23 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/01/2015, 00.00

    FILIPPINE

    Manila, milioni di fedeli in strada per il passaggio del Nazareno Nero



    La processione della statua di Cristo avrebbe attirato circa 10 milioni di persone, ma è ancora impossibile fare una stima precisa. Aprendo la festa, il card. Tagle invita i presenti a mettere al primo posto umiltà e spiritualità: "Il vero devoto sa che senza il Signore non è nulla".

    Manila (AsiaNews) - Milioni di cattolici filippini sono scesi in strada per partecipare alla processione del Nazareno Nero nel giorno della sua festa, una delle più sentite di tutto il Paese. Secondo i sacerdoti del distretto di Quiapo - dove la statua del Nazareno Nero è riposta durante il corso dell'anno - l'affluenza totale durante la parata tocca i dieci milioni, anche se è ancora impossibile fare una stima precisa.

    Il governo municipale ha mobilitato più di 3.500 agenti di pubblica sicurezza per garantire l'ordine durante la festa, nota anche come "traslacion". Tuttavia, sembra che un uomo sia morto nel corso della processione per un attacco cardiaco. La processione ricorda il primo spostamento della statua, che da una chiesa del distretto di Intramuros venne portata proprio a Quiapo il 9 gennaio 1767.

    La statua del Nazareno Nero rappresenta Gesù piegato sotto il peso della Croce. Essa è stata portata a Manila da un sacerdote agostiniano spagnolo nel 1607 a bordo di una nave proveniente dal Messico. Secondo la tradizione  l'imbarcazione ha preso fuoco durante il viaggio, ma l'immagine del Cristo è scampata miracolosamente all'incendio assumendo il colore nero. Nonostante il danno, la popolazione di Manila decide di conservare e onorare l'effige. Da allora, la statua è chiamata il Nazareno Nero e molte persone assicurano di aver ricevuto la guarigione da malattie toccandone la superficie.

    Nei secoli l'aura miracolosa che circonda l'immagine del Cristo ne ha fatto uno dei simboli del popolo filippino. In questi anni i vescovi hanno concesso una copia della statua ai cristiani di Mindanao, troppo lontani per partecipare in massa alla processione di Quiapo. Le celebrazioni si tengono a Cagayan de Oro in contemporanea con la capitale il 9 gennaio, festa del Nazareno, e il venerdì Santo.

    Ad aprire la festività è stato questa mattina l'arcivescovo della capitale, il card. Luis Antonio Tagle, che ha invitato i fedeli presenti a cambiare vita, mettendo al primo posto umiltà e spiritualità: "Alzate gli occhi verso Dio e inchinatevi. Il vero devoto è colui che alza gli occhi, li abbassa e poi si inchina al Signore perché sa che senza di Lui egli non è nulla". 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/01/2017 11:00:00 FILIPPINE
    Manila, milioni di fedeli alla processione del Nazareno Nero. Allerta per il rischio attentati

    La centenaria statua del Cristo ha sfilato nel centro della metropoli, cattolici in preghiera per chiedere grazie e miracoli. Migliaia di poliziotti hanno pattugliato le strade della capitale. In calo gli incidenti rispetto al passato: nessuna vittima, un centinaio di feriti lievi. Card Tagle: amore disinteressato e servizio agli altri seguendo l’esempio di Gesù.

     



    08/09/2017 08:57:00 FILIPPINE
    Card. Tagle: Le campane a morto contro la distruzione delle vite

    L’arcivescovo di Manila rilancia la tradizione del suono delle campane alla sera per ricordare i defunti. “Non possiamo promuovere una cultura filippina umana e decente con le uccisioni”. L’appello a pastori e laici per la solidarietà con le vittime e le loro famiglie, in polemica con la campagna di "pulizia" lanciata dal presidente Duterte.



    21/08/2017 10:25:00 FILIPPINE
    Il card. Tagle contro la guerra alle droghe di Duterte: ‘Stop allo spreco di vite umane’

    In meno di quattro giorni, la polizia ha ucciso 32 presunti spacciatori a Bulacan e altri 49 a Manila. Il card. Luis Antonio Cardinal Tagle, arcivescovo di Manila, invita il governo al dialogo: “Il problema della droga non deve esser ridotto ad un problema politico o penale. Esso è una questione umanitaria che colpisce tutti noi”. “Ricordate le parole che Dio disse a Caino, il quale aveva ucciso suo fratello Abele: ‘La voce del sangue di tuo fratello grida a me dal suolo!’ (Genesi 4:10)”.



    09/01/2008 FILIPPINE
    Manila, 80mila fedeli per la processione del Nazareno Nero
    I fedeli si sono radunati per seguire la tradizionale processione della statua in legno nero che rappresenta il Cristo che porta la croce verso il Calvario. Secondo i fedeli locali, essa è miracolosa. Ingenti misure di sicurezza per evitare attentati.

    09/01/2014 FILIPPINE
    Nazareno nero, card. Tagle: Non si può essere cristiani e rubare ai nostri fratelli
    Milioni di fedeli partecipano alla processione del Nazareno Nero di Quipao. Nell'omelia l'arcivescovo di Manila si scaglia contro la corruzione. Per il presule troppi atti di cui bisogna vergognarsi vengono spesso commessi con orgoglio. Solo pregando Dio si possono ricordare le persone che soffrono. Senza un rapporto con il Signore presto le vittime dei tifoni e delle guerriglie di Mindanao saranno dimenticate.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®