20 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/03/2016, 12.37

    PAKISTAN

    Attivisti: Siamo contro la pena di morte, ma l’impiccagione di Qadri ha reso giustizia

    Shafique Khokhar

    La morte dell’assassino dell’ex governatore Salman Taseer ha sollevato un ampio dibattito tra gli islamisti e coloro che condannano le esecuzioni capitali, ma ritengono che in certi casi siano giustificate. L’impiccagione di Qadri è “da accettare in quanto funzionale a salvare vite innocenti in futuro”. Essa dimostra che le istituzioni sono “pronte a sfidare in modo serio la mentalità estremista”.

    Rawalpindi (AsiaNews) – Nessuna gioia o soddisfazione per l’impiccagione di Mumtaz Qadri, la guardia del corpo che nel 2011 ha assassinato l’ex governatore del Punjab Salman Taseer per la sua posizione contraria alla legge sulla blasfemia. In linea generale, la pena di morte è da condannare ma in questo caso è stata fatta giustizia ed è stato rispettato lo Stato di diritto. È l’opinione di alcuni noti attivisti e pedagogisti del Pakistan, che commentano ad AsiaNews la condanna eseguita ieri contro il radicale islamico. La sua esecuzione sta sollevando un ampio dibattito tra i sostenitori dell’islam più fondamentalista e quanti ritengono che la giustizia debba prevalere, in casi estremi anche per mezzo di una condanna a morte.

    Ishtiaq Ahmed, pedagogista, riferisce: “Il dilemma riguarda la pena di morte. Io ritengo che in alcune circostanze straordinarie l’eccezione alla regola sia giustificata. Dato il tipo di società come quella pakistana, essa può fungere da deterrente. Qadri era una guardia del corpo e ha tradito le sue responsabilità nella protezione del governatore. In linea generale la pratica della pena di morte deve essere abbandonata, ma in questo caso è da accettare in quanto funzionale a salvare vite innocenti in futuro”.

    I sostenitori di Qadri, che lo esaltavano come “eroe nazionale”, in queste ore stanno scendendo nelle strade di tutto il Paese. Al suo funerale, previsto per oggi, sono attese milioni di persone e si teme lo scoppio della violenza.

    Secondo Samson Salamat, attivista e presidete di Rawadari Tehreek (Movimento per la tolleranza), la decisione del presidente Mamnoon Hussain di non concedere la grazia, “è un raro esempio di come la giustizia possa prevalere in casi simili di alto profilo, soprattutto perché Taseer è stato ucciso in nome della religione. Sembra che le istituzioni statali siano pronte a sfidare in modo serio la mentalità estremista che ha prevalso negli ultimi 30 anni, nonostante i timori delle reazioni negative”. “È necessario fermare – continua – i gruppi militanti fuori legge che stanno diffondendo l’odio, si deve mettere un freno a tutti i tipi di discorso dell’odio”.

    Altri attivisti ritengono che l’esecuzione capitale lasci latente un senso di insoddisfazione. È il caso di Peter Jacob, direttore del Centre for Social Justice, che afferma: “Se da una parte c’è la famiglia di Qadri che piange la sua morte, dall’altra l’impiccagione chiude la ferita che sanguina da cinque anni per la famiglia di Salman Taseer”. L’attivista ricorda Shahzab Taseer, uno dei figli del governatore rapito dai talebani, di cui ancora si ignorano le sorti e Asia Bibi, “la cui sentenza di morte nel 2010 in base alla legge sulla blasfemia ha acceso questa tragedia. La donna langue ancora in prigione. È difficile dire in questi casi che giustizia è stata fatta del tutto. Ci opponiamo alla pena di morte, ma sosteniamo anche lo Stato di diritto. Non è il momento né di gioire né di essere soddisfatti, ma l’uccisione di Qadri potrebbe scoraggiare l’abuso della legge sulla blasfemia nel breve periodo”.

    Netta invece è la condanna di Naveed Walter, presidente del Human Rights Focus Pakistan (Hrfp): “Mumtaz Qadri è andato incontro al suo destino. Un criminale deve essere punito dalla legge. Il Pakistan ha vinto. Questo passo di sicuro scoraggerà il terrorismo basato sul fondamentalismo religioso. Il governo deve assicurare totale sicurezza ai luoghi di culto delle minoranze, dal momento che c’è il pericolo della reazione degli islamisti”.

    Ata-ur-Rehman Saman, membro della Commissione nazionale giustizia e pace, aggiunge: “Siamo contrari alla pena di morte ma il governo ha mandato un chiaro messaggio: chiunque assume la legge nelle proprie mani, non rimarrà impunito. Questa decisione è un punto di svolta nella nostra storia”. Quanto è accaduto, conclude Humza Arshad, studioso ed educatore, “dimostra che il potere dei partiti islamici si sta corrodendo”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/02/2016 11:17:00 PAKISTAN
    Cattolici del Pakistan: Con l’impiccagione di Qadri, la volontà politica di affrontare il terrorismo

    I radicali islamici stanno protestando nelle strade di tutto il Paese. L’assassino reo confesso dell’ex governatore del Punjab Salman Taseer è stato impiccato questa mattina. La scelta del presidente Hussain di non concedere la grazia è “coraggiosa. Giustizia è stata fatta nonostante la pressione dei fondamentalisti”. Direttore Commissione giustizia e pace: “Taseer è stato ucciso perché ha difeso Asia Bibi, che langue ancora in carcere”.



    01/03/2016 08:49:00 PAKISTAN
    Massima allerta per i funerali di Mumtaz Qadri. Si teme per la vita di Asia Bibi

    I funerali si terranno nelle prossime ore a Rawalpindi. Si sono già radunati milioni di fanatici islamici e altrettanti sono attesi a Lahore, Karachi e Peshawar per altre cerimonie funebri in contemporanea. Innalzate le misure di sicurezza attorno ad Asia Bibi, che era stata difesa dal governatore Salman Taseer. La famiglia della donna si è nascosta in una località segreta.



    17/02/2015 PAKISTAN
    Alta corte di Islamabad: Nulla può giustificare l'omicidio di Salman Taseer
    Mumtaz Qadri, assassino dell'ex governatore del Punjab, ha presentato un appello contro la sua condanna a morte. Egli chiede di essere giudicato da un tribunale shariatico perché ha commesso l'assassinio "in difesa dell'islam". L'Alta corte si esprimerà nelle prossime settimane. L'accusa ha sottolineato che l'omicidio è contrario alla Costituzione e alla legge del Pakistan.

    29/02/2016 08:46:00 PAKISTAN
    Pakistan, impiccato l’assassino di Salman Taseer. Si temono nuove violenze

    La condanna a morte di Mumtaz Qadri è stata eseguita nelle prime ore di oggi. Il detenuto ha incontrato i familiari poco prima dell’esecuzione. I suoi funerali previsti per oggi pomeriggio. Ci si aspetta la partecipazione in massa dei radicali islamici, che hanno già bloccato le strade di Rawalpindi, Lahore e Karachi. Qadri è considerato “eroe nazionale” per aver ucciso l’ex govenatore del Punjab, critico delle leggi sulla blasfemia.



    16/06/2015 PAKISTAN
    Leader islamici: Sì alle leggi sulla blasfemia, chi insulta Maometto non ha diritto a vivere
    Dieci ulema e un ex giudice hanno criticato la bozza che propone di “alleggerire” una delle attuali leggi sulla blasfemia. Chiesta la liberazione di Mumtaz Qadri, assassino del governatore del Punjab Salman Taseer che difese Asia Bibi.



    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®