18/12/2015, 00.00
VATICANO - ITALIA
Invia ad un amico

Papa: Dio ci dia la grazia di sentirci "scartati"

Francesco apre la Porta Santa della Carità di un centro Caritas di Roma. Dio "ci dà la misericordia e la grazia e per avvicinarsi a quella grazia dobbiamo avvicinarci agli scartati, ai poveri, a quelli che hanno più bisogno, perché su quell’avvicinamento tutti noi saremo giudicati”.

Roma (AsiaNews) – Le strade delle ricchezze, della vanità, dell’orgoglio, non sono strade di salvezza, perché quando ci sarà il Giudizio nostro, Gesù, per aprirci la porta del Cielo ci dirà “ero affamato e mi hai dato da mangiare; ero senzatetto e mi hai dato una casa; ero così, ero ammalato e sei venuto a trovarmi; ero in carcere, sei venuto a trovarmi”. Sono parole che papa Francesco ha rivolto, oggi pomeriggio, a 200 persone, riunite nella mensa san Giovanni Paolo II, accanto alla stazione Termini, la stazione centrale di Roma, in rappresentanza di tutti i centri di accoglienza della Caritas diocesana.

In questo centro Caritas che comprende l'Ostello don Luigi Di Liegro – il direttore della Caritas che lo fondò nel 1987 - e la Mensa san Giovanni Paolo II, Francesco è arrivato poco dopo le 16 per aprire la Porta Santa della Carità (nella foto). Il Papa l’ha aperta  guidando una processione che intonava le litanie dei santi. Tra questi alcuni legati alla misericordia e importanti per Roma, come san Filippo Neri, santa Fabiola, santa Giacinta, san Damiano di Molokai e san Giovanni Paolo II, accanto ai “martiri della giustizia e della carità”, il beato Oscar Romero e la beata Madre Teresa di Calcutta.

Alla messa celebrata subito dopo l’apertura della Porta Santa sono stati ammessi  esclusivamente persone delle strutture di accoglienza e i loro parenti. A loro Francesco ha dedicato l’omelia, interamente a braccio, nella quale ha chiesto la grazia  “di sentirci scartati, perché noi non abbiamo alcun merito: soltanto Lui ci dà la misericordia e la grazia e per avvicinarsi a quella grazia dobbiamo avvicinarci agli scartati, ai poveri, a quelli che hanno più bisogno, perché su quell’avvicinamento tutti noi saremo giudicati”.

“Dio – aveva detto in precedenza - viene a salvarci e non trova miglior maniera per farlo che camminare con noi, fare la vita nostra. E nel momento di scegliere il modo, come fare la vita, lui non sceglie una grande città di un grande impero, non sceglie una principessa, una contessa, per madre, una persona importante, non sceglie un palazzo di lusso. Sembra che tutto sia stato fatto intenzionalmente quasi di nascosto. Maria, una ragazzina di 16, 17 anni, non di più, in un villaggio perduto nelle periferie dell’Impero Romano; e nessuno conosceva quel villaggio, sicuro. Giuseppe, un ragazzo che l’amava e voleva sposarla, un falegname che guadagnava il pane di ogni giorno. Tutto in semplicità, tutto di nascosto. E anche il rifiuto, perché erano fidanzati e in un villaggio così piccolo, voi sapete come sono le chiacchiere, no? Vanno in giro… E Giuseppe se ne accorse che lei era incinta, ma lui era giusto. Tutto di nascosto anche con la calunnia, con le chiacchiere. E l’Angelo spiega a Giuseppe il mistero: ‘Quel figlio che porta la tua fidanzata è opera di Dio, è opera dello Spirito Santo’. ‘Quando Giuseppe si destò dal sonno fece quello che aveva ordinato l’Angelo del Signore e se ne andò da lei e la prese per sposa’. Ma tutto di nascosto, tutto umile. Le grandi città del mondo non sapevano nulla. E così è Dio fra noi. Se tu vuoi trovare Dio, cercalo nell’umiltà, cercalo nella povertà, cercalo dove Lui è nascosto: nei bisognosi, nei più bisognosi, nei malati, gli affamati, nei carcerati”.

