13/12/2008, 00.00
GIAPPONE – ASIA
Invia ad un amico

Cina, Giappone e Corea uniti contro la crisi economica mondiale

Fukuoka ospita il primo vertice a tre dei Paesi asiatici. Al centro dei colloqui la situazione finanziaria globale e il progetto di ricapitalizzare la Banca asiatica per lo sviluppo, con l’obiettivo di aiutare le nazioni del continente più colpite dalla crisi. Dirigente cinese auspica risposte comuni.

Fukuoka (AsiaNews/Agenzie) – Giappone, Cina e Corea del Sud invitano i Paesi dell’Asia a cooperare per far fronte alla crisi economica mondiale. Tokyo, Pechino e Seoul chiedono inoltre di ricapitalizzare la Banca asiatica per lo sviluppo, necessaria per sostenere le nazioni più colpite dai problemi finanziari.

Il primo ministro giapponese Taro Aso, il premier cinese Wen Jabao e il presidente sud-coreano Lee Myung-bak si sono dati appuntamento a Fukuoka, nel sud-ovest del Giappone, per il primo summit a tre. Un incontro storico, reso necessario dalla situazione di crisi generale attraversata dall’economia mondiale, che richiede risposte altrettanto eccezionali.

In una dichiarazione comune “i dirigenti della Repubblica popolare della Cina, del Giappone e della Corea del Sud” affermano di condividere “l’idea che sia necessario rafforzare la cooperazione fra di loro, per poter affrontare la situazione attuale” di crisi economica. Un portavoce del ministero degli esteri cinese dice di sperare che le tre nazioni possano “rispondere in maniera comune” alla crisi finanziaria, senza peraltro offrire maggiori dettagli sulle modalità in cui verrà attuata la collaborazione.

I tre leader confermano inoltre che “la Banca asiatica per lo sviluppo potrebbe giocare un ruolo importante” nell’aiuto dei Paesi asiatici “toccati dalla crisi finanziaria”, soprattutto quelli “in via di sviluppo”. Per questo essi chiedono “un accordo rapido sull’aumento di capitale per la banca”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La crisi economica attacca Seoul: “Troppo dipendente dall’estero”
16/08/2011
Per il Vaticano, la crisi economica nasce dalla mancanza di riferimenti etici
05/05/2010
Il 2005: l'anno della Grande Asia?
10/01/2005
Aumenta il debito dei Paesi africani verso la Cina
18/12/2006
Il divieto tedesco fa scendere le borse asiatiche
19/05/2010