21 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/08/2017, 11.05

    ARABIA SAUDITA - IRAN - QATAR

    Allerta attentati, oltre 100mila agenti vigilano sulla sicurezza dei pellegrini alla Mecca



    Dopo il boicottaggio del 2016, attesi decine di migliaia di fedeli dall’Iran. Pellegrino sciita contro le interferenze della politica nella regione. A causa delle tensioni fra Riyadh e Doha solo poche decine di persone dal Qatar.  Al Qaeda e Isis una “minaccia potenziale”. 

     

    Riyadh (AsiaNews) - Per garantire la sicurezza dei fedeli musulmani di tutto il mondo, che prendono parte in questi giorni al pellegrinaggio maggiore alla Mecca (Hajj), le autorità saudite hanno stanziato oltre 100mila membri delle forze di sicurezza. Uno schieramento imponente, per rispondere al rischio attentati mai così elevato come in questo periodo anche se finora non si sono registrati allarmi specifici o minacce di gruppi jihadisti, fra i quali lo Stato islamico (SI, ex Isis) che ha già colpito in passato nel Paese. 

    Il più importante raduno annuale di fedeli musulmani richiamerà nella nazione saudita oltre due milioni di persone da tutto il mondo. Quest’anno, a differenza dell’anno passato, vi saranno anche decine di migliaia di iraniani che nel 2016 non hanno potuto prendere parte all’Hajj a causa delle divisioni fra Teheran e Riyadh.

    A innescare la crisi, l’incidente innescato da una “fuga rovinosa” e alla successiva calca che ha causato la morte di almeno 2300 persone, di cui 464 erano pellegrini iraniani. L’evento ha provocato forti tensioni fra Iran (la nazione musulmana sciita più importante al mondo) e Arabia Saudita (custode dell’ortodossia sunnita), sfociate nella mancata partecipazione - per la prima volta in 30 anni - dei fedeli della Repubblica islamica all’Hajj. 

    Un lungo e laborioso sforzo diplomatico fra le due nazioni ha riaperto le porte della Mecca agli iraniani; sono almeno 86mila le persone che hanno preso parte al pellegrinaggio maggiore, uno dei cinque cardini dell’islam. Fra questi vi è il 54enne Abbas Ali, il quale si dice “felice di vedere così tanti iraniani qui [alla Mecca]” e aggiunge che “le questioni politiche non dovrebbero interferire nelle vicende religiose, in particolare nell’Hajj”. “Non dovremmo smettere di venire qui - conclude - perché siamo tutti musulmani”. 

    Se le tensioni, almeno per quanto concerne il pellegrinaggio, fra Teheran e Riyadh sembrano archiviate la crisi in atto fra Qatar e Arabia Saudita divampata nel giugno scorso ha di fatto azzerato la presenza di fedeli provenienti da Doha. Secondo le ultime informazioni, solo poche decine di qatarioti hanno varcato il confine per partecipare all’Hajj a conferma di una frattura che si fa sempre più ampia. Un funzionario del Comitato nazionale del Qatar per i diritti umani riferisce che “la scorsa settimana fra le 60 e le 70 persone hanno superato la frontiera”; un numero decisamente inferiore ai 12mila fedeli che, lo scorso anno, hanno partecipato al pellegrinaggio maggiore. 

    Le autorità saudite guardano con attenzione soprattutto il problema sicurezza con operazioni mirate di intelligence. Secondo quanto riferisce il portavoce del ministero degli Interni Mansour Turki i reparti speciali nel recente passato hanno smantellato diverse cellule militanti con base alla Mecca e a Medina. E le sconfitte subite dallo Stato islamico sul piano militare in Siria e Iraq non allentano la tensione e i livelli di sicurezza, perché resta forte la “minaccia potenziale” dei gruppi terroristi. 

    Le autorità hanno piazzato punti di controllo, check-in e metal detector negli aeroporti e agli ingressi dei luoghi santi dell’islam, anche se lo stesso portavoce del ministero precisa che “non vi sono state sinora minacce specifiche”. “Prestiamo la massima attenzione [alla sicurezza e all’ordine pubblico] - conclude - a ogni possibile allerta, anche se non lo diffondiamo” agli organi di informazione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/09/2017 08:58:00 ARABIA SAUDITA - IRAN
    'Successo' dell’Hajj: Teheran apre al dialogo con Riyadh. No dei sauditi

    Per il ministro saudita degli Esteri Teheran deve “cambiare le proprie politiche”. L’Iran aveva ringraziato i sauditi per il “nuovo approccio” nel trattare i pellegrini della Repubblica islamica e auspica “dialoghi e negoziato”. 

     



    09/12/2008 ARABIA SAUDITA – ISLAM
    Mecca, lancio delle pietre contro il diavolo. Nessun incidente di rilievo
    Alla Mecca due milioni e mezzo di musulmani compiono il rito del lancio di sassi e pietre contro i tre pilastri che rappresentano i simboli del male. Le nuove misure di sicurezza hanno scongiurato il pericolo di incidenti, causa in passato di centinaia di morti e feriti. Ieri i fedeli di tutto il mondo hanno celebrato la festa del sacrificio.

    04/12/2008 ARABIA SAUDITA – ISLAM
    Rischio attentati e problema alloggi per i fedeli diretti alla Mecca
    Al tradizionale pellegrinaggio islamico parteciperanno oltre 2 milioni e mezzo di musulmani: 1 milione e 750 mila stranieri e 750 mila sauditi o immigrati nel regno. Livello di allerta massimo per il pericolo di attentati, ma le vere minacce sono traffico, occupazione abusiva di suolo pubblico e la ricerca di una stanza.

    04/09/2009 ARABIA SAUDITA
    Nel regno saudita sciiti discriminati come “non credenti”
    Un rapporto di Hrw denuncia l’emarginazione degli sciiti in scuole, tribunali, moschee, esercito, governo, lavoro. Allo stesso modo (e forse peggio) sono discriminati cristiani, indù, buddisti, ecc..

    17/12/2007 ARABIA SAUDITA
    Oltre un milione e mezzo di musulmani verso la Mecca, tra loro Ahmadinejad
    Il presidente iraniano, inviato da re Abdullah, sarà il primo capo di Stato del suo Paese a compiere il pellegrinaggio. Imponenti le misure di sicurezza e quelle sanitarie per far fronte ad un evento che negli anni passati ha visto gravi perdite di vite umane.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®