29 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/12/2005, 00.00

    Indonesia

    Indonesia, Gus Dur: "Il presidente Susilo intervenga sulle indagini di Poso"

    Benteng Reges

    Il leader musulmano definisce "inutile" la commissione speciale che segue le indagini e spiega: "Nelle Sulawesi il conflitto non è stato interreligioso, ma orchestrato da qualcuno che lì aveva interessi specifici".

    Jakarta (AsiaNews) – Gus Dur, leader musulmano con grande seguito in Indonesia, ha invitato ieri il presidente Susilo a intervenire in maniera diretta sulle indagini delle violenze nelle Sulawesi centrali.

    Abdurrahman Wahid – il vero nome di Gus Dur, ex presidente della Nahdlatul Ulama (Nu), la più grande organizzazione musulmana indonesiana – ha definito "inutile" la commissione guidata dal ministro per la Sicurezza, l'ammiraglio Widodo, ed ha sottolineato come le violenze del 2000 a Poso siano oramai "un argomento troppo importante, a livello nazionale ed internazionale, per essere gestite così".

    "Le violenze di Poso – ha aggiunto – non sono state di carattere interreligioso, ma sono state orchestrate da qualcuno che aveva interessi specifici nella zona. La popolazione perde la fiducia in un governo che non è in grado di reagire a cosa come questa". "Quando è troppo è troppo – ha concluso il leader – non credo più nelle squadre speciali. La mia pazienza ha un limite".

    La dichiarazione è stata fatta ieri dall'ufficio centrale della Nu: Gus Dur ha parlato dopo la visita del reverendo Rinaldy Damanik, presidente del Sinodo delle chiese delle Sulawesi centrali, e del musulmano Adnan Arsal, presidente del Forum della fratellanza islamica di Poso.

    I 2 leader religiosi hanno chiesto di nuovo la sospensione della sentenza di morte per i 3 cattolici definiti "fomentatori delle violenze". "Sono testimoni oculari – dicono – non possono morire".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/12/2005 INDONESIA
    Cristiani e musulmani delle Sulawesi chiedono inchiesta indipendente sulle violenze

    Dietro il movente religioso si sospettano interessi di politici, esercito e polizia locale.



    26/11/2005 INDONESIA
    Vescovo a Poso: ingiusta la condanna a morte per tre cattolici

    Mons. Suwatan difende i tre detenuti accusati di essere tra i responsabili degli scontri tra cristiani e musulmani a Poso nel 2000; il presule spiega che in quell'occasione i cattolici furono vittime e non istigatori di violenza, e che la pena capitale è eccessiva. La diocesi di Manado prega perchè la sentenza venga cancellata.



    06/09/2006 INDONESIA
    Poso, i giorni di Tibo e compagni "sono contati"

    Lo ha detto ieri il capo della polizia nazionale indonesiana dopo un incontro a porte chiuse del Parlamento. Non si ferma la violenza nelle Sulawesi: una bomba uccide un cristiano locale.



    10/01/2006 INDONESIA
    Scontro a fuoco tra polizia ed esercito nelle Sulawesi centrali

    Non sono chiare le cause della sparatoria, che ha seminato il panico a Poso già tormentata da tensioni interreligiose.



    15/03/2006 Indonesia
    Indonesia, ascoltati nuovi testimoni a favore dei tre cattolici condannati a morte

    La Corte di Palu ha rivisto il caso e riferito alla Corte Suprema. Ma la polizia delle Sulawesi centrali ribadisce che l'esecuzione dei tre è "imminente" .





    In evidenza

    EGITTO – VATICANO
    Papa in Egitto: l’Egitto chiamato a condannare violenza e povertà in Medio Oriente



    Nel discorso alle autorità Francesco sottolinea ruolo e responsabilità del Cairo nel futuro della regione. “Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, che fa pensare a quella che ho chiamato una ‘guerra mondiale a pezzi’, occorre affermare che non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio”.


    ISLAM-VATICANO-EGITTO
    Un musulmano scrive al papa : Caro papa Francesco,..

    Kamel Abderrahmani

    L’ammirazione per la carità mostrata dal pontefice verso i rifugiati musulmani siriani, per il suo spingere all’amore e nel denunciare l’odio. “I nostri ulema non sono così” e non denunciano l’odio di Daesh e non fanno nulla per i cristiani. La richiesta perché nel viaggio in Egitto, spinga il presidente al Sisi e Al Azhar alla riforma dell’islam. Senza di questo Al Azhar rischia di essere l’accademia del fondamentalismo mondiale. Dal nostro amico e collaboratore Kamel Abderrahmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®