23 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 19/01/2010, 00.00

    GIAPPONE

    La Japan Airlines annuncia la bancarotta



    Il suo debito è giunto a 16,5 miliardi di dollari. È il più grande fallimento dal dopoguerra nella storia del Giappone. Sotto il controllo dello Stato, la compagnia continuerà a volare, ma licenzierà 15700 persone. Con una spesa per i contribuenti di 44 miliardi di yen.
    Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – La Japan Airlines (Jal) annuncia oggi la bancarotta. La compagnia aerea più grande dell’Asia, colpita dalla crisi globale, ha ormai un debito che si aggira sui 16,5 miliardi di dollari Usa. Ieri le azioni della compagnia sono scese al punto più basso in 59 anni di storia, facendo scendere il valore della Jal a 150 milioni di dollari Usa, più o meno il prezzo di un nuovo jumbo jet.
     
    Secondo analisti, questo è il più grande fallimento per una compagnia non finanziaria nella storia del Giappone dal dopoguerra ad oggi. Con la dichiarazione di bancarotta, la Jal si mette sotto la tutela del governo. Per continuare a mantenere le sue operazioni vivrà di fondi pubblici e rimarrà sotto la supervisione dello Stato fino a tornare a una situazione di profitto.
     
    Haruka Nishimatsu, presidente della Jal, darà le dimissioni entro questa giornata e l’amministrazione della compagnia sarà trasferita a Kazuo Inamori, fondatore della Kyocera Corp, carismatico imprenditore e monaco buddista, famoso per ravvivare compagnie in crisi.
     
    Il piano di riabilitazione prevede il taglio del 50% delle sussidiarie della Jal e il licenziamento del 30% della sua forza lavoro (15700 persone). Fonti vicine alla compagnia affermano che l’operazione costerà ai cittadini giapponesi almeno 44 miliardi di yen in tasse (circa 337 milioni di euro).
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/09/2009 GIAPPONE
    L’export di Tokyo scende del 36%
    La domanda mondiale ristagna ancora. Ridotte le esportazioni verso Usa, Cina e Europa. I segni positivi del secondo trimestre dovuti allo stimolo governativo. Anche le importazioni sono in discesa. La compagnia aerea Jal chiede per la quarta volta i sussidi dal governo.

    15/01/2010 GIAPPONE
    La Japan Airlines sempre più vicina alla bancarotta
    La più grande compagnia aerea dell’Asia dovrebbe presentare istanza di fallimento al governo, per poter essere protetta dallo Stato. Le azioni in caduta libera fanno perdere all’azienda 1,8 miliardi in una settimana.

    16/02/2009 GIAPPONE
    Tokyo, l’economia nella crisi peggiore dal dopoguerra
    Presentati oggi i peggiori risultati da 35 anni. Le esportazioni di macchinari, auto ed elettronica quasi azzerati. È probabile il varo di un altro piano di stimolo del valore di 30 mila miliardi di yen.

    30/01/2009 GIAPPONE
    Perdite abissali delle compagnie giapponesi, recessione sempre più grave
    I risultati del terzo trimestre mostrano riduzioni dei profitti fino al 63%. In un mese la produzione industriale è scesa del 9,6%; la disoccupazione è aumentata fino al 4,4%.

    21/01/2009 GIAPPONE
    Il futuro del Giappone, sbattuto dallo tsunami finanziario
    Decine di migliaia di disoccupati; oltre 15 mila ditte andate in bancarotta. La maggior parte della gente guarda con pessimismo al futuro. Per alcuni analisti occorre puntare non sulla finanza e i meccanismi di mercato, ma sull’uomo e la qualità della vita.



    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®