“Gesù quando ci predica la vita, ci dice come sarà il Giudizio nostro, non dirà: ‘Ma, tu vieni con me perché hai fatto tante belle offerte alla Chiesa, tu sei un benefattore della Chiesa, vieni, vieni al Cielo, perché…’. No! L’entrata al Cielo non si paga con i soldi, eh? Non dirà: ‘Tu sei molto importante, hai studiato tanto e hai avuto tante onorificenze, vieni al Cielo…’. No! Le onorificenze non aprono la porta del Cielo. Cosa ci dirà Gesù per aprirci la porta del Cielo? ‘Ero affamato e mi hai dato da mangiare; ero senzatetto e mi hai dato una casa; ero così, ero ammalato e sei venuto a trovarmi; ero in carcere, sei venuto a trovarmi’. Gesù è nell’umiltà. E l’amore di Gesù è grande. Per questo oggi all’aprire questa Porta Santa, io vorrei che lo Spirito Santo aprisse il cuore di tutti i romani e gli facesse vedere qual è la strada della salvezza. Non c’è lusso, non c’è la strada delle grandi ricchezze, non c’è la strada del potere. C’è la strada dell’umiltà. E i più poveri, gli ammalati, i carcerati…, ma Gesù dice di più, eh? ‘I più peccatori, se si pentono, ci precederanno nel Cielo’, loro hanno la chiave. Quello che fa la carità è quello che si lascia abbracciare dalla misericordia del Signore”.

“Noi oggi apriamo questa porta e chiediamo due cose. Primo, che il Signore ci apra la porta del nostro cuore, a tutti. Tutti ne abbiamo bisogno, tutti siamo peccatori, tutti abbiamo bisogno di sentire la Parola del Signore e che la Parola del Signore venga. Secondo, che il Signore faccia capire che la strada della sufficienza, che la strada delle ricchezze, che la strada della vanità, che la strada dell’orgoglio, non sono strade di salvezza. Che il Signore ci faccia capire che la sua carezza di Padre, la sua misericordia, il suo perdono, è quando noi ci avviciniamo a quelli che soffrono, quelli scartati nella società: lì è Gesù. Questa porta, che è la porta della carità, la porta dove sono assistiti tanti, tanti scartati, ci faccia capire che anche sarebbe bello che ognuno di noi, ognuno dei romani, eh?, ognuno di tutti i romani si sentisse scartato e sentisse il bisogno dell’aiuto di Dio. Oggi noi preghiamo per Roma, per tutti gli abitanti di Roma, per tutti, incominciando da me, perché il Signore ci dia la grazia di sentirci scartati, perché noi non abbiamo alcun merito: soltanto Lui ci dà la misericordia e la grazia e per avvicinarsi a quella grazia dobbiamo avvicinarci agli scartati, ai poveri, a quelli che hanno più bisogno, perché su quell’avvicinamento tutti noi saremo giudicati. Che il Signore oggi, aprendo questa porta, dia questa grazia a tutta Roma, a ogni abitante di Roma per poter andare avanti in quell’abbraccio della misericordia dove il Padre prende il Figlio ferito ma il ferito è il Padre: Dio è ferito d’amore e per questo è capace di salvarci tutti. Che il Signore ci dia questa grazia”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
​Papa: l’educazione strumento per promuovere ‘gli ultimi e gli scartati’
16/05/2019 13:54
Card. D’Rozario: Guarire i malati e perdonare i peccati dell’uomo
13/02/2019 12:34
Giornata del Malato, card. Turkson: donare l’amore di Cristo in maniera gratuita (Foto e video)
11/02/2019 11:41
La prossima Giornata del malato a Calcutta, sotto il segno di Madre Teresa
06/02/2019 15:48
GMG: Papa, la Via Crucis di Gesù continua oggi tra indifferenza ed egoismi
26/01/2019 09:45