26 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 29/04/2011, 00.00

    THAILANDIA

    Chiesa di Thailandia, vivo il ricordo di Papa Woytila

    Weena Kowitwanij

    Fu il primo Papa a visitare il Paese asiatico, nel maggio 1984. Un viaggio gravido di conseguenze per la piccola, ma attiva Chiesa locale. Per chi lo vide, il ricordo è ancora vivo dopo 27 anni e costituisce esempio per la vita quotidiana.
    Bangkok (AsiaNews) – Una statua di Papa Giovanni Paolo II, davanti alla cattedrale dell’Assunta a Bangkok, ricorda la storica prima visita di un Papa in Thailandia, il 10-11 maggio 1984. I thailandesi ricordano per AsiaNews i momenti e il significato della visita, in attesa della cerimonia di beatificazione del Papa polacco il 1° maggio a Roma. Mons. Joseph Sangval Surasarang, vescovo della diocesi di Chiang Mai ora in pensione, ebbe l’incarico di accompagnare il Papa, durante i due giorni di visita, e ricorda “la sua gentilezza e la sua profonda spiritualità”.

    Papa Woytila ricordava mons. Surasarang come “il vescovo dei montanari”, dopo che il vescovo, all’epoca vicario generale e pastore della cattedrale dell’Assunta, gli aveva detto che “il 70% dei cattolici di Chiang Mai sono abitanti delle montagne”. Ad AsiaNews egli dice che “quei due giorni sono stati i più importanti della storia della Chiesa thailandese. Rammento il discorso del Papa a oltre 40mila fedeli dopo la messa allo stadio nazionale Supatchalasai, quando disse: ‘Sono felice di essere qui in Thailandia. Vedo tutti voi così entusiasti di incontrarmi e questo rende anche me più entusiasta’.” “Sua Santità mi ha colpito in molti modi e con gesti assai semplici, come quando prima e dopo la messa si raccoglieva per lungo tempo in profonda preghiera. Standogli vicino, sono stato colpito dalla sua santità, dalla sua fiducia in Dio e nella guida di Sua Madre Maria, dal suo entusiasmo nell’incontrare i giovani e nell’insegnare loro di avere il coraggio di andare contro il materialismo per essere persone migliori. Mi ha suscitato il desiderio di seguire i suoi passi”. “Il Beato Papa Giovanni Paolo II è un esempio di fede salda e autentica, seguirlo significa seguire con attenzione Gesù Cristo” .

    Al suo arrivo in Thailandia, Giovanni Paolo II si chinò a baciare la terra, un tradizionale segno di rispetto. Un momento di grande commozione fu l’incontro con re Bhumibol Adulyadej e la regina Sirikit, il 10 maggio nel palazzo reale Chak-kri Maha Prasart. A loro il Papa disse che per lui era “un grande onore incontrarvi nella terra conosciuta da tutti come ‘la terra del sorriso’. Questa mia visita ufficiale… è anche  segno della gratitudine di restituire la vostra visita al mio predecessore Papa Giovanni XXIII il 1° ottobre 1960 e la visita di Somdet Phra Ariyawongsagataya (Punnasiri), 17° Patriarca della Thailandia, che ebbe udienza con Papa Paolo VI in Vaticano”. Il 1° ottobre 1960 re Bhumibol aveva spiegato a Papa Giovanni XXIII che in Thailandia, “anche se la maggioranza della popolazione è buddista, pure gli altri hanno uguale diritto di praticare con libertà la loro fede”. E a Papa Woytila il re aggiunse che ora il Papa aveva potuto vedere di persona che “in Thailandia i fedeli cattolici sono zelanti e felici di praticare la loro fede”. Nel 2005, alla morte del Papa, il re inviò al Vaticano una lettera di condoglianze, ricordando “un grande uomo che è solido e fermo nella giustizia e nel perdono”.

    Mons. Surasarang ricorda anche l’incontro con Somdet Phra Yannasangworn, il 19° Patriarca supremo, al tempio Rajchaborpitsathitmahasrimaram, quando “il Papa dichiarò con umiltà il suo rispetto per la Thailandia, terra indipendente, per il popolo Thai, e disse di voler salutare tutti e augurare loro ogni benedizione del Signore”. Nel 2009, per il 25° anniversario della visita papale, alla Cattedrale dell’Assunta è stata inaugurata una statua di bronzo di S. Pietro, davanti a quella del Papa polacco. La fede cattolica è stata portata nel Paese dai missionari portoghesi, insieme alla tecnologia, all’arte e alla cultura occidentale. Le scuole gestite da gruppi cattolici sono tuttora assai apprezzate. La visita del Papa ha molto colpito anche i fedeli buddisti. Il professor Patrawadee Ongsakul dell’Università di Songkhla Nakarin, buddista, vide il Papa accompagnando amici cattolici allo stadio ed è rimasto colpito dalla umile fede delle migliaia di persone che sono andate all’altare per ricevere la comunione. “Per me – dice ad AsiaNews – mostrare gratitudine alla scuola cattolica, dove ho svolto gli studi di livello primario e secondario, significa anche essere zelante nel praticare la mia fede buddista, come erano pieni di zelo i missionari esteri che conducevano la mia scuola. Dico sempre ai miei studenti di praticare con osservanza la loro fede, qualunque sia, come ho visto fare dai missionari cattolici della mia scuola”.

