27 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/12/2005, 00.00

    Indonesia

    Indonesia, Gus Dur: "Il presidente Susilo intervenga sulle indagini di Poso"

    Benteng Reges

    Il leader musulmano definisce "inutile" la commissione speciale che segue le indagini e spiega: "Nelle Sulawesi il conflitto non è stato interreligioso, ma orchestrato da qualcuno che lì aveva interessi specifici".

    Jakarta (AsiaNews) – Gus Dur, leader musulmano con grande seguito in Indonesia, ha invitato ieri il presidente Susilo a intervenire in maniera diretta sulle indagini delle violenze nelle Sulawesi centrali.

    Abdurrahman Wahid – il vero nome di Gus Dur, ex presidente della Nahdlatul Ulama (Nu), la più grande organizzazione musulmana indonesiana – ha definito "inutile" la commissione guidata dal ministro per la Sicurezza, l'ammiraglio Widodo, ed ha sottolineato come le violenze del 2000 a Poso siano oramai "un argomento troppo importante, a livello nazionale ed internazionale, per essere gestite così".

    "Le violenze di Poso – ha aggiunto – non sono state di carattere interreligioso, ma sono state orchestrate da qualcuno che aveva interessi specifici nella zona. La popolazione perde la fiducia in un governo che non è in grado di reagire a cosa come questa". "Quando è troppo è troppo – ha concluso il leader – non credo più nelle squadre speciali. La mia pazienza ha un limite".

    La dichiarazione è stata fatta ieri dall'ufficio centrale della Nu: Gus Dur ha parlato dopo la visita del reverendo Rinaldy Damanik, presidente del Sinodo delle chiese delle Sulawesi centrali, e del musulmano Adnan Arsal, presidente del Forum della fratellanza islamica di Poso.

    I 2 leader religiosi hanno chiesto di nuovo la sospensione della sentenza di morte per i 3 cattolici definiti "fomentatori delle violenze". "Sono testimoni oculari – dicono – non possono morire".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/12/2005 INDONESIA
    Cristiani e musulmani delle Sulawesi chiedono inchiesta indipendente sulle violenze

    Dietro il movente religioso si sospettano interessi di politici, esercito e polizia locale.



    26/11/2005 INDONESIA
    Vescovo a Poso: ingiusta la condanna a morte per tre cattolici

    Mons. Suwatan difende i tre detenuti accusati di essere tra i responsabili degli scontri tra cristiani e musulmani a Poso nel 2000; il presule spiega che in quell'occasione i cattolici furono vittime e non istigatori di violenza, e che la pena capitale è eccessiva. La diocesi di Manado prega perchè la sentenza venga cancellata.



    06/09/2006 INDONESIA
    Poso, i giorni di Tibo e compagni "sono contati"

    Lo ha detto ieri il capo della polizia nazionale indonesiana dopo un incontro a porte chiuse del Parlamento. Non si ferma la violenza nelle Sulawesi: una bomba uccide un cristiano locale.



    10/01/2006 INDONESIA
    Scontro a fuoco tra polizia ed esercito nelle Sulawesi centrali

    Non sono chiare le cause della sparatoria, che ha seminato il panico a Poso già tormentata da tensioni interreligiose.



    15/03/2006 Indonesia
    Indonesia, ascoltati nuovi testimoni a favore dei tre cattolici condannati a morte

    La Corte di Palu ha rivisto il caso e riferito alla Corte Suprema. Ma la polizia delle Sulawesi centrali ribadisce che l'esecuzione dei tre è "imminente" .





    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®