26 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/05/2009, 00.00

    VATICANO – ISRAELE

    P. Jaeger: I cattolici attendono la restituzione del Cenacolo



    Il francescano israeliano sottolinea che la Custodia di Terra Santa e la Chiesa continuano ad esigere il ritorno di questo Luogo Santo. Nel 2000 molti media avevano suscitato aspettative che Israele avrebbe restituito il Cenacolo al papa Giovanni Paolo II, ma finora tutto ciò non si è avverato. Una questione che attende una soluzione.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – La Custodia di Terra Santa e la Chiesa nel mondo continuano ad esigere la restituzione del Cenacolo, che secondo alcuni media il governo israeliano aveva promesso di ridare alla Chiesa già ai tempi di Giovanni Paolo II. L’edificio del Cenacolo è il luogo dove oggi Benedetto XVI ha recitato il Regina Caeli, nel suo pellegrinaggio ai Luoghi Santi. P. Pierbattista Pizzaballa, Custode di Terra Santa, salutando il pontefice, lo ha definito “il più piccolo e… forse anche il meno curato” dei Luoghi Santi, che evidenzia “tutte le contraddizioni della Terra Santa…, il Luogo della Santità di Dio, del suo amore incondizionato, e della piccolezza dell’uomo”. Nonostante ciò, egli ha proseguito, “il Cenacolo è anche la struggente e forte nostalgia della nostra casa e insieme la nostalgia di un Luogo santo che ci appartiene come cristiani e come Chiesa”.

    Sulla situazione odierna del s. Cenacolo, AsiaNews ha posto alcune domande al giurista francescano p. David-Maria A. Jaeger, esperto di rapporti Chiesa-Stato in Terra Santa.

    P. Jaeger, a chi “ appartiene” il Cenacolo?

    Il pellegrinaggio del Santo Padre al s. Cenacolo sul s. Monte Sion, Santuario dell'Ultima Cena, fa presente in modo inevitabile l'anomalia dell'attuale situazione di questo Luogo Santo. Esso si può definire “Luogo di Nascita della Chiesa” perché lì è avvenuta l’istituzione della Santa Messa e la discesa dello Spirito Santo. Il Cenacolo è divenuto proprietà della francescana Custodia di Terra Santa - e sua casa-madre - nel 14mo secolo, dono dei Re di Napoli, con la speciale approvazione e benedizione del Papa. Due secoli dopo, gli allora governanti ottomani di Gerusalemme hanno cacciato via i francescani con la violenza, ed ora il Luogo Santo è in potere del Governo di Israele.

    La Custodia francescana però, non ha mai rinunciato al suo diritto di proprietà rispetto al Luogo Santo, e per tutti questi secoli ha esigito ed esige tuttora la sua restituzione. Lo ha fatto e lo fa a nome di tutta la Chiesa Cattolica ovunque nel mondo, che, per mandato pontificio, la Custodia rappresenta in questo ed altri Luoghi Santi. Come segno perenne della non-acquiescenza nei risultati ingiusti dell'estromissione violenta, il titolo principale ed originale del Custode di Terra Santa rimane sempre quello di "Guardiano del s. Monte Sion", come si vede anche dal suo sigillo.

    Quali sono le prospettive concrete per la restituzione del Cenacolo?

    E' ben noto - come i media riferirono all'epoca - che c'era molta speranza che il Governo avrebbe effettuato la restituzione nel 2000, in occasione del Pellegrinaggio del Servo di Dio papa Giovanni Paolo II. Naturalmente - come pure riferito dai media - simili speranze sono state riaccese all'annuncio del pellegrinaggio dell’attuale pontefice, papa Benedetto XVI.

    Anche questa volta, almeno fino a questo momento, le attese dell'orbe cattolico pare siano state deluse. Ma la Chiesa ha atteso per secoli ed è improbabile che rinunci ora a tale attesa.

    In effetti, la progressiva amichevole normalizzazione dei rapporti tra lo Stato e la Chiesa sta rafforzando tali attese, sostenute dalle ferventi preghiere dei cattolici di tutto il mondo, ai quali il pellegrinaggio del Santo Padre ricorda questa questione ancora da risolvere.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/06/2009 ISRAELE - VATICANO
    Israele revoca il sequestro di fondi della Chiesa in Terra Santa
    L’Ambasciata israeliana presso la Santa Sede dichiara che esso “non sarà effettuato” e che “la situazione rimane immutata”. Per il ministero degli Esteri si tratta di “un malinteso”. P. Jaeger spera che i negoziati fra Santa Sede e Israele, compreso lo statuto fiscale della Chiesa, si concludano con successo e al più presto.

    08/06/2009 ISRAELE - VATICANO
    Fondi sequestrati alla Chiesa in Terra Santa. Parla il delegato della Custodia
    P. David Jaeger spera che il gesto sia solo frutto di “un singolo funzionario” e venga sconfessato dal governo di Netanyahu. L’ambasciatore israeliano presso la Santa Sede è assente per una dichiarazione.

    09/03/2009 VATICANO - ISRAELE
    Nunzio in Israele: il papa viene come pellegrino per la pace
    Mons. Antonio Franco spiega i motivi e il valore del viaggio di Benedetto XVI in Terra Santa, all’indomani dell’annuncio ufficiale. Non una mossa politica, ma un incoraggiamento a superare le difficoltà e trovare soluzioni ai problemi.

    08/06/2009 ISRAELE - VATICANO
    Ministero delle finanze sequestra fondi della Chiesa. A rischio i negoziati Israele – Santa Sede
    A poche settimane dalla visita di Benedetto XVI in Israele, Yehezkel Abrahamoff, Capo esattore, ha bloccato i fondi per costringere le istituzioni ecclesiastiche a pagare le tasse, senza attendere le conclusioni del negoziato che vertono anche sullo statuto fiscale della Chiesa in Israele. Iniziativa personale o cambiamento di rotta del governo Natanyahu? Possibili disagi per scuole e ospedali.

    12/12/2009 ISRAELE
    “Morte ai cristiani”: scritte ebraiche vicino al Cenacolo a Gerusalemme
    La scritta è stata subito cancellata per non acuire la tensione fra cristiani ed ebrei. I responsabili sono forse dei giovani ebrei ortodossi. Nella zona del Cenacolo avvengono molte altre offese a preti, suore e ai Luoghi santi. Dubbi sulla capacità (o volontà) dello Stato a tutelare i Luoghi della cristianità.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®