29 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 03/08/2012, 00.00

    VIETNAM

    Hanoi censura e controlla le esequie della madre della dissidente cattolica



    L’anziana donna è morta dopo essersi data fuoco, per protestare contro l’ingiusta detenzione della figlia. Le autorità fermano e interrogano quanti vogliono rendere omaggio alla famiglia. Il processo contro Maria Ta Phong Tan si aprirà il 7 agosto; rischia fino a 20 anni di galera per “propaganda contro lo Stato”.

    Hanoi (AsiaNews/Agenzie) - Le autorità vietnamite sorvegliano con attenzione la casa dell'anziana donna che si è auto-immolata in settimana, per protestare contro la carcerazione della figlia accusata di "propaganda contro lo Stato". Funzionari e addetti alla sicurezza controllano quanti rendono omaggio alla famiglia e offrono le loro condoglianze per la drammatica morte di Dang Thi Kim Lieng, madre di Maria Ta Phong Tan, famosa dissidente in cella in attesa di processo e che rischia fino a 20 anni di prigione. In questi giorni molti attivisti, blogger, fedeli e sostenitori varcano la soglia dell'abitazione di Lieng, a Bac Lieu, per rendere l'ultimo saluto; tuttavia, sulla loro strada incontrano agenti e poliziotti che bloccano loro il cammino o li sottopongono a ripetuti interrogatori. 

    Dang Thi Kim Lieng, madre della 4enne blogger cattolica Maria Ta Phong Tan, è deceduta lo scorso 30 luglio, dopo essersi data fuoco davanti agli uffici governativi della provincia meridionale di Bac Lieu. Dal decesso e per tutta la durata del lutto, compresi i funerali, agenti in borghese e funzionari della sicurezza hanno sorvegliato l'area e registrato ogni movimento. Durante le esequie si sono mescolati alla folla, cercando di "intimidire" i presenti.

    Radio Free Asia (Rfa) riferisce che l'ex prigioniero politico Truong Minh Nguyet è stato bloccato dalla polizia mentre percorreva - assieme a un gruppo di attivisti - la strada che separa Ho Chi Minh City da Bac Lieu. Gli agenti lo hanno fermato, accusandolo di guidare una moto rubata. "Abbiamo incontrato molte difficoltà lungo il cammino - ha dichiarato l'uomo - ma siamo intenzionati a completare il nostro viaggio".

    Intanto attivisti per i diritti umani e ong internazionali continuano la protesta per la morte di Lieng e il processo alle porte per la figlia Maria Tan. Il dibattimento in aula dovrebbe iniziate il prossimo 7 agosto e vi sono concrete possibilità che sia condannata a decine di anni di galera. La donna è un ex poliziotta molto conosciuta in Vietnam, perché ha denunciato in rete abusi e storture del sistema carcerario (cfr. AsiaNews 17/04/2012 Scrivono di scioperi e giustizia: il governo vietnamita processa tre blogger). Nei suoi confronti pesa anche la decisione di convertirsi al cattolicesimo, dopo essere trascorso un'adolescenza e un'infanzia caratterizzate da continui "lavaggi del cervello" dei funzionari locali del partito per inculcarle l'ideologia comunista. Tuttavia, l'incontro con un avvocato e attivista per i diritti umani le ha fatto riscoprire un desiderio di fede che, nel tempo, l'ha spinta al battesimo.

    Il governo vietnamita attua un controllo serrato sulle attività religiose e spesso i cattolici sono vittime di violenze e abusi, sia a livello di singoli individui che di intere comunità. Fra i molti esempi vi sono i montagnard negli altipiani centrali e i padri Redentoristi, ad Hanoi e Ho Chi Minh City, il cui impegno pastorale viene soffocato con sistematica regolarità. Tuttavia, le violenze non hanno impedito loro di svolgere un ruolo fondamentale per la diffusione del cattolicesimo e della dottrina della Chiesa, in particolare fra i poveri e gli abbandonati (cfr. AsiaNews 05/08/2011 Ho Chi Minh City: i redentoristi insegnano la dottrina sociale della Chiesa).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/07/2012 VIETNAM
    Madre di una dissidente cattolica si dà fuoco. Ira e sconcerto fra i vietnamiti
    Dang Thi Kim Lieng si è auto-immolata davanti agli uffici governativi della provincia meridionale di Bac Lieu. La figlia Maria Ta Phong Tan, ex poliziotta convertita al cristianesimo, è in carcere in attesa di processo. Rischia fino a 20 anni di galera per propaganda contro lo Stato. Attivisti per i diritti umani e blogger: accuse pretestuose.

    23/09/2013 VIETNAM
    Hanoi, nuovi attacchi alle proprietà dei cattolici di Thai Ha
    Le autorità comuniste vogliono espropriare altri terreni appartenenti ai Redentoristi. Dietro il sequestro piani di sviluppo e interessi economici. Per sacerdoti e fedeli il provvedimento è “illegale”, immorale e viola i diritti della comunità cristiana.

    18/09/2013 VIETNAM
    Appello del vescovo di Vinh: Preoccupati dagli attacchi del regime, chiediamo sostegno internazionale
    In un'intervista ad AsiaNews, mons. Paul Nguyen Thai Hop parla di “situazione pericolosa e preoccupante” per i cristiani della diocesi, finita nel mirino delle autorità vietnamite. Egli auspica il rispetto dei diritti umani e la liberazione dei parrocchiani. E invoca “sostegno e solidarietà” perché finiscano “menzogne e calunnie”.

    17/09/2013 VIETNAM
    Vinh: messa e preghiere dei cattolici contro le calunnie delle autorità vietnamite
    Vescovi, sacerdoti e migliaia di fedeli hanno partecipato alla funzione nel santuario di Sant’Antonio. Una celebrazione che “sfida” divieti e imposizioni governativi in materia di culto. Vescovo di Vinh: "Le autorità continuano a diffondere false informazioni”. La comunità cattolica si stringe in difesa del prelato.

    16/09/2013 VIETNAM
    Nuovi attacchi da governo e tv di Stato vietnamita contro il vescovo di Vinh
    Un servizio di 10 minuti andato in onda ieri sera ha lanciato accuse diffamatorie contro mons. Paul Nguyen Thai Hop e la comunità cattolica locale. Il prelato inciterebbe alla rivolta, sfruttando una vicenda legale per creare casi di persecuzione religiosa. A rischio chiusura anche il sito web della diocesi. Cattolici vietnamiti in patria e all’estero uniti in difesa del prelato.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®