4 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/08/2012
SIRIA - ONU
Onu diviso: Kofi Annan si dimette, cresce la guerra in Siria
Per l'ex segretario dell'Onu non c'è collaborazione da parte del governo siriano e da parte dell'opposizione. Ma soprattutto vi è divisione nel Consiglio di sicurezza e nella comunità internazionale con accuse reciproche e appoggi di parte. Ieri sono state uccise 130 persone in conflitti che hanno coinvolto anche Damasco ed Aleppo. Oggi la Lega araba propone una risoluzione all'Assemblea generale delle Nazioni Unite per criticare le minacce della Siria sull'uso di armi chimiche. L'escalation militare di Damasco e dei ribelli sostenuta dagli stessi Paesi del Consiglio di sicurezza.

Ginevra (AsiaNews) - Kofi Annan, ex segretario generale dell'Onu si è dimesso dal suo posto di inviato alla ricerca di un cessate-il-fuoco in Siria, accusando un diviso Consiglio di sicurezza e una crescente militarizzazione del conflitto.

In una conferenza stampa, Annan ha parlato di "una chiara mancanza di unità" nel Consiglio di sicurezza, che ha continuato a "puntare il dito e ad offendersi" reciprocamente, mentre sul terreno hanno dominato "l'intransigenza del governo siriano" e "una crescente campagna militare dell'opposizione".

Annan era stato nominato sei mesi fa inviato speciale dell'Onu e della Lega araba per cercare una soluzione pacifica alle tensioni in Siria che, iniziate con manifestazioni pacifiche nel marzo 2011, si sono trasformate via via in una guerra civile.

La proposta dell'ex segretario Onu si basava sull'attuazione di un cessate-il-fuoco da entrambe le parti e sull'avvio di una transizione politica. Nessuna delle due condizioni si è attuata.

Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia hanno di continuo lavorato per porre sanzioni contro Assad, chiedendone la caduta; Cina e Russia vi hanno sempre resistito; Arabia saudita e Qatar hanno armato sempre più le opposizioni e i guerriglieri; l'Iran ha promesso di essere sempre al fianco della Siria.

Kofi Annan ha dichiarato che i problemi della Siria si sono "accresciuti per la divisione della comunità internazionale". "Mentre il popolo siriano ha bisogno urgente di azione, si continua a puntare il dito ed accusarsi [reciprocamente] nel Consiglio di sicurezza".

"La Siria - ha aggiunto - può essere salvata dalla peggiore calamità se la comunità internazionale può mostrare il coraggio e la leadership necessaria a un compromesso sui loro interessi di parte per il bene del popolo siriano, per gli uomini, le donne e i bambini che hanno già sofferto troppo".

All'annuncio delle dimissioni di Annan, che diventano effettive dal 31 agosto, Russia, Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia hanno cominciato proprio a puntare il dito reciprocamente per addossare all'altro la colpa del fallimento.

Vitaly Churkin, ambasciatore russo all'Onu ha accusato i "poteri occidentali" che hanno bloccato "proposte bilanciate e ragionevoli"; la Casa Bianca afferma che la colpa è di Russia e Cina che non hanno appoggiato "risoluzioni significative contro Assad"; William Hague, ministro britannico degli esteri, insieme alla Francia, hanno criticato "i veti" posti da Russia e Cina.

La Siria ha espresso dispiacere per le dimissioni di Annan.

Quest'oggi in un tentativo disperato di tenere viva la diplomazia, la Lega araba chiederà un voto all'Assemblea generale dell'Onu per "esprimere la profonda preoccupazione sulla minaccia delle autorità siriane di usare armi chimiche e biologiche". La Russia ha già detto che non voterà la risoluzione perché "troppo di parte". Anche se la risoluzione passa, essa non ha valore vincolante.

Intanto, la situazione sul terreno è sempre più disperata. Secondo il Comitato di coordinamento locale, ieri in Siria sono state uccise 130 persone, anche nelle due grandi città di Damasco e Aleppo. Secondo attivisti anti-Assad, in 17 mesi di rivolte sono morti più di 20mila persone, in maggioranza civili.

Mentre si discute su una maggiore unità della comunità internazionale, Arabia saudita e Qatar aumentano il loro sostegno economico ai ribelli; Gran Bretagna e Francia offrono loro strumenti di comunicazione per la guerra; gli Stati Uniti offrono 25 milioni di dollari per un sostegno "non letale" all'opposizione; la Russia vende armi alla Siria.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/06/2012 SIRIA - ONU
Accuse reciproche fra Damasco e i ribelli sul nuovo massacro di Qubair
07/06/2012 SIRIA
Vicario apostolico di Aleppo: no alla morte dei bambini sfruttata per fini politici e strategici
08/01/2013 ONU-SIRIA
Ban Ki-moon critica Assad per le terribili sofferenze della popolazione siriana
03/04/2012 SIRIA - ONU
Assad promette la fine delle violenze entro il 10 aprile, secondo il piano di pace dell'Onu
04/08/2012 SIRIA - ONU
L'esercito si riprende Damasco; combattimenti ad Aleppo

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate