11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/02/2017, 09.10

    IRAN

    Iran, scoperti enormi giacimenti di petrolio e gas. Obiettivo 50 miliardi di utili per il 2018



    Secondo il responsabile Nioc sarebbero emersi una dozzina di nuovi giacimenti con una riserva complessiva di 30 miliardi di barili. Rinvenuti 128mila miliardi di metri cubi di gas naturale. Ministro del Petrolio: export giornaliero di 2,8 milioni di barili, equivalente al periodo pre-sanzioni.

    Teheran (AsiaNews) - Nuovi pozzi petroliferi e giacimenti di gas potrebbero dare un nuovo slancio all’economia iraniana, che registra nell’ultimo periodo una timida ripresa dopo anni di crisi, grazie anche alla parziale cancellazione delle sanzioni in seguito all’accordo sul nucleare. Per la Repubblica islamica il settore energetico riveste un importanza strategica, grazie anche ai recenti accordi commerciali (miliardari) chiusi con giganti del settore cinesi e russi.

    Secondo quanto riferisce Seyyed Saleh Hendi, responsabile del settore esplorazioni della Compagnia petrolifera statale iraniana (Nioc), sarebbero emersi una dozzina di nuovi giacimenti con una riserva complessiva di 30 miliardi di barili. Di questi, almeno 4,7 miliardi di barili sono recuperabili con facilità.

    I nuovi giacimenti - emersi negli ultimi anni di studi e ricerche - non si limitano al petrolio ma riguardano anche il gas naturale: per l’alto funzionario iraniano vi sarebbero fino a 128mila miliardi di metri cubi di gas di recente scoperta. “In futuro non sarà possibile scoprire grandi giacimenti come Yadavaran e Azadegan - ha aggiunto Hendi - ma dovremo abituarci a scoprire campi più piccoli” ma pur sempre capaci di generare introiti.

    Con 157 miliardi di barili, la Repubblica islamica è il terzo Paese al mondo per riserve di petrolio e il più importante per quanto concerne il gas naturale. Se unite, l’Iran diventa la più importante riserva mondiale nel settore degli idrocarburi. La produzione giornaliera si attesta attorno ai quattro milioni di barili al giorno, di cui 1,5 utilizzati per uso interno.

    Intanto il ministero iraniano del Petrolio ha annunciato che per il prossimo anno [seguendo il calendario locale, che va dal 21 marzo 2017 al 20 marzo 2018] le esportazioni di gas e petrolio toccheranno quota 50 miliardi di dollari. Un dato calcolato in base a un prezzo medio giornaliero del greggio di 55 dollari a barile.

    In una nota il ministro Bijan Namdar Zanganeh riferisce che l’export giornaliero (di gas e petrolio) si aggira attorno ai 2,8 milioni di barili; un volume, aggiunge, equivalente al periodo precedente le sanzioni occidentali. Entro fine anno (secondo il calendario iraniano) l’obiettivo è toccare quota 40 miliardi come cifra complessiva degli introiti derivanti dalle esportazioni. “Eravamo abituati a vendere il greggio a quattro o cinque Paesi - ha aggiunto il ministro - mentre ora il nostro mercato si è ampliato e il numero è cresciuto in modo significativo”.

    L’Iran in questi ultimi mesi ha aperto agli investitori stranieri, i quali hanno potuto partecipare alla prima asta relativa agli ultimi giacimenti scoperti. Il bando si è svolto lo scorso 15 febbraio.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/09/2016 08:59:00 ASIA
    Sauditi, russi e iraniani per l’aumento del prezzo del petrolio. Ma non sanno come

    Al G20 i ministri dell’energia Khaled Al-Falih e Alexander Novak hanno deciso di formare “gruppo di monitoraggio comune” insieme ad altri produttori per prevenire fluttuazioni nei prezzi. Anche l’Iran sarebbe disposto a collaborare per aumentare il prezzo del greggio a 50-60 dollari. Ma nessuno sembra voler ridurre la produzione.



    23/07/2008 IRAN
    No di Teheran ad aumenti della produzione di petrolio
    Replicando al presidente dell’Opec che ha ventilato la possibilità di incrementare le forniture, il ministro iraniano afferma che “il mercato è in una buona situazione”. Una mossa motivata da ragioni economiche e politiche.

    19/01/2005 ASIA
    L'Asia aspetta con preoccupazione l'aumento dei prezzi del greggio

    La scarsa efficienza energetica fa sì che la Cina per ogni centesimo di aumento del petrolio sopporta un incremento dei costi di produzione pari a tre volte quello degli Stati Uniti. Divergono gli interessi di Arabia Saudita e Iran.



    07/08/2015 IRAN
    L’accordo sul nucleare iraniano fa precipitare il prezzo del petrolio
    La firma ha fatto calare il prezzo del barile a meno di 50 dollari. Teheran è in grado di aumentare di 500mila barili la propria produzione giornaliera, a partire dalla rimozione delle sanzioni internazionali. Gli Stati Uniti minimizzano, Roma e Parigi cercano accordi preventivi. Il crollo dell’economia cinese e il ruolo dell’estate.

    28/12/2016 12:57:00 IRAN
    Teheran, boom nell’export di prodotti non petroliferi: +10%, per un valore di 31,6 miliardi

    La bilancia commerciale registra un saldo positivo di 55 milioni. Le importazioni si sono assestate sui 31,5 miliardi, con un incremento del 4,3%. Fra i beni più esportati il gas naturale, il Gpl e l’olio lubrificante leggero. Fra i partner commerciali prevalgono Cina, Emirati e Turchia. Cresce la partnership economica e commerciale con la Germania. 

     





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®