18 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/01/2017, 09.05

    PAKISTAN

    Lahore, torturato uno studente per aver twittato in favore di intellettuali attivisti scomparsi



    Suhail Ahmad studia giurisprudenza alla University Law College e si è distinto per numerose competizioni studentesche. Un gruppo di radicali lo ha prelevato dalla sua stanza del campus e trascinato in un luogo segreto. È stato torturato e tenuto in ostaggio per tre ore. Aperta un’indagine contro gli aggressori.

    Lahore (AsiaNews/Agenzie) – Uno studente della University Law College è stato aggredito, torturato e tenuto in ostaggio per diverse ore da altri studenti radicali per aver pubblicato commenti in favore dei cinque attivisti laici e blogger scomparsi da due settimane. Il giovane si trova ora ricoverato in ospedale a causa delle ferite riportate, mentre l’amministrazione universitaria ha sporto denuncia presso la stazione di polizia locale.

    Suhail Ahmad, brillante studente di Giurisprudenza distintosi a livello nazionale per numerose competizioni giovanili, aveva scritto su Twitter alcuni commenti in favore del rilascio degli attivisti, con ogni probabilità sequestrati dalle forze di sicurezza. Sul suo account aveva pubblicato anche una poesia di Faiz Ahmed Faiz, uno dei più illustri intellettuali pakistani, esprimendo solidarietà nei confronti degli scomparsi.

    La sua era un’aperta condanna del clima di intolleranza nei confronti di pensatori “scomodi”, che hanno criticato l’estremismo religioso e le frange radicali presenti nel governo e in ambienti militari. Per questo è stato punito da un gruppo di studenti appartenenti all’Islami Jamiat-e-Talaba (Ijt), l’ala studentesca del Jammat-e-Islami. Circa 15 persone lo hanno prelevato dalla sua stanza nell’ostello universitario, torturato, coperto il volto con una coperta e trascinato nel cortile del campus.

    Le sue urla hanno richiamato l’attenzione di numerosi studenti e delle guardie, ma nessuno è intervenuto. Suhail ha raccontato di essere stato trasferito in un luogo segreto e lì torturato per altre tre ore. È stato liberato vicino il quartiere di Mustafa Town solo dopo l’intervento di alcuni leader del movimento politico.

    Il portavoce dell’università ha tentato di sminuire la gravità dell’incidente, parlando di dissidi personali tra ragazzi, piuttosto che di intolleranza. IA Rehman, noto attivista, ha dichiarato al The Express Tribune che il governo deve garantire la sicurezza di tutti i cittadini. “Questa non è la maniera civile di governare”, ha denunciato.

    Lo studente dissidente è stato punito per aver osato richiamare l’attenzione sulla sorte di noti intellettuali, di cui si è persa ogni traccia. I primi a essere scomparsi il 4 gennaio a Lahore sono stati i cugini Waqas Goraya e Aasim Saeed, entrambi blogger. Due giorni dopo è sparito a Islamabad Salman Haider, noto poeta che insegna alla Fatima Jinnah Women’s University di Rawalpindi. Il 7 gennaio è stato il turno del blogger Ahmed Raza Naseer, malato di poliomelite, rapito mentre era nel suo negozio di Skeikhupura, vicino Lahore. Infine non si hanno più notizie di Samar Abbas, presidente della Civil Progressive Alliance Pakistan.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/01/2017 11:21:00 PAKISTAN
    Pakistan, cristiani e musulmani chiedono il rilascio degli intellettuali attivisti scomparsi (Foto)

    La Commissione per i diritti umani ha organizzato un seminario. I parenti degli intellettuali rapiti respingono le accuse di blasfemia, mosse dai radicali islamici. “È solo una mossa per rinchiuderli dietro le sbarre dopo il loro eventuale rilascio”.



    28/01/2017 09:03:00 PAKISTAN
    Pakistan mette al bando un presentatore televisivo: diffonde “discorsi d’odio” contro gli attivisti scomparsi

    Aamir Liaquat Hussain conduce un programma sul canale Bol News. In passato è stato al centro delle polemiche per aver distribuito bambini abbandonati a coppie senza figli e per aver ospitato radicali islamici critici degli ahmadi. I suoi commenti rischiano di provocare reazioni violente contro coloro che chiedono il ritorno a casa dei cinque intellettuali spariti.



    11/01/2017 11:34:00 PAKISTAN
    Pakistan, scomparsi quattro attivisti laici. Forse rapiti dalla polizia

    Sono il professor Salman Haider e i blogger Waqas Goraya, Aasim Saeed e Ahmad Raza Naseer. I quattro uomini sono spariti la scorsa settimana in varie città. Avevano espresso sui social network posizioni contrarie all’estremismo religioso e criticato le frange radicali di governo e militari.



    02/05/2017 16:33:00 PAKISTAN
    Lahore, leader cristiani contro le violenze religiose. Un imam: Per il blasfemo, l’unica punizione è la decapitazione (Video)

    Gruppi islamici esigono il rilascio degli arrestati per linciaggio di un giovane studente “blasfemo”: I prigionieri “sono servitori del profeta Maometto!”. Lo Stato appare “assente” e i crimini rimangono impuniti.



    30/01/2017 08:57:00 PAKISTAN
    Pakistan, ricompare un professore attivista scomparso

    Salman Haider era sparito a Islamabad lo scorso 6 gennaio. Prima di lui, si sono perse le tracce di due blogger di Lahore. Un altro blogger disperso si è messo in contatto con la famiglia. Nessuna notizia del presidente della Civil Progressive Alliance of Pakistan.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®