12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/10/2012, 00.00

    SIRIA - M.ORIENTE

    Autobombe ad Aleppo. Le cifre della guerra in Siria



    Distrutti un hotel e un centro per gli ufficiali militari. Decine di morti e feriti. L'Alto commissariato Onu per i rifugiati prevede che i profughi siriani supereranno la cifra di 700mila entro la fine dell'anno. La Giordania è quella con il maggior carico. I problemi dell'inverno. Per l'Osservatorio siriano per i diritti umani, i morti della guerra civile sono 31mila.

    Aleppo (AsiaNews/Agenzie) - Almeno due autobomba sono esplose stamane nel centro di Aleppo, seconda città della Siria, uccidendo decine di persone e lasciando molti feriti. Le esplosioni sono avvenute a piazza Saadallah al-Jabiri, vicino a una sede per gli ufficiali militari e a un hotel. La televisione di Stato ha parlato di "tre esplosioni terroriste" e ha mostrato scene di completa distruzione, con la facciata dell'hotel ridotta in rovina e persone sanguinanti.

    Aleppo è la capitale commerciale della Siria, con una popolazione di 1,7 milioni. Dal luglio scorso essa è uno dei punti più infuocati del conflitto fra esercito siriano e ribelli.

    Osservatori, responsabili di gruppi umanitari e lo stesso segretario generale dell'Onu fanno notare che mentre cresce l'intensità delle violenze nel Paese, emerge sempre più che  nella guerra non vi sono né vincitori, né vinti. Il conflitto, divenuto ormai una guerra civile, era iniziato come un'appendice della primavera araba, con richieste di maggiore giustizia e democrazia. Ma alle tensioni interne si sono aggiunti interessi regionali di Turchia, Qatar e Arabia saudita - che appoggiano i ribelli - e Iran, Russia e Cina, che appoggiano il governo di Bashar el-Assad.

    Ieri l'Unhcr (l'Alto commissariato Onu per i rifugiati) a Ginevra, ha diffuso le cifre dei rifugiati siriani nei Paesi vicini: da metà giugno fino ad oggi essi sono triplicati, passando da circa 100mila a 300mila, distribuiti in quattro Paesi: Turchia, Giordania, Libano e Iraq. Entro la fine dell'anno l'Unhcr teme che i profughi diverranno almeno 710mila e dovranno affrontare i mesi invernali di freddo rigido.

    Le previsioni dell'organismo Onu dicono che in Turchia i profughi passeranno dagli attuali 93.500 a 280mila; in Iraq da 33.700 a 60mila; in Libano da 80.800 a 120mila; in Giordania da 103mila a 250mila.

    Intanto, l'Osservatorio siriano per i diritti umani - basato all'estero in Gran Bretagna, ma con informatori in loco - comunica che nel conflitto sono morti finora almeno 31mila persone, di cui 22mila sono civili, compresi più di 2mila bambini.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/04/2014 LIBANO-SIRIA
    Oltre un milione di rifugiati siriani in Libano: un quarto della popolazione
    La situazione è ancora più difficile per mancanza di risorse e per le tensioni createsi a Beirut e a Tripoli con gli scontri armati fra sunniti e sciiti di Hezbollah.

    07/04/2014 SIRIA
    Si continua a morire ad Homs, Damasco e nei campi profughi giordani
    Un'autobomba ha ucciso 29 ribelli ad Homs; morti e feriti a Damasco. Colpito anche il palazzo dell'Opera. A Ghouta 39 ribelli sono stati uccisi. Nel campo profughi di Zaatari (Giordania), una donna è stata uccisa durante gli scontri con la polizia. I profughi si lamentano delle condizioni precarie e misere in cui vivono.

    25/02/2014 ISRAELE-SIRIA-LIBANO
    Aerei israeliani colpiscono basi Hezbollah sul confine siriano
    La zona colpita, nella valle della Bekaa, è usata da Hezbollah per immagazzinare armi e per addestrare le sue truppe che lottano a favore di Assad. Israele teme un'escalation nella modernizzazione degli armamenti in mano al movimento militante sciita.

    04/12/2012 TURCHIA - SIRIA
    Missili turchi e minacce Usa contro le armi chimiche siriane
    Ankara chiede alla Nato lo spiegamento dei missili Patriot; Obama avverte Damasco di non fare "il tragico errore" di usare armi chimiche. Ma la Siria continua a dire che essa non li userà mai contro il suo popolo. Onu e Unione europea riducono al minimo il personale negli uffici di Damasco. Israele vorrebbe bombardare i magazzini di armi chimiche siriane.

    04/10/2012 TURCHIA - SIRIA
    Rappresaglie turche alla frontiera con la Siria. Si spinge la Nato ad intervenire
    I rappresentanti di Ankara hanno avvertito l'Onu, ma soprattutto la Nato per chiedere l'intervento militare dei Paesi membri. Ma c'è chi sospetta che le bombe sono lanciate dai ribelli anti-Assad per provocare alla guerra nella regione.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®