25 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/05/2017, 11.24

    TURCHIA

    Festa della mamma in Turchia: oltre 17mila donne in carcere, molte con i propri figli



    Arrestate su ordine del governo anche donne incinte o che avevano partorito da poco. In alcuni casi il fermo è avvenuto in sala travaglio; altre sono state incarcerate mentre visitavano i mariti in prigione. Nelle prime due settimane di maggio fermate 1257 persone, 264 rinchiuse in carcere.

     

    Istanbul (AsiaNews) - Anche in Turchia si è celebrata ieri la festa della mamma, ma per migliaia di donne non è stato un momento di gioia: sono infatti oltre 17mila le rappresentanti dell’universo rosa in carcere, molte delle quali in compagnia dei propri figli. Un numero che è andato aumentando negli ultimi mesi, nel contesto della campagna di repressione lanciata dalle autorità di governo contro presunti complici o sostenitori golpe del luglio scorso.

    Secondo quanto riferiscono gli attivisti di Turkeypurge, un sito che documenta arresti e repressioni in atto nel Paese, sono finite in prigione su ordine del governo anche donne incinte o che avevano partorito da poco. In alcuni casi, il provvedimento di fermo è stato comunicato in sala travaglio e senza dare alle donne la possibilità di recuperare dalla fatiche del parto. Altre ancora sono state arrestate mentre stavano visitando mariti o compagni rinchiusi in prigione, lasciando intere famiglie nel caos e i figli delle coppie senza la cura dei loro genitori.

    Dal luglio scorso, le autorità turche hanno arrestato oltre 45mila persone, fra cui docenti, militari, intellettuali, oppositori politici, imprenditori, giornalisti, attivisti e semplici cittadini. Sospesi dal servizio o licenziati più di 135mila mila funzionari del settore pubblico. Nel mirino, oltre ai curdi, anche simpatizzanti (o presunti tali) del movimento che fa capo al predicatore islamico Fethullah Gülen, in esilio in Pennsylvania (Stati Uniti). Secondo il presidente Recep Tayyip Erdogan e i vertici di governo egli sarebbe la mente del colpo di Stato in Turchia in cui sono morte 270 persone, migliaia i feriti.

    Fra i molti casi, vi è la storia di Filiz Y, 30enne che dopo aver partorito il 7 febbraio scorso all’ospedale di Mersin è stata arrestata per (presunti) legami con il movimento di Gülen. E ancora, la vicenda di Fadime Günay, che ha partorito la sera del 29 gennaio e il giorno successivo si trovava già dietro le sbarre. Testimoni riferiscono che la polizia ha attesto a lungo all’esterno dell’ Alanya Başkent Hospital di Antalya prima di poter arrestare Günay; il marito è stato anch’egli fermato di recente perché sospettato di legami con il movimento del predicatore islamico.

    Un’altra donna ancora ha perso la salute mentale per le torture subite dagli agenti di sicurezza mentre si trovava sotto custodia. Incuranti del parere dei medici, le autorità del carcere hanno deciso di rispedirla in cella privandola delle cure necessarie. E ancora, il caso di una madre arrestata perché il marito, giornalista, si è dato alla fuga per non incappare nella repressione governativa. Sono molte le segnalazioni di moglie di uomini di affari incarcerate perché i loro mariti sostenevano esponenti delle opposizioni in lotta contro lo strapotere di Erdogan, dopo il referendum sul presidenzialismo ormai padre padrone della Turchia. I loro beni, personali e legati alle imprese, sono stati requisiti.

    La pratica dell’arresto massiccio di donne aggiunge un altro triste capitolo alla caccia alle streghe lanciata dal governo. Nessuna di loro aveva precedenti penali o eta stata segnalata per reati commessi. La maggioranza non ha ancora ricevuto incriminazioni ufficiali o processo, ma è sottoposta a regime di fermo preventivo in carcere come punizione.

    Intanto anche nel mese di maggio continuano gli arresti: nelle prime due settimane le autorità hanno fermato almeno 1257 persone, di cui 264 rinchiuse in carcere.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/08/2016 13:24:00 TURCHIA
    Erdogan rilancia sulla pena di morte e si prepara a volare in Russia

    Una folla di un milione di persone ha partecipato alla manifestazione governativa a favore “dei martiri e della democrazia”. Il presidente, favorevole alla pena capitale, intende “liberare” la nazione dai sostenitori di Gulen. Nel suo intervento il richiamo all’amore fra i turchi “in nome di Allah”. Domani l’incontro con Putin a Mosca per rafforzare le relazioni bilaterali. 



    10/08/2016 10:32:00 TURCHIA
    Nuove epurazioni in Turchia: sospesi 2.500 funzionari degli Affari religiosi

    In totale il ministero ha allontanato 3.672 dipendenti considerati “coinvolti” nel tentato golpe del 15 luglio. Nato per controllare la religione, oggi sovrintende alle circa 80mila moschee del Paese e ha un budget superiore a quello della sanità nazionale.



    23/05/2017 08:57:00 TURCHIA
    Ankara, al via il processo contro 220 alti ufficiali dell’esercito

    Alla sbarra anche 26 generali. Fra questi Akin Ozturk, ex comandante dell’aeronautica e un tempo fedelissimo del presidente. Il pubblico ministero chiede il carcere a vita. All’esterno gruppi di manifestanti invocano la pena di morte. Erdogan rieletto nel fine settimana alla guida del partito Akp.

     



    16/01/2017 12:40:00 TURCHIA
    Il Parlamento turco approva in prima battuta la nuova Costituzione in chiave presidenziale

    Entro la fine settimana in calendario una seconda votazione. Poi il referendum popolare, che sancirà l’effettiva entrata in vigore. Il governo ha ottenuto i tre quinti necessari grazie al sostegno del partito di estrema destra. I curdi hanno boicottato il voto. Nei giorni scorsi scontri e risse fra i parlamentari. 

     



    17/08/2016 11:10:00 GERMANIA - TURCHIA
    Berlino contro Ankara: sostiene i gruppi terroristi islamici in Medio oriente

    È quanto emerge da un rapporto governativo confidenziale, pubblicato dall’emittente tedesca ARD. Il governo turco e il presidente Erdogan solidarizzano con Hamas, la Fratellanza musulmana e movimenti estremisti islamici nella regione. La magistratura turca chiede due ergastoli e 1900 anni di prigione per il leader islamico in esilio Fetullah Gulen.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®