19 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/08/2014, 00.00

    MALAYSIA

    Kuala Lumpur: pronti a colpire pub, disco e birrerie sognando il califfato islamico



    La polizia malaysiana ha arrestato 19 sospetti miliziani, che stavano preparando un’ondata di attentati nel Paese. Nel mirino pub, discoteche e una birreria. L’obiettivo ultimo era la creazione di uno Stato islamico, sul modello nato in Siria e Iraq. In programma viaggi in Medio oriente per apprendere tecniche di battaglia.

    Kuala Lumpur (AsiaNews/Agenzie) - La polizia malaysiana ha sventato un piano finalizzato alla realizzazione di un'ondata di attentati, preparato da membri di gruppi estremisti locali che si ispirano alle gesta dei miliziani jihadisti dello Stato islamico in Iraq e in Siria. La conferma arriva dal numero due dell'anti-terrorismo Ayob Khan Mydin, il quale aggiunge che i 19 sospetti militanti arrestati fra i mesi di aprile e giugno avevano intenzione di colpire pub, discoteche e una birreria locale del marchio danese Carlsberg.

    Obiettivo ultimo del gruppo, composto da malaysiani, era quello di stabilire un califfato islamico nel Sud-est asiatico, che copre la Malaysia, l'Indonesia, la Thailandia, le Filippine e Singapore; i militanti avevano anche in programma un viaggio in Siria per incontrare i leader dello Stato islamico, e apprendere i segreti e le tecniche di battaglia che hanno permesso ai jihadisti di conquistare ampie porzioni della Siria e dell'Iraq negli ultimi mesi. 

    Del resto come aveva già riferito AsiaNews di recente, movimenti fondamentalisti e leader islamici locali hanno trovato ispirazione nelle gesta dei combattenti sunniti e intendono sostenere la lotta per la creazione del Califfato islamico, che ormai si è esteso anche all'Asia

    Fra i membri del gruppo fermati dall'intelligence di Kuala Lumpur vi sono due professionisti e due casalinghe. Essi erano solo alla fase iniziale del piano e non erano in possesso di armi pesanti o a conoscenza delle tecniche per la produzione artigianale di bombe. Sette persone sono già state incriminate per lotta terrorista armata e possesso illegale di fucili. Il vice dell'anti-terrorismo aggiunge che stavano pianificando "una campagna di violenze e una lotta armata" ed erano anche "pronti a morire come martiri". 

    Le autorità hanno bloccato alcuni elementi mentre si trovavano già in aeroporto, pronti a partire per la Siria e per la Turchia dove si sarebbero poi uniti alle milizie dello Stato islamico. Tutti sono di età compresa fra i 20 e i 50 anni e alcuni avevano dato vita a una campagna di raccolta fondi - anche sui social network - per pagarsi il biglietto e la permanenza, come di consueto con il pretesto di una "operazione umanitaria". Dagli interrogatori è emerso che le persone arrestato sono imbevute di una "ideologia estremista di matrice islamica", che prevede l'uccisione di persone innocente perché non musulmane e l'attacco a bar e discoteche, perché proibite. 

    La Malaysia è una nazione di oltre 28 milioni di abbinati, in larga maggioranza musulmani sunniti (60%); in genere prevale una visione moderata della religione islamica e non vi sono stati gravi episodi di violenza negli ultimi anni. Tuttavia, si registrano attacchi minori e violazioni alla libertà religiosa delle minoranza, come emerso negli ultimi anni in seguito alla controversia sull'uso della parola "Allah" per il settimanale cattolico Herald Malaysia. Crescono dunque le preoccupazioni per una possibile escalation della tensione, in un territorio considerano "terreno fertile" per il movimento jihadista militante. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/08/2014 MALAYSIA - INDONESIA
    Il sogno del Califfato si estende all’Asia, timori di violenze in Indonesia e Malaysia
    Kuala Lumpur e Jakarta avvertono: i seguaci dello Stato islamico pronti a colpire nei Paesi di origine. Nel mirino i governi, locali pubblici e altri obiettivi sensibili. Vogliono cancellare le costituzioni laiche e pluraliste, per introdurre norme ispirate alla sharia. Almeno 20 cittadini malaysiani in Siria per combattere il jihad, prime adesioni anche dalle Filippine.

    30/11/2015 SIRIA
    Lo Stato islamico ha giustiziato oltre 3500 persone in Siria, più di 2mila i civili
    Secondo i dati aggiornati dell’Osservatorio siriano per i diritti umani solo nel mese scorso vi sono state 53 condanne a morte, di cui 35 civili. I jihadisti hanno giustiziato anche 103 donne e almeno 77 bambini. Fra le persone uccise civili accusati di stregoneria, omosessualità e collaborazionismo col nemico.

    07/01/2009 INDONESIA
    Presidente indonesiano: “La guerra in Terrasanta non ha radici religiose”
    Susilo Bambang Yudhoyono parla per la prima volta del conflitto fra Israele e Palestina. Egli spiega che è frutto di “problemi politici” per il “controllo dei territori” ed esclude motivazioni di carattere confessionale. Il governo predispone l’invio di aiuti umanitari; frange di estremisti islamici reclutano “volontari per il jihad”.

    25/08/2014 INDONESIA - ISLAM
    Jakarta: leader musulmani spiegano ai cristiani il fondamentalismo islamico
    All’iniziativa promossa dalla Conferenza episcopale hanno partecipato vescovi, sacerdoti, suore e laici cattolici e protestanti. Fra i relatori esperti di anti-terrorismo e studiosi di religione e società. Ingiustizie sociali, povertà e propaganda alimentano l’estremismo. Servono figure musulmane moderate di primo piano, sul modello dell’ex presidente “Gus Dur”.

    21/08/2014 INDONESIA - ISLAM
    Borobudur, il più importante tempio buddista indonesiano nel mirino degli islamisti
    Il complesso, patrimonio Unesco dell’umanità, rischia la distruzione come i Buddha di Bamiyan. Le autorità hanno predisposto un rafforzamento delle misure di sicurezza. La cittadinanza invitata a partecipare alla difesa del “patrimonio culturale”. Per il presidente Yudhoyono le violenze jihadiste sono “umilianti” per l’islam.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®