24 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/06/2017, 12.12

    INDIA

    Madhya Pradesh: incriminata per rapimento di minori la suora arrestata con false accuse

    Nirmala Carvalho

    Suor Bina Joseph indagata secondo la sezione 363 del Codice penale indiano. Il padre della ragazza minorenne con cui viaggiava è stato “costretto a sporgere denuncia” dai fondamentalisti indù. Sajan K George: “La Costituzione garantisce uguale riconoscimento a tutte le religioni. Purtroppo alcuni sono più uguali di altri”.

    Bhopal (AsiaNews) – Suor Bina Joseph, la suora arrestata alcuni giorni fa in Madhya Pradesh con la falsa accusa di aver tentato di convertire quattro ragazze tribali, è stata incriminata per rapimento di minori. La denuncia è stata depositata ieri dal padre di una delle ragazze, quella che è stata identificata come minorenne e accompagnata dalle autorità presso il centro per minori ChildLine. P. Maria Stephen, portavoce della Chiesa cattolica del Madhya Pradesh, lamenta ad AsiaNews: “Sono stati i fondamentalisti del gruppo giovanile Bajrang Dal e quelli dell’Rss [Rashtriya Swayamsevak Sangh] a forzare il genitore della ragazza a scrivere una falsa testimonianza. La polizia non ha potuto fare altro che raccogliere la denuncia”.

    Sajan K George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), riporta che la religiosa è indagata in base alla sezione 363 (rapimento) del Codice penale indiano. Poi denuncia una “crescente intolleranza nei confronti della fede cristiana in Madhya Pradesh, governato dal Bjp [Bharatiya Janata Party]” ed evidenzia che “la minuscola comunità cristiana si sente insicura nella laica India”.

    P. Maria Stephen riferisce che suor Bina e le altre tre tribali con cui è stata arrestata hanno lasciato la città di Bhopal ieri. Il 13 giugno le donne sono state bloccate alla stazione di Satna mentre erano a bordo del treno Shipra Express proveniente dal Jharkhand. La polizia ferroviaria le ha obbligate a scendere dal convoglio e tenute rinchiuse nella stazione di Satna per almeno 12 ore, prima di trasportarle al commissariato dove sono state sottoposte ad interrogatorio. Il giorno successivo sono state rilasciate dal magistrato Balbeer Raman, che contro di loro non ha rinvenuto prove significative. Contro suor Bina, della congregazione delle Carmelitane di santa Teresa (Csst), i fondamentalisti indù del Bajrang Dal [ala giovanile militante del Vishwa Hindu Parishad (Vhp), ndr] e Matrushakti (ramo femminile del Vhp) avevano presentato una denuncia di conversioni forzate ai danni delle ragazze.

    Il portavoce, che nei giorni scorsi riportava quanto la suora fosse “traumatizzata” per tutta questa vicenda, oggi denuncia che l’incriminazione è frutto di un capriccio degli estremisti indù. “Non soddisfatti delle decisioni dell’amministrazione – afferma – gli attivisti del Bajrang Dal hanno protestato per due giorni chiedendo azioni contro la suora”.

    Sajan K George è preoccupato per “i fatti ostili ai danni dei missionari cristiani, persino contro le religiose che sono sottoposte ad intimidazione, molestie e umiliazioni. Questo va contro lo spirito laico della Costituzione che garantisce uguale riconoscimento a tutte le religioni e [stabilisce che esse] possono convivere in maniera pacifica”. “Purtroppo – conclude – alcuni sono più uguali di altri. In Madhya Pradesh, lo Stato con 50 anni di Legge anti-conversione alle spalle, di sicuro la maggioranza [indù] e i suoi scagnozzi hanno il loro manuale di regole”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/06/2017 08:52:00 INDIA
    Cristiani del Madhya Pradesh: giustizia per la suora arrestata con false accuse di conversioni forzate

    Suor Bina Joseph è “traumatizzata”. La religiosa rinchiusa per 12 ore insieme a quattro ragazze tribali. L’arcidiocesi di Bhopal presenta un esposto al capo delle ferrovie statali. Le donne si trovano nel Centro pastorale. Vice provinciale delle carmelitane: “Continueremo a servire i poveri”.



    14/06/2017 10:15:00 INDIA
    Madhya Pradesh, una suora arrestata (e rilasciata) per ‘conversioni forzate’

    Suor Bina Joseph e quattro ragazze rimaste in custodia della polizia ferroviaria per 12 ore. Rilasciate dopo l’interrogatorio. La denuncia da parte dei giovani fondamentalisti indù del Bajrang Dal e Matrushakti. Vescovo di Bhopal: “L’atteggiamento degli agenti è da condannare”.



    23/05/2016 12:15:00 INDIA
    Madhya Pradesh, tre cristiani evangelici arrestati per “conversioni forzate”

    Sono il pastore V A Anthony, sua moglie Prabha e un’altra donna. Polizia e radicali indù li hanno fermati e portati alla stazione. Qui gli estremisti hanno aspettato fino a quando i giudici hanno respinto la richiesta di rilascio su cauzione. Leader cristiano denuncia i rischi per la libertà religiosa sotto il governo dei nazionalisti indù.



    26/04/2017 12:02:00 INDIA
    Madhya Pradesh: dopo otto anni, vescovo assolto dall’accusa di conversione forzata

    Mons. Mathew Vaniakizhakkel è il vescovo emerito di Satna. Insieme a cinque cattolici, nel 2009 egli è stato denunciato per conversione, cospirazione e disturbo della pace tra le religioni. L’accusatore poi si è pentito e ha chiesto perdono. Leader cristiano: “La legge anticonversione è uno strumento per molestare i cristiani”.



    16/12/2015 INDIA
    Karnataka: assolti otto cristiani, accusati di conversioni forzate
    I giudici di Puttur hanno stabilito la loro innocenza. Erano detenuti dal 2007 perché incolpati di fare proselitismo tra gli indù. Leader cristiano: “I cristiani sono minacciati, insultati e molestati di continuo da estremisti indù di destra, che interrompono le preghiere anche nelle case private”.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®