28/09/2011, 00.00
SRI LANKA
Invia ad un amico

Colombo impedisce agli sfollati della guerra di tornare alle loro case

di Melani Manel Perera
Il governo dello Sri Lanka vuole chiudere l’ultimo dei campi di rifugiati, e trasferirli nella giungla, in un villaggio che si sta preparando. Ma non ci sono acqua, fogne, scuole o luoghi di culto. Un appello alle organizzazioni internazionali.
Colombo (AsiaNews) – Il governo dello Sri Lanka ha deciso di prendere misure urgenti per chiudere l’ultimo dei campi che hanno ospitato oltre 200mila “Internally Displaced Persons” (Idp) cioè i rifugiati dai luoghi di guerra, alla conclusione del conflitto nel maggio 2009. L’esecutivo ha annunciato che sono in corso i lavori per la costruzione di un nuovo villaggio di 600 acri a Kombavil, nel distretto di Mullaitivu, per ospitare i rifugiati della Manik Farm di Vanvuniya. Le persone interessate hanno espresso il loro rifiuto: vorrebbero tornare a quelle che erano le loro case e i loro campi.

Il problema per il governo è questo: le case degli sfollati sono nella zona che era teatro dell’ultima fase della guerra, ma essa deve ancora essere “ripulita” dalle migliaia di cadaveri, molti dei quali rimasti intrappolati nelle fortificazioni e nelle trincee. Il governo non vuole impegnarsi in questa operazione, e preferisce trasferire in un nuovo villaggio nella giungla l’ultimo contingente di Idp.

AsiaNews ha parlato con alcuni dei rifugiati a Manik Farm, e questa è la loro dichiarazione: “Proveniamo da diverse zone di Puthukudyiruppu e viviamo in questo campo dall’aprile 2009. Molti di noi sono pescatori e contadini. Ma nel villaggio che stanno costruendo a Kombavil non ci sono possibilità né per la pesca né per le coltivazioni. Non ci sono opportunità di lavoro, e neanche servizi essenziali, come l’acqua, o le fogne, la scuola o luoghi di culto. I bambini dovranno recarsi in un altro villaggio per studiare, e non ci sono collegamenti”.

Una donna sfollata, G. Jeyarani, ha poi messo in evidenza un problema comune a molte: “La maggior parte di noi sono vedove, che non hanno nessun uomo che le aiuti a pulire il terreno per coltivarlo, costruire una casa o fare lavori agricoli per sopravvivere. Temiamo per la nostra sicurezza, specialmente a causa del fenomeno dei ‘grease devils’. Non abbiamo un uomo che ci protegga”. “Grease devils’ sono chiamati intrusi e ladri notturni che quando cala l’oscurità prendono di mira le donne sole. M. Shantha, una vedova, dice: “mio marito è morto a causa di una bomba. Ho tre figli piccoli. Voglio tornare alla mia casa, nel mio villaggio, che mi è familiare, e ricominciare la mia vita laggiù”.

Una religiosa cattolica che vive a Vavuniya sostiene le richieste degli sfollati. “Credo - dice ad AsiaNews - che la decisione del governo di mandare gli sfollati della Manik farm a Kombavil, un luogo che non conoscono neppure, sia contro il loro diritto fondamentale al cibo, a un alloggio e a indumenti adatti. Sono dal 2009 nei campi e hanno sofferto immensamente. Hanno diritto di tornare alle loro case, e vogliono tornare alle loro case e ricostruirsi una vita, e essere autonomi e in grado di sostentarsi”.

A tutti questi probpemi se ne aggiunge un altro: le Ong non avranno il permesso di assisterli nel nuovo villaggio. Nei campi le Ong li aiutano molto: “E’ grazie a loro che siamo riusciti a sopravvivere”, dicono. Il governo fornisce solo razioni asciutte e in maniera non regolare: riso, olio di palma e lenticchie gialle, che spesso non si riescono nemmeno a cuocere. Con questo non si può sopravvivere”. Le Ong hanno fatto sì che la sopravvivenza fosse possibile. Il governo di Colombo ha promesso che darà a ogni famiglia un appezzamento di terreno e una casa provvisoria per ricominciare una vita. Ma gli sfollati non si fidano. E chiedono alle organizzazioni umanitarie internazionali di mobilitarsi di aiutarli.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Tornano a casa 100mila profughi musulmani vittime della pulizia etnica delle Tigri
07/12/2009
Lo Sri Lanka ricorda i caduti. La Chiesa: non dimentichiamo i profughi
09/11/2009
Le suore dello Sri Lanka nei campi profughi tra i rifugiati tamil
28/08/2009
Viaggio nei campi profughi dello Sri Lanka, dove si lotta per sopravvivere
22/10/2009
Religiosi dello Sri Lanka al presidente: liberate i profughi tamil
05/10/2009