25 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/08/2016, 12.37

    BANGLADESH

    Dhaka, ucciso il mandante della strage nel bar per stranieri

    Sumon Corraya

    Tamim Ahmed Chowdhury era arrivato dal Canada nel 2013 e da quel momento aveva fatto perdere le sue tracce. Nel blitz di questa mattina sono morti altri due terroristi, dall’identità ignota. Il pianificatore della strage al caffè della capitale aveva creato una nuova branca del gruppo islamico Jama’atul Mujahideen Bangladesh.

    Narayanganj (AsiaNews) – Questa mattina le forze di polizia del Bangladesh hanno ucciso tre militanti, tra cui Tamim Ahmed Chowdhury, la “mente” della strage di Dhaka del primo luglio scorso. L’uomo si nascondeva in un edificio di tre piani nell’area di Paikpara, nella città di Narayanganj (circa 30 km a sud della capitale). Fonti della polizia hanno rivelato che la località è stata individuata grazie alle informazioni raccolte dai due fiancheggiatori arrestati in precedenza, sui quali pende l’accusa di strage.

    L’operazione denominata “Hit Strong 27” è stata effettuata da una squadra congiunta di membri dell’antiterrorismo e dell’unità crimini transnazionali. Il blitz è iniziato alle 9.36 di questa mattina (ora locale) e si è concluso un’ora dopo. La polizia ha dichiarato di aver tentato di convincere i militanti alla resa, che invece hanno reagito sparando colpi di pistola.

    Tamim, 30 anni, era il maggior ricercato per il massacro di stranieri all’Holey Artisan Bakery Cafè di Gulshan, il quartiere diplomatico della capitale. Di origine bangladeshi, viveva in Canada con la famiglia emigrata negli anni ’70. Nel 2013 era rientrato nel Paese attraverso Dubai, ma poi aveva fatto perdere le proprie tracce.

    Secondo le forze antiterrorismo, in Bangladesh aveva creato il “Neo-JMB” (Jama’atul Mujahideen Bangladesh) un nuovo ramo del gruppo islamico bandito dalle autorità. Dalle dichiarazioni degli inquirenti, emerge inoltre che il gruppo non avrebbe collegamenti con i terroristi dello Stato islamico, nonostante i media internazionali continuino a sostenerne l’affiliazione.

    La strage orchestrata da Tamin ha provocato la morte di 20 persone. Fino a quel momento il Bangladesh era considerato un Paese sicuro, con un islam accogliente e dialogico. Solo in seguito è stato rivelato che centinaia di giovani sono scomparsi per unirsi ai militanti, “ammaliati” dalle idee di alcuni predicatori radicali che inneggiano alla violenza e all’odio, così come dai sermoni estremisti diffusi nelle moschee o dagli insegnamenti di docenti che spingevano a colpire i non musulmani.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/08/2016 11:11:00 BANGLADESH
    Dhaka, arrestato il mandante dell’omicidio di un editore liberale

    Moinul Islam Shamim è un esponente di spicco del gruppo islamico bandito Ansarullah Bangla Team. La sua cattura è avvenuta nella notte in un quartiere della capitale. Egli ha ordinato l’accoltellamento di Faisal Arefin Dipan, editore di idee progressiste. Una nuova lettera minatoria promette la morte a cinque personalità “colpevoli” di essere atee e apostate.



    05/07/2016 14:58:00 BANGLADESH
    Esperti cristiani e musulmani: I terroristi di Dhaka hanno subito il lavaggio del cervello

    Gli attentatori del bar per stranieri erano giovani istruiti. I reclutatori dell’Isis preferiscono avvicinare i nuovi militanti online, perché essi sanno comprendere le loro motivazioni. La scarsa attenzione dei genitori porta i giovani a trascorrere tante ore in casa davanti alla tv, dove ascoltano i sermoni di predicatori radicali.



    03/04/2017 13:38:00 BANGLADESH
    Confessione di un adolescente militante: Cristiani uccisi per “esercitarsi” alla strage di Dhaka

    Taharem Kaderi racconta la sua guerra santa. Il ragazzo ha 14 anni ed era uno studente brillante dell’ottava classe. Nel 2014 i genitori sono andati in pellegrinaggio islamico e sono cambiati. Egli ha cambiato casa e vita, radicalizzandosi insieme ad altri militanti. Ha gioito alla notizia della strage di Dhaka in cui sono morti anche nove italiani. Per un periodo ha vissuto con gli attentatori del bar per stranieri.



    14/07/2016 10:41:00 BANGLADESH
    La strage di Dhaka affossa il turismo, perdite per milioni di dollari

    Operatori del settore e dell’indotto confermano: cancellati decine di viaggi, a rischio anche gli spostamenti interni. La situazione, denuncia un trader, “rischia di peggiorare ancora di più. L’allerta emessa dagli Stati Uniti ci colpirà per lungo tempo”.



    21/07/2016 11:25:00 BANGLADESH
    Per il governo di Dhaka almeno 11 Ong finanziano gruppi terroristici

    Le organizzazioni avrebbero ricevuto il denaro fin dal 2012. I fondi provengono da Paesi del Medio Oriente – come Kuwait, Qatar e Arabia saudita – e Regno Unito. I gruppi islamici hanno aperto scuole, madrasse, ospedali e centri di formazione. Almeno 231 associazioni avrebbero foraggiato il terrorismo, con 500mila dipendenti su tutto il territorio.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®