04 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 25/03/2013, 00.00

    HONG KONG

    Hong Kong “razzista”, vieta la residenza permanente alle domestiche



    La Corte finale d’Appello ribalta la sentenza a favore di Evangeline Banao Vallejos, cooperatrice domestica filippina che aveva ottenuto dall'Alta Corte il permesso di chiedere la residenza permanente. Dopo due anni di dibattiti si chiude uno dei casi più controversi dell’ex colonia britannica

    Hong Kong (AsiaNews) - Dopo quasi due anni di battaglie legali, la Corte finale d'Appello di Hong Kong ha deciso che le collaboratrici domestiche straniere che lavorano nel Territorio non possono accedere alla residenza permanente. Secondo i giudici supremi "le aiutanti domestiche straniere sono obbligate a tornare nel Paese d'origine alla fine del contratto e non possono richiedere la cittadinanza, che non è fra gli scopi del loro lavoro qui".

    Questa sentenza blocca le speranze di circa 117mila lavoratrici straniere - per lo più colf di nazionalità filippina o indonesiane - che seguivano con entusiasmo il caso di Evangeline Banao Vallejos, cooperatrice domestica filippina che aveva ottenuto dall'Alta Corte il permesso di chiedere la residenza permanente, dopo aver passato decenni a lavorare nel Territorio. Al momento altre categorie di stranieri - come cuochi e imprenditori - possono accedere alla residenza.

    Il 30 settembre del 2011, dopo mesi di dibattiti, l'Alta Corte di Hong Kong si era pronunciata a favore della Vallejos, che oggi si dichiara "senza parole ma rassegnata". Il suo avvocato, Mark Daly, dichiara: "Anche se rispettiamo la sentenza siamo in disaccordo con essa. La decisione non rispecchia i valori che dovremmo insegnare ai giovani e alla popolazione della nostra società". Eman Villanueva, portavoce del Corpo di coordinamento per i migranti asiatici, aggiunge: "Il pronunciamento di fatto crea i presupposti per lo sfruttamento e l'esclusione sociale dei lavoratori stranieri a Hong Kong".

    Secondo le leggi sull'immigrazione in vigore, tutti gli stranieri che risiedono per sette anni consecutivi nel territorio possono richiedere il certificato di "residenti permanenti": questo non vale però per le collaboratrici domestiche, che non possono presentare la richiesta. Per la legge locale, questo vuol dire che non possono accettare un secondo lavoro; non possono accedere ai servizi sanitari semi-gratuiti e sono costrette ad accettare i contratti sul lavoro imposti dal governo, che prevedono un salario minimo molto basso.

    Il governo del Territorio, filo-cinese, teme l'invasione delle richieste da parte degli stranieri: al momento risiedono nell'ex colonia britannica circa 7,2 milioni di persone. Secondo un partito anti-immigrati, una sentenza favorevole aprirebbe le porte a 500mila persone, inclusi coniugi e figli dei lavoratori, e questo aumenterebbe di 25 miliardi di dollari di Hong Kong (circa 2,5 miliardi di euro) la spesa per il welfare. Inoltre, secondo l'esecutivo attuale, il tasso di disoccupazione "potrebbe passare dal 3,5 al 10%".

    In ogni caso la Corte si è rifiutata di chiedere il consiglio del governo cinese sulla questione, come aveva proposto l'esecutivo del Territorio. Secondo Daly "almeno questo è un buon segno: mentre i nostri compatrioti in Cina cercano di ottenere lo stato di diritto, qui a Hong Kong dobbiamo salvaguardarlo e aprire la strada a loro".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/03/2012 HONG KONG
    Il governo vince in appello e blocca la residenza permanente per le colf
    A settembre l’Alta Corte aveva dato ragione a Evangeline Banao Vallejos, collaboratrice domestica filippina, e dichiarato “incostituzionale” l’ordinanza che vieta agli immigrati di diventare residenti ufficiali. Ora la Corte d’Appello ribalta la sentenza.

    19/09/2013 CINA
    Il "giusto processo" (farsa) contro Bo Xilai smaschera la sete di potere di Xi Jinping
    Un grande analista della Cina contemporanea smonta i proclami a favore di un "vero stato di diritto", pronunciati dal nuovo presidente. I casi di Bo e dell'ex zar della sicurezza Zhou Yongkang rientrano infatti nell'antica tradizione del Partito, in cui le fazioni in ascesa usano proclami altisonanti per sbarazzarsi di concorrenti e oppositori. La giustizia è e resta nelle mani dei funzionari comunisti. Per gentile concessione della Jamestown Foundation, traduzione a cura di AsiaNews.

    05/11/2009 HONG KONG - CINA
    Mons. John Tong scrive al governo di Hong Kong sul diritto di residenza
    La questione è dibattuta da anni: si tratta dei figli di residenti a Hong Kong che sono costretti a vivere in Cina. Da sempre la Chiesa di Hong Kong combatte per il diritto al ricongiungimento familiare. P. Mella del Pime: “Il governo dice di seguire la situazione, ma non fa nulla di concreto”.

    20/07/2015 HONG KONG – CINA
    Pechino schiaccia gli avvocati per i diritti umani ed estorce confessioni con la tortura: petizione mondiale
    Almeno 233 avvocati sono stati minacciati o detenuti dalla polizia. Il Quotidiano del popolo ha pubblicato una “confessione” di Zhou Shifeng, direttore dello studio Fengrui, accusato di “attività criminali”, condotta non professionale, incitamento alla sovversione, corruzione, relazioni sessuali inappropriate. Analista politico: un ritorno ai metodi della Rivoluzione culturale. La petizione sul sito Change.org.

    21/12/2006 CINA - HONG KONG
    Costerà di più per le donne cinesi partorire a Hong Kong
    Oltre il 30% dei neonati sono di donne non residenti che vengono qui per partorire. Ragioni mediche ma anche per aggirare la politica cinese del figlio unico. Ora Hong Kong vuole aumentare i costi medici per i non residenti.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®