27 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/08/2012
VIETNAM
Hanoi censura e controlla le esequie della madre della dissidente cattolica
L’anziana donna è morta dopo essersi data fuoco, per protestare contro l’ingiusta detenzione della figlia. Le autorità fermano e interrogano quanti vogliono rendere omaggio alla famiglia. Il processo contro Maria Ta Phong Tan si aprirà il 7 agosto; rischia fino a 20 anni di galera per “propaganda contro lo Stato”.

Hanoi (AsiaNews/Agenzie) - Le autorità vietnamite sorvegliano con attenzione la casa dell'anziana donna che si è auto-immolata in settimana, per protestare contro la carcerazione della figlia accusata di "propaganda contro lo Stato". Funzionari e addetti alla sicurezza controllano quanti rendono omaggio alla famiglia e offrono le loro condoglianze per la drammatica morte di Dang Thi Kim Lieng, madre di Maria Ta Phong Tan, famosa dissidente in cella in attesa di processo e che rischia fino a 20 anni di prigione. In questi giorni molti attivisti, blogger, fedeli e sostenitori varcano la soglia dell'abitazione di Lieng, a Bac Lieu, per rendere l'ultimo saluto; tuttavia, sulla loro strada incontrano agenti e poliziotti che bloccano loro il cammino o li sottopongono a ripetuti interrogatori. 

Dang Thi Kim Lieng, madre della 4enne blogger cattolica Maria Ta Phong Tan, è deceduta lo scorso 30 luglio, dopo essersi data fuoco davanti agli uffici governativi della provincia meridionale di Bac Lieu. Dal decesso e per tutta la durata del lutto, compresi i funerali, agenti in borghese e funzionari della sicurezza hanno sorvegliato l'area e registrato ogni movimento. Durante le esequie si sono mescolati alla folla, cercando di "intimidire" i presenti.

Radio Free Asia (Rfa) riferisce che l'ex prigioniero politico Truong Minh Nguyet è stato bloccato dalla polizia mentre percorreva - assieme a un gruppo di attivisti - la strada che separa Ho Chi Minh City da Bac Lieu. Gli agenti lo hanno fermato, accusandolo di guidare una moto rubata. "Abbiamo incontrato molte difficoltà lungo il cammino - ha dichiarato l'uomo - ma siamo intenzionati a completare il nostro viaggio".

Intanto attivisti per i diritti umani e ong internazionali continuano la protesta per la morte di Lieng e il processo alle porte per la figlia Maria Tan. Il dibattimento in aula dovrebbe iniziate il prossimo 7 agosto e vi sono concrete possibilità che sia condannata a decine di anni di galera. La donna è un ex poliziotta molto conosciuta in Vietnam, perché ha denunciato in rete abusi e storture del sistema carcerario (cfr. AsiaNews 17/04/2012 Scrivono di scioperi e giustizia: il governo vietnamita processa tre blogger). Nei suoi confronti pesa anche la decisione di convertirsi al cattolicesimo, dopo essere trascorso un'adolescenza e un'infanzia caratterizzate da continui "lavaggi del cervello" dei funzionari locali del partito per inculcarle l'ideologia comunista. Tuttavia, l'incontro con un avvocato e attivista per i diritti umani le ha fatto riscoprire un desiderio di fede che, nel tempo, l'ha spinta al battesimo.

Il governo vietnamita attua un controllo serrato sulle attività religiose e spesso i cattolici sono vittime di violenze e abusi, sia a livello di singoli individui che di intere comunità. Fra i molti esempi vi sono i montagnard negli altipiani centrali e i padri Redentoristi, ad Hanoi e Ho Chi Minh City, il cui impegno pastorale viene soffocato con sistematica regolarità. Tuttavia, le violenze non hanno impedito loro di svolgere un ruolo fondamentale per la diffusione del cattolicesimo e della dottrina della Chiesa, in particolare fra i poveri e gli abbandonati (cfr. AsiaNews 05/08/2011 Ho Chi Minh City: i redentoristi insegnano la dottrina sociale della Chiesa).


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
31/07/2012 VIETNAM
Madre di una dissidente cattolica si dà fuoco. Ira e sconcerto fra i vietnamiti
di J.B. An Dang
23/09/2013 VIETNAM
Hanoi, nuovi attacchi alle proprietà dei cattolici di Thai Ha
di J.B. An Dang
18/09/2013 VIETNAM
Appello del vescovo di Vinh: Preoccupati dagli attacchi del regime, chiediamo sostegno internazionale
17/09/2013 VIETNAM
Vinh: messa e preghiere dei cattolici contro le calunnie delle autorità vietnamite
di J.B. An Dang
16/09/2013 VIETNAM
Nuovi attacchi da governo e tv di Stato vietnamita contro il vescovo di Vinh
di J.B. An Dang

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate