16 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/01/2017, 11.21

    PAKISTAN

    Pakistan, cristiani e musulmani chiedono il rilascio degli intellettuali attivisti scomparsi (Foto)

    Kamran Chaudhry

    La Commissione per i diritti umani ha organizzato un seminario. I parenti degli intellettuali rapiti respingono le accuse di blasfemia, mosse dai radicali islamici. “È solo una mossa per rinchiuderli dietro le sbarre dopo il loro eventuale rilascio”.

    Lahore (AsiaNews) – Cristiani e musulmani difensori dei diritti umani chiedono il rilascio in piena sicurezza dei cinque attivisti scomparsi in Pakistan. Di loro si è persa ogni traccia da due settimane, dopo che avevano pubblicato commenti critici dell’estremismo religioso presente nella politica e negli ambienti militari. Essi sono: i cugini Waqas Goraya e Aasim Saeed, entrambi blogger; Salman Haider, noto poeta che insegna alla Fatima Jinnah Women’s University di Rawalpindi; Ahmed Raza Naseer, blogger e malato di poliomelite; Samar Abbas, presidente della Civil Progressive Alliance Pakistan.

    Ad AsiaNews Nadeem Anthony, avvocato cristiano, esprime grande preoccupazione per la sorte degli intellettuali liberali e laici nella Repubblica islamica. “È da condannare – afferma – l’atteggiamento rigido delle forze di sicurezza, comprese le sparizioni forzate e le incursioni negli uffici delle Ong. Il governo non può giustificare se stesso adottando questi metodi. Il suo compito non è mettere a tacere le persone”.

    A proposito delle opinioni espresse sui social media dai cinque scomparsi, l’avvocato ritiene che non fossero “critiche contro il Pakistan, servivano solo per accrescere la consapevolezza sulle ingiustizie ai danni dei poveri”. “È in atto una campagna contro gli attivisti – aggiunge – e sono trascorsi solo pochi giorni dall’inizio del 2017. Sta peggiorando la situazione dei diritti umani. Ad ogni modo, noi continueremo la nostra protesta”.

    Ieri la Commissione per i diritti umani del Pakistan (Hrcp) ha organizzato un seminario per accendere i riflettori sulle limitate possibilità di espressione per le organizzazioni sociali che operano nel Paese. I presenti hanno chiesto che venga restituita la libertà ai quattro blogger di Lahore e al professore di Rawalpindi. In loro favore si era espresso anche uno studente della University Law College di Lahore, ma è stato punito da altri colleghi radicali dell’ala studentesca dello Jamaat-e-Islam, che lo hanno torturato e tenuto in ostaggio per diverse ore.

    Secondo la Commissione, nel 2015 si sono registrati 1.390 casi di sparizioni forzate. Di esse, almeno 191 sono avvenute tra gennaio e novembre nella provincia del Balochistan, più volte denunciate proprio da Salman Haider, il professore scomparso.

    La posizione degli attivisti, già delicata di per sé, sembra aggravarsi, dopo che contro di loro sono state presentate delle denunce per blasfemia, crimine che in Pakistan è punito con la pena di morte. Per questo i familiari degli intellettuali ieri hanno organizzato una conferenza stampa a Islamabad, denunciando la “crudele campagna” scatenata dagli estremisti contro i loro parenti. “Questa campagna – hanno detto – ha il solo scopo di distogliere la simpatia del pubblico dal nostro dolore e dal dolore dei nostri cari, che sono stati rapiti in modo illegale”.

    A sostegno degli attivisti si schiera anche Rojar Randhawa, coordinatore della Caritas di Lahore, che sul suo account Facebook ha scritto in modo provocatorio: “Per favore non rapitemi e non uccidetemi. Non sono un liberale”.

    Saeeda Deep, fondatrice dell’Institute of Peace and Secular Studies, invita altri leader delle minoranze ad unirsi alla protesta. “I nostri cuori – riferisce – soffrono nel vedere cosa sta accadendo. I gruppi islamici hanno pronunciato condanne di blasfemia a carico degli scomparsi. In questo modo, anche in caso di un loro eventuale rilascio, saranno condannati a rimanere dietro le sbarre”. La donna confida che gli attivisti del Pakistan “nutrivano speranze verso il nuovo capo dell’esercito, ma ora le maglie dei militari sono diventate ancora più strette e i liberali fanno fatica persino a respirare. Uomini e donne attivisti, così come tanti studenti, vengono molestati. Quello del giovane torturato non è un caso isolato”.

    Attivisti scomparsi in Pakistan-1
    Attivisti scomparsi in Pakistan-1


    Attivisti scomparsi in Pakistan-2
    Attivisti scomparsi in Pakistan-2


    Attivisti scomparsi in Pakistan-3
    Attivisti scomparsi in Pakistan-3


    Attivisti scomparsi in Pakistan-4
    Attivisti scomparsi in Pakistan-4


    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/01/2017 11:34:00 PAKISTAN
    Pakistan, scomparsi quattro attivisti laici. Forse rapiti dalla polizia

    Sono il professor Salman Haider e i blogger Waqas Goraya, Aasim Saeed e Ahmad Raza Naseer. I quattro uomini sono spariti la scorsa settimana in varie città. Avevano espresso sui social network posizioni contrarie all’estremismo religioso e criticato le frange radicali di governo e militari.



    02/01/2018 15:06:00 PAKISTAN
    Lahore, intellettuali scagionati dall’accusa di blasfemia. La soddisfazione degli attivisti

    Le famiglie degli ex indagati valutano la possibilità di chiedere risarcimenti. La campagna d’odio “orchestrata dalle persone coinvolte nei rapimenti”. Il tweet di Donald Trump contro il finanziamento al terrorismo. Le leggi sulla blasfemia “continuano ad essere abusate”.



    18/01/2017 09:05:00 PAKISTAN
    Lahore, torturato uno studente per aver twittato in favore di intellettuali attivisti scomparsi

    Suhail Ahmad studia giurisprudenza alla University Law College e si è distinto per numerose competizioni studentesche. Un gruppo di radicali lo ha prelevato dalla sua stanza del campus e trascinato in un luogo segreto. È stato torturato e tenuto in ostaggio per tre ore. Aperta un’indagine contro gli aggressori.



    24/01/2017 15:37:00 PAKISTAN
    Attivisti pakistani: Il sequestro degli intellettuali è un fallimento dello Stato

    Da quasi tre settimane si sono perse le tracce del professor Salman Haider e di quattro blogger di Lahore. Forse sono stati rapiti per aver criticato le frange radicali del governo e dei militari. Chi è accusato di qualche crimine deve avere il diritto di difendersi davanti a un giudice. Il Pakistan ai primi posti tra i Paesi più a rischio per giornalisti e difensori dei diritti umani.



    28/01/2017 09:03:00 PAKISTAN
    Pakistan mette al bando un presentatore televisivo: diffonde “discorsi d’odio” contro gli attivisti scomparsi

    Aamir Liaquat Hussain conduce un programma sul canale Bol News. In passato è stato al centro delle polemiche per aver distribuito bambini abbandonati a coppie senza figli e per aver ospitato radicali islamici critici degli ahmadi. I suoi commenti rischiano di provocare reazioni violente contro coloro che chiedono il ritorno a casa dei cinque intellettuali spariti.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®