    Quando il Papa si recò alla cattedrale dell’Assunta, a offrirgli un bouquet di fiori in segno di benvenuto fu scelta la signora Lamoon Fuukfon, che per oltre 40 anni ha curato i fiori sull’altare della chiesa. Si commuove e non trattiene le lacrime quando ricorda quel momento, dice che non avrebbe mai immaginato che “una donna povera e di basso ceto come me avrebbe avuto l’onore di incontrare il Papa così da vicino”. Nella visita, Papa Woytila ordinò 23 sacerdoti. Uno di loro, padre Peter Prasert Takavej, direttore del Centro di Insegnamento Pastorale, ricorda con commozione “il suo gentile sorriso, la sua voce serena ma potente sia quando parlava che quando guidava la preghiera. Soprattutto, era un uomo di grande semplicità e naturalezza. Per lui non ci sono barriere tra gli esseri umani, di qualsiasi colore”. “Egli è stato un uomo che ha lavorato per il futuro, iniziando la Giornata Mondiale della Gioventù per formare i giovani, che sono il futuro della Chiesa e del mondo. Egli toccava il cuore di chiunque incontrava, vecchie e giovani, bianchi e neri”.

    Padre Anthony Vorayuth Itbamrung, direttore del Catholic Social Communication della Thailandia, parteciperà alla cerimonia di beatificazione, “per chiedere a Sua Santità la benedizione per la mia vocazione e per il mio lavoro pastorale”. “Ricordo la Sua visita al campo profughi nel distretto di Panat Nikhom, provincia di Chonburi, circa 110 chilometri a est di Bangkok. Lì c’erano migliaia di rifugiati vietnamiti, cambogiani, laotiani, in attesa di poter andare in un Paese terzo. Il Papa ha donato denaro per questo campo, ritenuto solo un campo di passaggio. Dieci anni dopo la visita del Papa, nel campo c’erano 11.614 persone, soprattutto laotiani”. Il Centro cattolico di padre Vorayuth Itbamrung ha pubblicato tre libri sulla vita e le opere di Papa Woytila, l’ulitmo nel 2011, dal titolo: Il Beato Papa Giovanni Paolo II, Un uomo del perdono.

    Secondo i dati ufficiali del 2011, in Thailandia ci sono 346.375 cattolici su 64.852.627 abitanti, con 781 sacerdoti, 131 religiosi, 1530 suore e 481 chiese.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/02/2011 VIETNAM
    Il sostegno di papa Wojtyla ha reso più forte la Chiesa vietnamita
    Soprattutto i giovani, per i quali Giovanni Paolo II aveva una speciale attenzione, sono pieni di vitalità e si dedicano con entusiasmo ad impegni in campo pastorale, caritativo e sociale.

    02/05/2011 THAILANDIA
    La Chiesa thai prega Giovanni Paolo II e chiede pace per il Paese
    Il card. Michai Kitbunchu ha presieduto la celebrazione della Divina Misericordia, ricordando l’amore dei cattolici per il nuovo Beato. “Benedica le nostre famiglie e dia pace alla Thailandia”.

    27/04/2011 THAILANDIA
    Anche la Chiesa thailandese partecipa alla beatificazione di Giovanni Paolo II
    Alla cerimonia andrà il vescovo di Nakhon Ratchasima, ordinato sacerdote nel 1984 proprio da papa Woytila nel viaggio in Thailandia. Ad AsiaNews il prelato racconta il ricordo di quell’evento e l’esempio di Giovanni Paolo II per la Chiesa thai.

    28/04/2011 ISRAELE – VATICANO
    Giovanni Paolo II, acclamato “Rabbino capo”dagli ebrei di Israele
    È stato il primo pontefice a dare una svolta ai rapporti tra Chiesa e Stato di Israele, instaurando un dialogo vero fra cattolici ed ebrei. Il suo ricordo ci invita, ci sfida ad andare oltre, progredire, costruire ed osare ancora, sempre di nuovo, sempre di più.

    26/04/2011 INDIA – VATICANO
    Quando Giovanni Paolo II baciò Madre Teresa e i moribondi di Calcutta
    Nell’imminenza della beatificazione di Giovanni Paolo II, presentiamo alcune testimonianze del ricordo e dell’eredità lasciata dalla personalità del pontefice in Asia. Mons. Henry D’Souza, già arcivescovo di Calcutta e suor Glenda, superiora del Nirmal Hriday di Calcutta raccontano la sua visita in India nel 1986. I frutti vivi della “nuova solidarietà” anche con gli indù.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®