16 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/06/2017, 08.50

    TURCHIA

    Arrestato il presidente di Amnesty International, sospettato di essere guelenista



    Fermati Taner Kilic e altri 22 attivisti e avvocati. Nel mirino anche Birol Erdem, primo consigliere del premier Yildirim, e il genero dell’ex vice-premier Bülent Arınc. Oltre 120mila persone fermate nel contesto delle purghe promosse dal governo. 

     

    Istanbul (AsiaNews) - Le autorità turche hanno arrestato il presidente della sezione locale di Amnesty International, Taner Kilic, assieme ad altre 22 persone, perché sospettato di legami con il predicatore islamico Fethullah Gülen, considerato la mente del golpe del luglio scorso. Secondo quanto riferisce il movimento attivista, la polizia lo ha fermato ieri nella cittadina occidentale di Izmir. “Ci rivolgiamo alle autorità turche - si legge nella nota a firma del segretario generale Salil Shetty - per il rilascio immediato di Taner Kilic insieme ad altri 22 avvocati”. 

    Secondo Amnesty International il nuovo fermo è la prova di quanto siano ormai “arbitrari” gli arresti effettuati nel contesto della repressione lanciata da Ankara nei mesi successivi al tentato colpo di Stato. Tuttavia, per gli attivisti non vi sarebbero legami fra l’arresto e il lavoro di Kilic nel Paese a favore dei diritti umani, iniziato nel 2014. 

    In questi ultimi giorni le autorità turche hanno compiuto diversi arresti eccellenti nel contesto delle purghe post golpe. Ai primi di giugno il fermo di Birol Erdem, primo consigliere del premier turco Binali Yildirim, anch’egli sospettato di legami con la rete di Gülen. Egli è stato in passato sottosegretario alla Giustizia ed è stato arrestato insieme alla moglie nella loro residenza ad Ankara. 

    Il 5 giugno a cadere nelle maglie della giustizia turca è stato Ekrem Yeter, genero dell’ex vice-premier Bülent Arınc. Egli è stato prelevato all’interno della sua abitazione e condotto davanti al procuratore per un interrogatorio, al termine del quale è stato emesso il provvedimento cautelare in carcere per “appartenenza a una organizzazione terrorista” (Gülen). 

    Dal luglio scorso, le autorità turche hanno lanciato una campagna di repressione che ha portato all’arresto di quasi 50mila persone fra docenti, militari, intellettuali, oppositori politici, imprenditori, giornalisti, attivisti e semplici cittadini; le persone fermate e indagate sono oltre 120mila. Sospesi dal servizio o licenziati più di 135mila mila funzionari del settore pubblico.

    Nel mirino, oltre ai curdi, anche simpatizzanti (o presunti tali) del movimento che fa capo al predicatore islamico Fethullah Gülen, in esilio in Pennsylvania (Stati Uniti). Secondo il presidente Erdogan e i vertici di governo egli sarebbe la mente del colpo di Stato in Turchia in cui sono morte 270 persone, migliaia i feriti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/07/2017 08:57:00 TURCHIA
    Turchia: nuovi arresti di attivisti pro diritti umani, anche la direttrice di Amnesty

    Un tribunale turco ha confermato il carcere per sei militanti, fra cui Idil Eser. AI parla di  “simulacro di giustizia” in atto nel Paese. In cella anche due formatori, uno svedese e un tedesco. Essi avrebbero commesso “un crimine” in nome di una “organizzazione terrorista” (il movimento di Gulen) “senza farne parte”.

     



    23/05/2017 08:57:00 TURCHIA
    Ankara, al via il processo contro 220 alti ufficiali dell’esercito

    Alla sbarra anche 26 generali. Fra questi Akin Ozturk, ex comandante dell’aeronautica e un tempo fedelissimo del presidente. Il pubblico ministero chiede il carcere a vita. All’esterno gruppi di manifestanti invocano la pena di morte. Erdogan rieletto nel fine settimana alla guida del partito Akp.

     



    12/12/2017 08:51:00 TURCHIA
    Turchia, chiesto l’ergastolo per tre giornalisti accusati di complicità nel (fallito) golpe

    Si tratta dei fratelli Ahmet e Mehmet Altan e della cronista 73enne Nazli Ilicak. Per i giudici avrebbero cercato di rovesciare governo e ordine costituzionale e sarebbero complici di una organizzazione terrorista. Respinta l’istanza di scarcerazione avanzata dai legali. Il governo vuole costruire 228 nuove carceri in cinque anni.

     



    22/09/2017 08:59:00 TURCHIA
    Istanbul, arrestati 14 avvocati: difendevano due insegnanti incarcerati e in sciopero della fame

    I legali appartengono al Dipartimento per i diritti del popolo (Hhb) e sono stati incriminati con l’accusa di terrorismo. Essi sarebbero legati al Fronte Rivoluzionario della liberazione popolare (Dhkp-C), gruppo marxista fuorilegge. L’arresto è avvenuto alla vigilia del processo a carico dei due insegnanti, con un tempismo “sospetto”. 

     



    31/08/2017 08:55:00 TURCHIA
    Le purghe di Erdogan hanno affollato le carceri: oltre 22mila detenuti dormono per terra

    Per la prima volta il totale della popolazione carceraria supera quota 224mila. Ad oggi le galere turche possono ospitare un massimo di circa 200mila detenuti. Il governo libera i detenuti comuni per richiudere i presunti “golpisti”. I fondi stanziati per le carceri superano il budget di molti ministeri. Entro la fine del 2017 pronte 76 nuove prigioni. 

     





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®