenere aperta la porta al dialogo. Rispettare gli accordi firmati 10 anni fa.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®