21 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/04/2017, 12.35

    PAKISTAN

    Pakistan, il processo di Asia Bibi potrebbe riprendere a giugno

    Kamran Chaudhry

    La madre cristiana incolpata di blasfemia langue da sette anni nel braccio della morte. La sua udienza finale è stata rimandata a data da stabilire dopo il ritiro di un giudice. Il caso di Asia Bibi di nuovo al centro dell’opinione pubblica dopo la richiesta di alcuni imam di eseguire la condanna a morte per impiccagione.

    Lahore (AsiaNews) – Il processo di Asia Bibi, la madre cristiana condannata a morte per impiccagione per presunta blasfemia, potrebbe riprendere a breve, forse nella prima settimana di giugno. Lo ha dichiarato Saiful Malook, difensore della donna rinchiusa da sette anni nel braccio della morte e in attesa di giudizio. L’avvocato riferisce che “la richiesta di riaprire l’udienza è stata presentata al presidente della Corte suprema del Pakistan la scorsa settimana. Il caso continua a essere rimandato a causa dei problemi di questo Paese. Siamo nel mezzo di una continua guerra tra l’islam e i kufr (infedeli). Ma le nostre speranze per la sua liberazione sono molte”.

    Ad AsiaNews l'avvocato parla della riapertura della causa davanti ai giudici della Corte suprema. I suoi commenti giungono in seguito a trasmissioni televisive in cui alcuni commentatori politici hanno discusso dell’abuso delle leggi che puniscono le offese al profeta Maometto e del clima di intolleranza presente nella società.

    Lo scorso ottobre 2016 i giudici del Tribunale supremo hanno rinviato il processo contro Asia Bibi a data da stabilire. La corte, composta da tre giudici e guidata da Mian Saqib Nisar, ha deciso di rimandare l’udienza finale dopo che uno dei magistrati – Iqbal Hameed-ur-Rehman – si è ritirato dal caso, sostenendo che era stato membro anche della corte che ha deciso sulla vicenda giudiziaria di Salmaan Taseer, il defunto governatore della provincia del Punjab.

    I riflettori su Asia si sono riaccesi questa settimana, dopo le dichiarazioni feroci di alcuni imam di spicco che ne chiedevano l’esecuzione come “deterrente” per le violenze che hanno portato al linciaggio di Mashal Khan. Lo studente dell’università di Mardan è stato ucciso, denudato e torturato per presunto inneggiamento alla fede ahmadi.

    Il rev. Jimmy Mathew, vescovo luterano di Mardan, afferma che le leggi sulla blasfemia “fanno soffrire sia le minoranze religiose che la maggioranza. C’è paura e confusione totale. Inoltre la polizia e le autorità dell’ateneo continuano a rimpallarsi la responsabilità della morte dello studente”. Il reverendo lamenta che “i tribunali e le forze di sicurezza diventano attivi solo quando la violenza è già avvenuta”, mentre “persone come Asia Bibi continuano a soffrire nonostante le prove a loro carico siano insufficienti. L’accusa di blasfemia è essa stessa una condanna a morte”.

    Infatti in Pakistan il solo sospetto di offese al profeta può scatenare la reazione dei musulmani più radicali. Per questo motivo gli intellettuali liberali e blogger rapiti a gennaio e liberati dopo un mese, su cui pende un processo per blasfemia, sono scappati dalla madrepatria o hanno fatto perdere le proprie tracce. L’unico che ha avuto il coraggio di uscire allo scoperto, Ahmad Waqas Goraya, ha parlato di torture inaudite. Egli teme inoltre che la violenta campagna attuata contro di lui dagli estremisti islamici su radio e canali televisivi, che lo dipingono come blasfemo, possa perseguitarlo fino in Europa, dove si è rifugiato.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/05/2017 16:33:00 PAKISTAN
    Lahore, leader cristiani contro le violenze religiose. Un imam: Per il blasfemo, l’unica punizione è la decapitazione (Video)

    Gruppi islamici esigono il rilascio degli arrestati per linciaggio di un giovane studente “blasfemo”: I prigionieri “sono servitori del profeta Maometto!”. Lo Stato appare “assente” e i crimini rimangono impuniti.



    13/10/2016 12:08:00 PAKISTAN
    Ancora rinviata l’udienza finale per Asia Bibi. La Chiesa locale chiede di pregare

    Oggi a Islamabad si doveva svolgere l’appello finale, dopo che nel 2014 era già stato rinviato. Un giudice ha rifiutato di presentarsi, forse per timore. La donna è accusata di blasfemia, ma ha sempre negato ogni addebito. È in carcere dal 2009. Musulmani vogliono la sua “rapida impiccagione”.



    18/04/2017 11:54:00 PAKISTAN
    Imam pakistani chiedono l’esecuzione di Asia Bibi, dopo il linciaggio dello studente di Mardan

    Per i leader islamici l’impiccagione della madre cristiana sarebbe un deterrente per le violenze di massa. Per loro è giustificabile il comportamento degli studenti che hanno ucciso e seviziato un loro collega per presunta blasfemia. Commissione Giustizia e pace: “Le università devono insegnare il pensiero critico, le virtù della tolleranza, della coesistenza e dell’accettazione”.



    15/10/2016 10:30:00 PAKISTAN
    Pakistan, estremisti islamici in piazza per impiccare la “blasfema” Asia Bibi

    Manifestazioni a Lahore, Islamabad, Karachi e in altre parti del Paese. Scandendo lo slogan #HangAsia, essi chiedono che la donna cristiana e madre di cinque figli sia giustiziata. L’ira e la frustrazione dei cristiani affidata ai social network. Il Pakistan “non garantisce sicurezza e giustizia alle minoranze”. 

     



    14/04/2017 12:29:00 PAKISTAN
    Mardan, sdegno di cattolici e attivisti per lo studente linciato a morte per presunta blasfemia (Video)

    La vittima si chiamava Mashal Khan e aveva 23 anni. Studiava giornalismo presso la Abdul Wali Khan University. Nel campus si era diffusa la voce che gli attribuiva commenti in favore degli ahmadi su Facebook. “Abbiamo creato una società in cui gli studenti diventano assassini”. “La responsabilità è di tutti: politici, autorità, partiti radicali che rimangono in silenzio e sostengono l’estremismo”.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®