20/09/2013, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Legge anti-blogger, arriva il primo arresto: un ragazzino di 16 anni

Le autorità del Gansu hanno messo subito in pratica la controversa interpretazione della Corte Suprema, che dà alla polizia il potere di arrestare chiunque "crei problemi" su internet. Lo sforzo delle autorità per frenare le denunce online.

Pechino (AsiaNews) - Le autorità della provincia sud-orientale del Gansu hanno arrestato un ragazzo di 16 perché ha "creato problemi" su internet con un post pubblicato su un sito di microblogging. Si tratta del primo arresto dopo la controversa interpretazione giuridica, resa nota la scorsa settimana, che dà alla pubblica sicurezza il potere di arrestare "chiunque metta su internet messaggi diffamatori che vengono poi ripresi almeno 500 volte". In pratica una legge-bavaglio che cerca di fermare la diffusione delle denunce sulla Rete contro la corruzione e le pratiche scorrette dei funzionari governativi.

Il governo della contea di Zhangjiachuan ha confermato l'arresto ma non ha reso noti i particolari del caso. Tuttavia il semi-governativo Beijing Times riporta le parole del padre del sospettato, secondo il quale il figlio è stato portato via dalla polizia "perché ha aizzato litigi e provocato agitazione" sulla Rete. Il giornale lo identifica solo con il soprannome "Yang".

Secondo la ricostruzione ufficiale, il post che ha "provocato agitazione" riguarda la morte del proprietario di un bar karaoke della zona. Secondo la polizia, l'uomo è morto per trauma cranico dopo essere saltato da un edificio. Yang, che ha parlato con la famiglia, ha invece scritto su internet che l'uomo è morto dopo un pestaggio provocato da un diverbio con un avventore. Il ragazzo ha poi accusato la polizia di "non essere in grado di condurre indagini corrette".

Pu Zhiqiang, avvocato che opera a favore dei diritti umani in Cina, commenta: "L'arresto di Yang, se viene confermato, indica due cose. Da una parte lo zelo dei governi locali, che non vedono l'ora di trasformare in realtà le indicazioni del governo centrale; dall'altra, l'impegno delle autorità per 'purificare' la comunità del cyberspazio". Mo Shaoping, notissimo attivista di Pechino, conclude: "Si tratta di uno strumento potente che avrà un impatto davvero negativo sulla libertà di espressione".

Lo scorso 9 settembre la Corte Suprema del popolo e l'Ufficio centrale dei procuratori di Stato hanno pubblicato un'interpretazione giuridica che consente alle autorità di fermare fino a un massimo di 3 anni coloro che su internet "scrivono cose false che vengono riprese almeno 500 volte o lette 5000 volte". Il timore, secondo le alte sfere cinesi, è che il Partito possa fare la fine dell'Unione Sovietica se al popolo viene lasciata la libertà di denuncia. Il testo permette inoltre "pene più serie" per coloro che usano internet "per provocare proteste di massa, scontri etnici o religiosi, creano danni all'immagine del Paese o danneggiano la Cina a livello internazionale".

La blogosfera è uno strumento sempre più usato dalla popolazione cinese, che vi pubblica denunce contro funzionari corrotti, espropri illegali di terre, abusi ai diritti umani. Il governo cerca di frenare questo trend tramite uno speciale corpo di cyber agenti, ma questo sforzo sembra sempre più una missione impossibile.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Censura 2.0: il governo cinese vuole bloccare anche i video online
11/07/2012
Giro di vite contro la Rete: Pechino vuole censurare lo streaming
19/08/2016 14:10
Vertice sulla società dell'informazione, il controllo di Internet rimane agli Usa
16/11/2005
Pechino, niente appello per l’avvocato Pu Zhiqiang: via ai domiciliari
05/01/2016
Pechino, Hanoi e Pyongyang: ecco il podio dei "peggiori nemici di internet"
14/03/2014