23 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/03/2017, 12.07

    CINA

    La prigione per corrotti e attivisti: i ‘successi’ della legge cinese

    Wang Zhicheng

    La Corte suprema ha reso pubbliche le cifre dei processi e delle condanne contro la corruzione: oltre 45mila casi di corruzione giudicati, che hanno convolto 63mila persone. Ma “il più grande risultato” vantato è la condanna di avvocati e cristiani per i diritti umani, come Zhou Shifeng e Hu Shigen: tutti incriminati di cospirare “contro la sicurezza dello Stato”.

    Pechino (AsiaNews) – Nel tradizionale rapporto sulla giustizia in Cina presentato all'Assemblea nazionale del popolo, la Corte suprema e il Supremo pubblico ministero si sono vantati di aver processato decine di migliaia di criminali, soprattutto persone corrotte del mondo del business, e attivisti per i diritti umani.

    Letto ieri dal giudice supremo Zhou Qiang (foto 1), il rapporto presenta risultati di grande efficienza: oltre 45mila casi di corruzione giudicati, che hanno convolto 63mila persone. Fra queste 35 sono personalità a livello ministeriale e provinciale; 240 a livello di prefettura.

    Il rapporto del Pubblico ministero è stato letto da Cao Jianming. Commentandolo, il giudice Zhang Yongjian ha detto che esso è la dimostrazione della decisione del Partito e del governo di combattere la corruzione in questo “particolare e decisivo momento”.

    Dal 2012, da quando Xi Jinping è divenuto segretario generale del Partito, la Cina ha lanciato una lotta senza tregua alla corruzione, che ha fatto cadere personalità molto alte del potere: membri del Politburo, segretari di partito, generali, ecc… Molti osservatori sospettano che dietro tale campagna vi sia il tentativo di Xi di eliminare i suoi oppositori politici. In ogni caso, la Corte suprema e il Supremo pubblico ministero hanno confermato che gli sforzi contro la corruzione non saranno indeboliti e che non cambierà la tolleranza-zero verso i corrotti.

    Ma ciò che è considerate il più grande risultato per la Corte e per il Pubblico ministero sono gli arresti e le condanne verso i crimini contro “la sicurezza dello Stato”. In Cina qualunque reato di opinione – un articolo, una presa di posizione, un incontro - può essere bollato come “un attentato contro la sicurezza dello Stato”.

    Il rapporto della Corte suprema si vanta di “aver punito con severità e condannato casi di sovversione come quello di Zhou Shifeng”. Quello del Supremo pubblico ministero mette come “il più grande risultato” l’arresto e la condanna di Zhou Shifeng (foto 2) e Hu Shigen (foto 3).

    Zhou Shifeng e Hu Shigen sono un avvocato e un attivista per i diritti umani entrambi condannati lo scorso anno. Zhou è il fondatore dello studio legale Fengrui, i cui membri hanno tutti subito fermi e arresti. Lo scorso agosto Zhou è stato condannato a sette anni di prigione per aver organizzato proteste e aver inviato suoi associati a seguire seminari sui diritti umani all’estero.

    Hu, attivista pro-democrazia dai tempi di Tiananmen, cristiano protestante e leader di una comunità sotterranea, è stato condannato a sette anni e mezzo.

    Zhou e Hu sono fra i circa 300 avvocati e attivisti, arrestati o interrogati in una campagna di repressione chiamata “709”, perché iniziata il 9 luglio 2015. Molti di loro, almeno la metà sono cristiani. Fino ad ora solo quattro di loro sono stati condannati. Gli altri attendono il processo. Alcuni di essi sono ancora in prigione in luoghi isolati e sconosciuti, per i quali si teme la tortura e la distruzione della loro mente.

    Li Chunfu (foto 4), un avvocato per i diritti umani, rilasciato su cauzione lo scorso gennaio dopo più di cinque mesi, è tornato a casa confuso e con chiari segni di schizofrenia.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/03/2007 CINA
    La guerra alla corruzione “è lontana dall’essere vinta”
    Lo dice il presidente della Corte suprema ai delegati dell’Assemblea nazionale del popolo. Si chiede maggior attenzione e rispetto per la legge, ma si tace il numero delle condanne a morte.

    26/08/2010 CINA
    Pena di morte per Zheng Shaodong, corrotto capo dell'anti-corruzione
    L'ex direttore dell’Ufficio indagini contro i reati economici, ha ricevuto “bustarelle” per 83 milioni di yuan. Sospesa la condanna a morte. Esperti: per debellare la corruzione occorre dare maggiore tutela ai diritti civili dei cittadini.

    03/03/2014 CINA
    Cina, ai margini dell'Anp si stringe la rete contro Zhou Yongkang
    L'ex potentissimo "zar" della sicurezza nazionale è sempre più isolato: il governo di Xi Jinping ha messo in stato d'accusa tutti i suoi fedelissimi, il figlio e il fratello. Il portavoce della Conferenza consultiva del popolo "non nega" che vi sia un'indagine contro di lui, mentre aumenta la sicurezza intorno alle sue residenze. Attesa per l'inizio dell'Assemblea nazionale del popolo, che lo scorso anno diede il via al processo contro Bo Xilai.

    08/06/2015 CINA
    Cina, avvocati contro lo Stato: La legge sulle Ong va riscritta, è troppo repressiva
    Lettera aperta all’Assemblea nazionale del Popolo per chiedere il ritiro della bozza di norma sulla gestione delle Organizzazioni non governative straniere: “Dovete capire che i primi beneficiari siete voi, dato che questi gruppi operano nel welfare pubblico a beneficio della gente comune”. Il testo dà “troppo potere alla polizia” e limita ancora il flusso di donazioni dall’estero. Una fonte cattolica ad AsiaNews: “Siamo molto preoccupati, speriamo che il governo torni sui suoi passi”.

    06/03/2015 CINA
    Cina, l'Associazione avvocati chiede al governo di rimuovere la "presunzione di colpevolezza"
    Durante una sessione parlamentare, il vice presidente dell'organizzazione (ufficiale e gestita dallo Stato) punta il dito contro le "cattive pratiche" del sistema legale: "Arrestiamo una persona, il giorno dopo la facciamo confessare anche con la tortura e poi il tribunale deve dire che è colpevole. Così non va bene: dobbiamo partire dal concetto di innocenza fino a prova contraria".



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®